mercoledì 30 gennaio 2013

Contatta subito il tuo dottore se...



Ti fa male la pancia?

Ti viene la febbre, la nausea uno sfogo allergico?
No,
"se noti dei cambiamenti nel tuo comportamento o se inizi a pensare al suicidio!"
Io ogni volta che sento sta frase rabbrividisco.
Il punto è che qui il nostro generico: "è un medicinale leggere attentamente il libretto illustrativo" non esiste. Qui, la voce fuori campo, che va comunque velocissima, snocciola ad uno ad uno tutti gli effetti collaterali di ogni singolo medicinale. Con voce calma e serafica ti allerta sui vari rischi tra cui molto spesso "potrebbe anche avere conseguenze fatali".

Io non sono una fan delle medicine, in generale, però da quando sono qui la mia reticenza è aumentata anche per questo motivo. E seguendo un filo totalmente irrazionale, ma molto patriottico, quelle poche e necessarie, me le sono sempre caricata in valigia.  Italian do it better è un po'anche il mio slogan oltre che di Madonna :)

venerdì 25 gennaio 2013

26 Gennaio 19XX Last but not least


Non sempre è gradevole guardarsi allo specchio, sopratutto se sei di cattivo umore e lo sguardo si ferma sui difetti e non vedi nient'altro. O magari hai avuto solo una brutta giornata e non hai voglia di raccontarti storie.
Credo che lei si senta così quando mi osserva, si vede riflessa in un immagine alterata.
Vede la parte di se che le piace di meno, quella da cui è fuggita tanto tempo fa o anche qualcosa che poteva essere, ma che non è stato perchè lei è diversa.
Completamente diversa.

giovedì 24 gennaio 2013

Sono in paradiso?


Ora non per fare un'apertura da Studio aperto, ma qui fa un freddo, ma un freddo! Siamo arrivati a -12º C, una roba da non poterci credere. 
Ieri mattina ho tolto un guanto per un nano secondo e il mignolo ha perso conoscenza, gli ho dovuto fare la respirazione bocca a bocca!
Poverino.
E poi sono stata costretta ad accendere il riscaldamento, nonostante il dubbio che la puzza abbia qualcosa a che fare con lui.
A proposito, grazie a tutti per i suggerimenti per risolvere il problema, li proverò ad uno ad uno. 

martedì 22 gennaio 2013

La quarta stagione


L'anno scorso di questi tempi giravo per le strade sconosciute e gelide di New York cercando casa. Non nevicava e ne ero felice, perché l'idea di trascinarmi da una parte all'altra della città con gli stivali  affondati nella neve mi terrorizzava.  Però adesso ci vorrebbe una bella nevicata. Una nevicata che porti silenzio e pulizia, quiete, divano e copertina. 
Anzi sul divano ci sarebbe un problemino.

venerdì 18 gennaio 2013

Cose dell'altro del nuovo mondo


Nella vita di ognuno di noi ci sono momenti intensi. Di solito è il periodo che anticipa grandi cambiamenti, scelte importanti, nuove avventure che maggiormente ci mette inquetudine.
Sono istanti in cui il cuore batte forte, le endorfine si mescolano all'adrenalina e nel sangue scorre un cocktail di ansia e eccitazione, letargia che si alterna ad insonnia.
A quel punto la voglia di raccontare, spiegare, chiedere consigli o supporto diventa un'urgenza.
Almeno per me.
Non sono un tipo riservato e chiuso, sono una persona che ha bisogno di esporre per non esplodere, di raccontare per non scoppiare.
Fermerei le persone per strada, coprendole di parole, solo per svuotare la mia mente. Per provare un po' di sollievo.

martedì 15 gennaio 2013

Metti un ebreo a Williamsburg. E pure qualcuno di più



Uno dei motivi per cui amo il quartiere in cui vivo è l'incredibile varietà di visi, occhi e cappelli che incrocio per strada. Ho già parato dei miei amici Hipster, che però non sono la maggioranza o almeno non nella parte sud, dove esiste un piccolo grande microcosmo ebraico. Ordtodossamente ebraico.
La popolazione di ebrei Hasidic a Williamsburg è di circa 45.000.
Hanno una storia affascinante e dolorosa dalla quale faticano a separarsi. Un insieme serrato di abitudini e tradizioni rendono questo quartiere insieme magico e inquietante. É come viaggiare indietro nel tempo  o addirittura spostarsi in un'altra dimensione, dove vigono regole diverse, principi diversi e sicuramente un diversa percezione del calore :)

venerdì 11 gennaio 2013

Propositi? Meglio desideri



Ne avete fatti anche voi, lo so. E' una di quelle cose che ti si appiccicano addosso, un ever green: anno nuovo, nuova vita. 

Qualche tempo fa, sempre la mia insegnante di inglese, ci ha fatto leggere un articolo che suggeriva delle strategie per raggiungere i propositi per il nuovo anno. Inizialmente mi parevano le solite cose:
proporsi obbiettivi raggiungibili e non stratosferici (voglio perdere una taglia e non diventare Kate moss. Ecco magari questa Kate e non questa :)) darsi scadenze a breve medio termine, in modo che la forza di volontà non perdesse la sua propulsione strada facendo e bla bla bla.
Tutto un po' noioso fino a che sono arrivata a leggere di stickk.com *
Pensavo forse uno scherzo, giuro.
Invece no.
Esiste davvero un sito internet nel quale tu paghi una cifra e ti proponi, che ne so, di ridurre il tuo giro vita (sto facendo tutti esempi riguardo al peso, ma c'è un perché +_+) se non raggiungi il tuo obbiettivo nei tempi prefissati i tuoi soldi vanno finire laddove non vorresti mai.
Ad esempio se sei un democratico irreprensibile verranno versati alla fondazione di George Bush se sei un ultrà dei Celtics ai tifosi dei Knicks e via discorrendo.
Ma quanto sono americani gli americani?

lunedì 7 gennaio 2013

Tornare a casa


Tornare a casa è stato benedetto da un'alba mozzafiato.



è stato salame, polenta e budini al cioccolato con panna montata.
è stato ingrassare tre chilogrammi.
Tornare a casa è stato immergersi tra la polvere e le scatole di un solaio per cercare documenti che possibilechenonsaimaidovemettilecose e riuscire a trovarli, facendomi  sentire orgogliosissima.
E' stato respirare l'aria pura di montagna e passare il natale quasi tutti insieme.
E' stato ricevere una notizia spiazzante e spiacevole che stava per togliermi tutto l'entusiasmo del rientro.
Poi però ho pensato che alle volte vedersi sbarrare una strada, significa doversi inventare nuovi, eccitanti e spericolati percorsi. 
Vi prego non ditemi che che chi lascia la strada vecchia per la nuova... perché non c'è alternativa  quindi guardiamo il bicchiere dal punto di vista della pienezza e presto avremo un nuovo inizio (e un altro trasloco) presto su questi schermi!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...