giovedì 7 febbraio 2013

Il quotidiano dei ragazzi


Qualche settimana fa mi è arrivata una gentilissima email in cui mi si chiedeva di scrivere un pezzo per un portale dedicato ai giovani, diciamo pure giovanissimi, così da non invecchiare troppo me medesima :)
Avrei dovuto raccontare i pro e i contro della mia esperienza newyorchese e l'ho fatto con grande piacere. 
Perchè quando si tratta di parlare di Nyc non mi tiro mai indietro, ma anche perchè mi entusiasmava l'idea di scrivere per un pubblico diverso da quello che di solito raggiungo scrivendo qui. Se vi va di leggere l'articolo lo trovate qui o dopo il salto! Fatemi sapere cosa ne pensate! 
Io torno nella mia saletta delle deliberazioni sperando che lo spirito del saggio mi faccia visita!



Di New york odio

La puzza. Soprattutto a midtown, soprattutto d'estate, sopratutto intorno ai chioschi che vendono hot dog.
La povertà. perchè per molte persone che vivono qui è come passare tra le vetrine addobbate e non poterci nemmeno mettere piede. la differenza tra chi sta bene e chi non ce la fa è stridente e dolorosa. Le persone senza una casa che vivono per strada sono una piaga che un paese che si vanta di essere la miglior democrazia al mondo non dovrebbe permettersi di avere.
La competività. Quando ti alzi la mattina a Nyc devi cominciare a correre più della gazzella in Africa. Non devi però stare attento solo ai leoni che vogliono sbranarti, ma agli ominidi che vogliono farti le scarpe.
I fast food. Hamburg con più ormoni che carne,  bibite gasate dalle dimensioni smisurate e salse create per fare male alla salute. L'obesità è diventato un problema dannatamente serio da queste parti.
Il costo della vita. Questa città è spudoratamente cara punto :)
La non integrazione. Ci sono quartieri malconci, tristi e interamente abitati da persone di colore e quartieri lucenti, splendidi e interamente abitati da persone dalla pelle chiara. La strada per una vera e sincera integrazione è ancora lunga, nonostante Obama
Gli scarafaggi che si materializzano in bagno, così senza preavviso, senza invito. Ospiti che definire indesiderati è un eufemismo
E i topi che sono milioni di milioni e in continua evoluzione. Se ne contano tre pro capite per ogni abitante della grande mela. Qualcuno vuole i miei?
e poi ci sono i bedbags che infestano le case e le zecche che ti tormentano nei boschi
insomma con la fauna la odio più o meno tutta




Di New york amo













Le luci. Non solo quelle delle insegne sempre illuminate, ma sopratutto quelle del tramonto che la coloarano, la trasformano e la rendono intimamente bella.
La passione. Sembra che tutti quelli che vivano a Nyc abbiano scelto di vivere a Nyc. Non ci sono capitatati per caso e hanno voglia di dimostrarlo.
La gente. Tanta, ovunque, diversa, stramba, ecclettica, normalissima, esausta e piena di energia.

Il cielo. Perchè NYC sarà pure una metropoli caotica e inquinata, ma è anche una città di mare e il cielo questo non lo dimentica mai.
I quartieri. Sono, (boh?) forse più di 50 e in ognuno di questi piccoli pezzetti di cemento trovi tradizioni, usanze e profumi diversi. Attraversi la Cina  la Corea, Israele, il Brasile e l'Italia e sei sempre e comunque a New york city.
Il senso civico. Quello che non è mio, né tuo né suo, non è di nessuno, ma è di tutti. Il rispetto per il bene comune è sacro, con le dovute eccezioni e questa cosa mi piace proprio tanto.
I parchi. Oltre a quel posto immenso, verdissimo che si chiama Central park, disseminati per la città ci sono tanti altri piccoli e grandi polmoni rigogliosi. Curatissimi e ben tenuti che soprattutto durante i fine settimana si riempiono di famiglie, innamorati e sorrisi.
Le sorprese. Ogni giorno New york ti regala un'imprevisto. Alle volte sono sorprese impagabili, altre  noiosissime gatte da pagare. La cosa bella è che ti regala anche l'ispirazione per trovare la giusta soluzione.
Le parate. Un adagio dice che a Nyc una parata non si nega a nessuno. Ed è verissimo. Ce ne è una per San Patrizio, una per il Ringraziamento, una per Halloween, una per l'orgoglio domenicano, ecc. ecc.
Incredibile la quantità di gente che ci trovi e pure il numero dei poliziotti intenti a mantenere l'ordine.
I grattacieli. Mi piacciono tutti i tipi di case, a parte quei palazzoni orrendi lasciati in eredità dalla tristissima architettura anni settanta: mi piacciono le case con le scale antincendio fuori, con l'ingresso rialzato e i colori che trasformano una via qualunque in una strada speciale. Però i grattacieli sono maestosi, affascinanti e ingannatori.
"Dai ancora due passi, Arriviamo lì fino all'Empire, lo vedo, è li dietro"
E ti fai 6 chilometri a piedi
Il cinema.la città è un set cinematografico a cielo aperto. Il che non significa solo che ne puoi incontrare uno mentre stai andando alla fermata della metro, ma che ovunque ti giri ricordi, immagini e rivedi scene già viste, già incontrate.
Il natale. Ma quello lo amo un po' dappertutto




Alla fine i pro sono comunque più dei contro. Perchè questa città ti seduce e conquista e finisce davvero che pensi: Once you have lived in New York and made it your home, no place else is good enough (John Steinbeck)




33 commenti:

  1. E pensa che io non l'ho mai nemmeno visitata da turista! Devo proprio rimediare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, ua gita ci vuole. Anche solo per poi decidere di detestarla :)

      Elimina
  2. Anche io non sono mai stata a NY...Ma è in cima alla lista delle città da visitare...Volevo leggere il tuo articolo ma il mio computer fà i capricci e non riesce a collegarsi alla pagina...
    Volevo anche dirti che ho trasferito il blog...Se vorrai continuare a seguirmi mandami una mail a rossettoetacchiaspillo@gmail.com così ti darò il nuovo indirizzo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei riuscita a leggerlo?
      Grazie della segnalazione

      Elimina
  3. ...letto!
    New York è fantastica, alimenta i sogni e la sete di novità....mi manca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "alimenta i sogni e la sete di novità" è la sua specialità :)

      Elimina
  4. Sì, i pro superano decisamente i contro. Hai una certa passione per questa città. Mi viene una voglia pazza di visitarla.
    Ti ha fatto visita lo spirito del saggio?
    A presto!

    RispondiElimina
  5. Vorrei vedere lo stupore e la meraviglia negli occhi di questi ragazzi che sicuarmente per qualche minuto avranno immaginato di essere veramente a NYC.....avendola vista di recente direi che hai reso tutto quello che di bello e meno bello può offrire! Complimenti cugina!!!

    RispondiElimina
  6. Beh, è proprio bello che i pro superino i contro nella città che ti ha "adottata"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà per ora sono ancora figlia illegittima, ma si sa che per queste cose ci vuole tempo :D

      Elimina
  7. Bello ,trovi sempre maggior numero di pro e questo è importante per i giovani
    ma hai dimenticato la M di...............strambi: pensavi di mela? Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, ma hai visto la velocità con cui ho corretto?
      Sono un disastro :(

      Elimina
  8. Sono scivolata nel tuo post appiccicandomi ad ogni frase, ogni lettera, ogni immagine. Profumi, sensazioni, angoli,echi, suggestioni. Ho vissuto a New York molti anni fa e ancora oggi mi manca terribilmente.

    RispondiElimina
  9. quello che mi dispiace è per la povertà è sempre l'altra metà dell'america

    RispondiElimina
  10. Si dimentica spesso che ogni luogo, per quanto magico, ha i suoi difetti. Certo, in vacanza è difficile notarli, ma vivendo più a lungo in un posto saltano sempre fuori. In fondo, ho sempre pensato che scegliere un posto dove vivere è come scegliere un compagno: non si tratta di un luogo perfetto, ma di un posto che ami così tanto, da farti dimenticare gli inevitabili difetti. ;-)

    RispondiElimina
  11. New York..che te lo dico a fare?
    Ho un ricordo vivido, come fosse ieri.
    1991, viaggio di nozze, bar sotto "le torri" (sigh), voglio un panino, chiedo, ma cercano di propinarmi salse di ogni tipo, che non voglio, mi guardano TUTTI malissimo, "ma come puoi mangiare un panino senza salse?", il barista scioccato prende quattro fette di prosciutto in più e me lo da...ahahahaha, non dimenticherò mai le loro facce, neanche avessi chiesto del veleno!! Loro non mangiano nulla senza salse, nulla!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma chi te lo ha detto? la tua unica esperienza di 20+ anni fa?

      Elimina
  12. hai incontrato dei topi in casa tua? oh mamma :(

    RispondiElimina
  13. Bellissimo il tuo racconto !!! per 5 minuti mi sono sentita in mezzo alla grande mela !!! Brava !!!

    RispondiElimina
  14. Adoro il tuo blog! Riesci a imprimere il tuo amore per NY in ogni parola!
    Sono stata a NY solo una volta, per una miserissima settimana, ma tutt'ora mi manca. E' incredibile come riesca ad entrarti nel cuore, come si provi una strana sensazione di familiarità quando si cammina per la strada. Dato che l'abbiamo già visitata per anni nei film hollywoodiani, è un po' come se fosse casa di tutti!
    Leggere il tuo blog è un po' come essere ancora lì, almeno per un po'! :) Grazie

    RispondiElimina
  15. ne ero convinta che i pro sarebbero stati piu' dei contro,so per certo che ci sono tantissime cose da amare di NY!!!

    RispondiElimina
  16. La puzza è rimasta nei miei ricordi. Memorabile la frase al ritorno dal viaggio dello scorso anno "New York puzza ma Boston profuma!" :)

    RispondiElimina
  17. Sono stata "solo" quattro volte a New York come turista e ogni volta la lista dei pro aumenta. Non riesco proprio a stancarmi di questa incredibile città e mi manca da impazzire. Mi chiedo come sarebbe viverci. Chissà se mi capiterà l'occasione! :)

    RispondiElimina
  18. Eheh brava brava!
    Hai motivato tanti ragazzi a partire :D
    (e anche tanti non ragazzi che non avevano bisogno di motivazione ;P)

    RispondiElimina
  19. avrà anche tanti difetti ma non c'è giorno che non ripensi e che non mi scenda la lacrima ripensando a quando vivevo là.

    i love ny

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
  20. Adoro NYC,mi manca tantissimo,da l'ultima volta Che ci sono stata,circa 10 anni fa,( per vent'anni ogni mese) molte cose saranno cambiate,ma dalle tue foto e dai tuoi racconti e' sempre la "Mia" New York

    RispondiElimina
  21. ...non ci sono mai stata, ma spero di "farci un salto" prima o poi nella vita.Intanto mi diletto a leggere i tuoi racconti e vedere le fotografie ;)

    RispondiElimina
  22. New York è super!
    Brava.. mi piace come hai fatto questo post!

    Il tuo blog merita!

    www.iconize.org

    RispondiElimina
  23. Wow!!! ho scoperto per caso proprio ora il tuo blog, una meraviglia! Sono stata a NYC nel 2005 solo per una settimana ma grazie al mio fratellone che ci passa ogni anno quasi un mesetto ho potuto visitarla alla grande.
    E' una città che ti da una carica adrenalinica pazzesca!!!
    Ora vado a rileggermi i tuoi post più vecchi cercando di capire qualcosa di più di te!!!
    Ciao
    Sara

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...