martedì 14 febbraio 2012

Happy Valentine



Lo stress unito alla fatica innesca una bomba, che prima o poi esplode, generando danni più o meno ingenti. Nel mio caso si è trattato di puntini rossi e urticanti sparsi in ogni dove. Una specie di avvertimento, nulla di grave, come se il mio corpo avesse voluto dirmi: 
"o ti fai logorare dall'ansia o ti spezzi la schiena, non tutto insieme!" 
Non posso dargli torto, ma non l'ho deciso, mi ci sono trovata in mezzo. E' capitato che per una serie di circostanze sfavorevoli mi ritrovassi da sola a riempire decine di scatole e poi di nuovo sola a svuotarle, a sistemare, pulire, riordinare.
E' successo che dopo aver cercato a lungo, la casa che avevamo scelto (che mi aveva scelta, per la verità, capitandomi davanti mentre non ci stavo pensando) sembrasse non essere più disponibile, con la conseguenza di rimanere sospesa a lungo, aspettando che si risolvessero disguidi,  cavilli e problemi, con un telefono che troppo spesso squillava a vuoto.
Il caso ha voluto che il mio  viaggio verso un'altra città e un'altra vita da costruire, coincidesse con una di Lui nuova, impegnativa e totalizzante avventura lavorativa. Così sentirsi rispondere un laconico sonoinrunione (si, tutto attaccato, per risparmiare tempo) ancor prima di aver potuto dire se mi ero data il martello su un dito o se avevo comprato il tavolo, è diventato la normalità. Tutto, improvvisamente, riguardava solo me. E non parlo solo dei disagi e della fatica, ma sopratutto delle scelte e dall'entusiasmo che ne deriva.  Ad un certo punto la stanchezza diventa rabbia e poi livore o indifferenza, non so decidere cosa sia peggio, ma anche se ti trovi a dormire vicino a lui, sullo stesso divano, al freddo, non ci sono abbracci consolatori, ma solo una distanza così immensa da fare spavento. Toglie il respiro rendersi conto che probabilmente è così che accade: l'amore non finisce, ma viene seppellito dai non detti, dal fastidio, dalla noncuranza e dalla voglia di trovare un colpevole al proprio malessere. Le persone si lasciano logorate dal fastidio di non trovare più accanto chi  fino a qualche tempo prima era l'oggetto del loro amore, ma solo un altro,  un nemico.

Un granello dopo l'altro un sentimento che sembrava inestinguibile, soffoca sotto il peso del lato brutto delle cose, ma soprattutto dell'impossibilità o incapacità di condividerne il lato buono. Visualizzavo l'immagine di una spiaggia e di ciò che lì veniva sepolto. Pensavo ad una paletta, alle biglie, poi ho pensato che mi piace sotterrarmi i piedi sotto la sabbia fino a farli scomparire completamente. E allora ho capito, che se sotterri qualcosa di vivo,questo si ribella. Al mio piede bastano due o tre mosse per liberarsi di valanghe di sabbia. Allora gli ho detto: 
"comunque io ti amo"
E il piede si è mosso. Sapevo che non si trattava di un secchiello. I sentimenti vanno riaffermati, raccontati, piuttosto vivisezionati, ma mai taciuti, mai trascurati. lL'atto più nobile e necessario che un essere umano possa fare è prendersi cura dei propri sentimenti.In tutta sincerità la frase per intero sarebbe dovuta essere:
"comunque, nonostante in questo preciso momento vorrei riempirti di mazzate, io ti amo"
ma un omissione non è una bugia.
Oggi sento di dover festeggiare, anche se è il 14 di febbraio.Auguri a tutti coloro che amano a modo proprio.

25 commenti:

  1. evviva l'amore troppo spesso confuso con la felicità e la soddisfazione. l'amore è fatica e niente meglio di questo post (ormai sono dentro) lo spiega... forza, in fondo lo sai che non sei sola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, non sono sola e nemmeno mi cisento. però mi capita di dover caricare tutto su sto groppone e non c'ho più l'età!

      Elimina
  2. Bellissimo, mi hai commossa. Abbiamo scritto post simili oggi, ma tu sei andata dritta al punto. Bravi anche voi. Un abbraccio e buon San Valentino!

    RispondiElimina
  3. lo stress unito alla fatica innesca una bomba..... atomica contro l'amore,ma non lo cancella: è solo che ti fa perdere la cognizione di tutto quello che continui a provare e non hai nemmeno la forza di sentirlo!Per fortuna ti sei ricordata della sabbia!!!tienine sempre un pochino nel pugno.Complimenti""""

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS Buon san Valentino anche a voi!

      Elimina
    2. me la tengo un po' di sabbia in mano, ottimo consiglio!

      Elimina
  4. Come sempre bel post. Spero che la casa nuova diventi un luogo dove puoi rilassarti e rigenerarti, così le magagne dello stress andranno via via a sparire. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pian piano sta succedendo, Grazie mille!

      Elimina
  5. è il proprio comunque che rende speciale un "ti amo" che potrebbe essere uno qualunque.... se non ci fossero i difetti da sopportare, le inc****ture da far passare, l'indifferenza dei giorni troppo impegnativi gli amori non sarebbero unici e speciali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pccato non ti sei firmata (perchè sei una donna vero?) hai scritto una cosa bellissima

      Elimina
  6. Presi dallo stress, dagli eventi, e, nel mio caso, dalla routine, ci si perde un po' via........ma non realmente, bisogna ricordarsi dell'amore, quello vero.
    Buon inizio! E Buon San Valentino, tutti i giorni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il tempo è malvagio alle volte, ma la fatica lo è sempre!
      baci

      Elimina
  7. Ma sai che pure io per una serie di eventi sfortunati mi sono smazzata l'ultimo trasloco internazionale da sola? Tra l'altro è andato tutto storto, ero stravolta di stanchezza, l'unica cosa che mi consolava era il pensiero che se mio marito avesse solo lontanamente immaginato non mi avrebbe mai lasciato sola!
    Adesso che ci trasferiamo in una casa più grande con una stanza in più non farò niente di niente, anche perché sono incinta quindi guiderò le operazioni dal divano come una Regina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A U G U R I!!!
      ti voglio super regina e spaparanzata (anzi spanciata) sul divano.(ora siamo a -2 per la casa fuori città!)

      Elimina
  8. pure io lo penso certe volte, "le mazzate" e "io ti amo".
    :)
    valescrive

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      la nuova versione del bastone e carota

      Elimina
  9. E' un pò che ti seguo in maniera anonima, ma oggi ho deciso di complimentarmi con te. Per tutto, per quello che scrivi, per il modo in cui lo fai e per quello che trasmetti.
    Grazie Francesca.

    RispondiElimina
  10. per me l'amore rimane sempre e comunque un mistero....e meno male che "comunque io ti amo", omissioni incluse.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mistero irrisolvibile, ma finchè vince l'amore sul comunque stiamo apposto, forse :D

      Elimina
  11. quando c'è un sentimento forte, tutto si affronta. L'importante è la comunicazione. Il silenzio ha seppellito molti rapporti. Le "mazzate" invece, hanno resuscitato molte storie moribonde...scherzo! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante! e diamola una mazzata ogni tanto a sti uomini :P

      Elimina
  12. lo scrivo qui, va: nei feriali sei in riunione, nei festivi stai studiando comunque, nonostante in questo preciso momento vorrei riempirti di mazzate, io ti amo.
    grazie per l'ospitalità ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi io glielo riferisco :)
      tieni duro, Mariantonietta, al massimo domani vorrai riempirlo di baci!
      Donnaconfuso

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...