lunedì 16 gennaio 2012

La bella lavanderina



Il mio primo corso di inglese lo feci a Malta. Avevo già una laurea in tasca e non ero esattamente una bambina, anche se un po' mi ci sentivo.
Era la prima volta che partivo da sola, nel senso di S O L A, senza un'amica, un fidanzato, un gruppo di suore (:)) 
Avevo indovinato un sacco di risposte al test di ingresso e mi avevano inserito in un livello superiore al mio grado di conoscenza, che corrispondeva a -1.
Per fortuna il mio insegnate mi aveva preso in simpatia e cercava di non farmi sentire a disagio per il fatto che capissi un decimo di quello che accadeva intorno a me.
Certo si partiva sempre da questo presupposto: l'italiana strana non ha capito niente.
E così successe anche quando fu il mio turno per rispondere alla domanda: "quale invenzione ha cambiato di più la tua vita?"
Non feci tempo ad aprire bocca che la classe insorse in una grossa risata, intervallata con qualche: "She didn't understand!"
Invece, quella volta, avevo capito perfettamente.
E provai pure a spiegare che tra le opzioni avevo scelto quella che personalmente aveva migliorato la mia vita. Dissi che io con la navicella spaziale non ci avevo fatto un gran ché e che l'aero era qualcosa di fantastico, ma che anche con la nave un tempo ci si muoveva.
Certo internet è una e vera e propria rivoluzione, ma chi avrebbe tempo di usare il computer, dovendo lavare a mano centinaia e centinaia di vestiti?


Si, avete capito bene. Secondo me, la più grande invenzione (tra quelle della lista s'intende) era proprio la mia insostituibile amica: miss whaser machine!
Tutto questo preambolo per introdurvi al nuovo scenario che mi si sta palesando: dover rinunciare ad avere una mia lavatrice personale e ricorrere alle lavanderie pubbliche. Mi paventano come straordinaria l'ipotesi di averne una nel palazzo senza dover uscire per strada. 
Ora voi dovete aiutarmi a capire: sono io che ho delle manie da igienista paranoica o lavare la mia bianchieria dopo che il tizio del secondo piano ha lavato la sua borsa della palestra (comprensiva di scarpe) non è sano?
E' una mia incapacità di adattamento o anche a voi farebbe strano inserire le vostre lenzuola, appena dopo che il vostro dirimpettaio ha tirato fuori la coperta con cui scalda la cuccia di Fido?
Le differenze culturali saltano fuori laddove uno non se le aspetta e ti si ritorcono contro: sto facendo la figura della pretenziosa perché chiedo almeno gli attacchi per la lavatrice. Sembra che stia pretendendo di avere una jacuzzi, mi guardano con quella faccia mista tra il rimprovero e lo stupore, che mi manda in bestia. Come se non bastasse una mia amica ha perfino messo in dubbio i miei presupposti, con un osservazione di questo tipo:
"ma come? in Italia ci sono solo case vecchie! Vorresti dirmi che anche lì hanno le lavatrici?"
Si, tesoro mio, pensa c'è addirittura chi decora la propria zona lavanderia da quanto è affezionato...
Tra voi c'è qualcuna che vive senza ed è felice di essere uscita dalla dipendenza?

27 commenti:

  1. Completamente no. Mi sono trovata a vivere a Firenze in un bf e ho dovuto lavare le mie cose nella lavanderia comune ,anche a me faceva schifo e´ di brutto :(
    W l´igene

    RispondiElimina
  2. Le lavanderie a gettoni sono più igieniche delle condominiali perchè disinfettano il cestello ad ogni lavaggio.
    Io ci ricorro solo in casi di emergenza (non ho l'asciugatrice a casa...me tapina!) o per le trapunte.
    Comunque anche io ho decorato la zona lavanderia in casa...anzi, me ne sono fatta riservare una in casa quando abbiamo ristrutturato :-)

    RispondiElimina
  3. hmmmm no, non avrei alcun problema a lavare le mie cose dopo qualcun altro. Si va di detersivo, no? W la chimica, certe volte :)

    RispondiElimina
  4. Guarda, io l'ho scoperto per esperienza personale: ci si abitua a tutto.

    RispondiElimina
  5. Oh Cara, sempre compagne di sventura eh? Qui a NOLA, avere la lavatrice in casa, è un lusso che pochissimi hanno. Molte casa non hanno nemmeno la possibilità di fare l'allaccio. Quando cercavo un appartamento, non sai quanti ne ho scartati per quel motivo. Per fortuna alla fine ne ho trovato uno che aveva la lavatrice e l'asciugatrice e me ne sono innamorata. Gli americani si credono tanto avanti ma in realtà non lo sono.

    RispondiElimina
  6. mi sono adeguata e rassegnata.
    valeriascrive

    RispondiElimina
  7. ma davvero, generalizzando, gli americani pensano che viviamo come ai tempi di ladri di biciclette o è la tua amica non particolarmente sveglia? Comunque la lavatrice in casa è un segno di civiltà (secondo me), la promiscuità lavanderina mi fa inorridire!

    RispondiElimina
  8. qui in svizzera le lavatrici costano un botto quindi negli appartamenti in affitto c'è quella condominiale, piu' di una a dire il vero, e l'asciugatrice altrimenti una stanza con ventilatore per asciugare (di solito io la preferisco alla asciugatrice).
    dove vivo ora la casa è mia e ognuno ha una zona lavanderia nel sotterraneo con la propria lavatrice e asciugatrice, nonchè piccolo lavandino e poi una comune stanza del secco (traduco dal tedesco)..ottima soluzione per ora! Peccato che ogni tanto la stanza sia usata da genta che non sa proprio come si stende!

    RispondiElimina
  9. @Wanesia anche per me è troppo troppo
    @Mammachetesta questo mi interessa molto: come li disinfettano?
    @Lucy sapevo che a qualcuna sarei parsa un po' fissata :) diciamo che sto facendo un piccolo test per vedere quanto :)
    @Spicy urgono foto di casa tua!! (anche in privato)
    @Valeriascrive io sono molto indecisa, le case con carattere non hanno le lavatrici,riesco a trovarle solo in appartamenti nuovi un po' omologati e tutti uguali...
    @Dee GENERALIZZANDO, purtroppo, gli americani pensano che siamo fermi agli anni '50. promiscuità lavanderia è fantastico!
    @Pinguino tu mi fai scoprire mondi sempre nuovi. la stanza del secco me la cerco su google

    RispondiElimina
  10. quando sono partita da roma per lisbona non avevamo ancora finito di arredare casa (a roma) e non avevo la lavatrice. poi non l'abbiamo più presa per paura che i mesi di inattività complici del calcare la rovinassero. e quindi ogni volta che torno vado di lavanderia a gettoni, una gran palla perché non è propriamente sotto casa, ci si deve andare in macchina, anche considerando il carico. magari avessimo le lavatrici condominiali! però non avevo mai pensato alle mie lenzuola subito dopo la coperta di fido e la cosa mi fa rabbrividire!

    RispondiElimina
  11. Posso capirti. Avevo purtroppo lo stesso problema quando iniziai a frequentare l'università. Stavo in un collegio e purtroppo non avevamo una lavatrice per persona a disposizione. T'immagini 22 lavatrici in una lavanderia? O una per stanza? O.o
    Ho dovuto abituarmi programmando per sei anni i lavaggi dopo quelli di qualcuna che conoscevo bene... :D

    RispondiElimina
  12. uhm...quando usato le lavanderie a gettoni (a Roma) ai tempi dell'università, l'ho fatto solo per i piumoni. Dire che mi facesse impressione (nonostante sappia che si usano i detersivi e alte temperature) è dire poco. Io la lavatrice ce l'ho a casa e sono felicissima così :D

    RispondiElimina
  13. io avevo questo problema da piccola. poi mi è passata.
    e adesso utilizzo tranquillamente la lavanderia a gettoni, che come ti dicevano, terminato ogni ciclo di lavaggio aziona una disinfezione automatica del cestello prima dell'utilizzo da parte del cliente successivo. infatti se la guardi prima di metterci i tuoi panni vedrai chè è pulitissima.

    gli americano che pensano che siamo negli anni 50 lo fanno per la maggior parte per fare i fighi...sanno perfettamente che non siamo più ai primi dell'ottocento ma gli piace prenderci un po' per i fondelli ;)

    RispondiElimina
  14. Certo cara, te ne manderò qualcuna, è un francobollo... forse in due inquadrature la vedi già tutta ;)

    RispondiElimina
  15. Ma cosa dici!è così bello lavare a mano con tutte quelle macchie che non se ne vanno neanche se rovini la stoffa a forza di strofinare e poi i panni stesi senza centrifuga che gocciolano per ore..giorni.La lavatrice in comune MAI MAI MAI!!!! Riesci a farmi sorridere anche in questi momenti di dolore Grazie

    RispondiElimina
  16. e' la prima cosa che ho comprato appena mi sono trasferita... Perfino prima della TV :-)!!

    RispondiElimina
  17. Questa cosa ha sconcertato anche me (vista negli Usa come a Londra). Ma perchè? perchè in un paese civilizzato ognuno non ha la sua lavatrice??
    Quando ho vissuto a Londra ho dovuto condividere la lavatrice (era in un locale condominiale) con tutti gli altri condomini e ti confesso che la cosa faceva un pò di ribrezzo anche a me!
    In compenso gli americani restano sbigottiti di fronte alle nostre stanze senza closet ("e i vestiti dove li metto?!" in un armadio no eh?) O_o

    RispondiElimina
  18. la lavanderia condominiale era una questione seconda solo alla mancanza in bagno di quella ceramica di forma dolce e dal nome lezioso e francofono che, se fossi poi partita, avrei preteso di far passare in aeroporto come bagaglio a mano. e lo sguardo tronfio avrebbe detto "ecco la civiltà, culisporchi" ;-) ok, ho esagerato...

    RispondiElimina
  19. Ciao passa da me... c'è una sorpresa per te!
    http://amaliatrice.blogspot.com/2012/01/vinco-io-vinci-tu.html#comment-form

    la bella lavanderina che lava i fazzoletti per i poverelli della città
    fai un salto
    fanne un altro
    fai la giravolta falla un altra volta
    guarda in su
    guarda in giu'
    dai un bacio a chi vuoi tu...
    a scelta, fai la riverenza fai la penitenza!!!

    RispondiElimina
  20. Cara, dopo che sei passata da Futura, sappi che sei stata premiata anche dalla sottoscritta. baciosi

    RispondiElimina
  21. Noooooo....io non potrei mai, nè farne a meno, nè, tanto meno, condividerla con qualcuno.
    E adesso che ho la mia bella colonna completa di lavatrice e asciugatrice, ne sono completamente dipendente.

    RispondiElimina
  22. In effetti però, l'esperienza della condovisione l'ho fatta...al "Modena", tanti anni fa, ti ricordi? E non mi piaceva per niente...

    RispondiElimina
  23. Mi, ricomincia a scrivere!

    RispondiElimina
  24. @Mariantonietta anche la mia casa in Italia, non è ancora "completa" siamo donne un po' gitane :)
    @Funambula mi hai dato un'idea: potrei diventare amica dei miei vicini e spiare le lore mosse :)
    @turistadimestiere voglio essere felice anche io ;)
    @Barbara, ma sai che non lo so? secondo me sono in tanti che ci credono davvero che andiamo in giro con i muli!!!
    @SgA ma me le hai mandate per caso e non le ho trovate? ora passo da te
    @Manonsolo :( obbedisco
    @Vale le sai tutte
    @Cristina ci ho fatto un post sulla loro disperata ricerca dei closets :)
    @Minneapolis aahahhahahaha sei troppo forte
    @Futura arrivo
    @Ste io non l'ho mai usata nemmeno al pensionato ;)

    RispondiElimina
  25. si si te le ho mandate per posta domenica! fammi sapere se non ti sono arrivate please :)

    RispondiElimina
  26. Come con molte altre cose, all'inizio dicevo ma sì, chisseneimporta, paese che vai usanze che trovi... adesso non solo mi fa un po' schifo usare la lavatrice comune, ma soprattutto detesto sempre di più l'asciugatrice, che oltre a essere stupidamente antiecologica mi priva del profumo dei panni asciugati all'aria sul mio balcone in Italia in riva al lago... ehm... se non mi passa questa botta di nostalgia comincio a preoccuparmi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché la nostalgia passa?
      No, dai scherzo!
      Comunque sai che io sono diventata fan delle asciugatrici? L'ho comprata anche per la casa in italia.
      Solo quelle di ultima generazione, perché quest'anno ne ho usata una che i vestitili cuoceva.
      C'è anche da dire che io il lago non lo vedo nemmeno con il binocolo :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...