martedì 5 novembre 2013

Per fare un tavolo


E' domenica mattina, a Porta Portese si è svegliato già il mercato (cit.),  da un bel po', mentre io ho aperto gli occhi da appena pochi minuti, quando entro il soggiorno e inizio a scuotere la testa, arricciare il naso e muovere la bocca in ogni direzione. Ma più verso il basso.
"Non mi convince" asserisco con tono deciso.
Per il Fdcm è il segno che qualcosa di catastrofico si sta per abbattere sul suo fine settimana. Comincia a propormi gite, musei e ogni sorta di cibo.
La mia bocca continua ad inclinarsi.
Non si arrende. Mi ricorda che ho un appuntamento nel pomeriggio, che non c'è tempo, magari un'altra volta, non ci pensare, lascia perdere.
Nulla da fare, quella che sento è una vocazione, un imperativo categorico: devo riorganizzare la disposizione dei mobili! E devo farlo adesso. La musica immaginaria di sottofondo potrebbe essere questa vecchia, stupidissima, canzone. Senza sosta, alzo di qua, cambio di là, ritorno al punto di partenza, inverto e mi interrogo. Lui mi aiuta, ogni tanto sparisce per periodi più o meno lunghi, poi torna, poi si nasconde.
Dopo 4 ore il risultato mi soddisfa.

Abbiamo raggirato la fastidiosa colonna con l'inganno e le chaises longues spostate verso la finestra hanno dato più agio alla zona pranzo. 
A questo punto esco, giro faccio e sopratutto bevo una red bull.
Io non avevo MAI bevuto una red bull e dopo qualche ora capisco perchè la gente ne diventa assuefatta.
Non riesco più a stancarmi.
Ma nemmeno a dormire! Così passo la notte a pensare, pinnare, immaginare e prendere decisioni assonnate piuttosto che assennate. Per esempio decido che devo avere un tavolo più grande ora che ho guadagnato più spazio.
Ma non posso comprare un tavolo nuovo, quello che ho non è nemmeno vecchio.
Quindi decido di farmelo. Do it yourself. Digitando le magiche letterine D.I.Y. su google scopro un mondo fantastico e affascinante.
L'indomani mi sveglio presto o meglio mi alzo presto dal letto,  decisa a comprarmi tutto l'occorrente che sarebbe:

Parlo con il signore dell'home depot, gli chiedo consigli, pareri e pazienza. Prendo le misure, testo i colori, ma al momento di andare alla cassa, mi rendo conto che le tavole di legno sono troppo lunghe e troppo pesanti perchè il mio piano di caricarmele bellabella sul taxi possa funzionare. Quindi prendo il coraggio a quattro mani e chiedo aiuto al Fdmc, gli confesso il mio disegno diabolico e lui reagisce meglio di quanto mi sarei mai aspettata! La sera torniamo insieme al negozio, con una macchina grandissima che io non avrei potuto guidare MAI!
Quando arriviamo, senza rendermene conto, chiedo un'informazione allo stesso signore del mattino che mi guarda con un'aria esterrefatta, che potrei tradurre:
"Ma sei stata qua dentro per otto ore??? Tu. Sei. Pazza!"
Come dargli torto?
Arrivati a casa comincio subito il lavoro. Prima di tutto avvolgo la qualsiasi cosa con il telo trasparente. Indosso la mascherina e comincio a colorare le gambe del "vecchio" tavolo che faranno da base a quello nuovo. La bomboletta spray fa qualche danno, ma nulla di paragonabile al disastro che succederà il giorno dopo usando la smerigliatrice.
La polvere di legno si infila OVUNQUE nonostante le mie altissime misure di protezione. Non mi resta che bere 2 red bull e lavorare incessantemente per 16 ore.
Alla fine il risultato sarà questo tavolo
la casa più pulita che mai e la mia impossibilità a muovermi per due giorni :)
La soddisfazione per il tavolo è stata tale che abbiamo deciso di regalarci delle sedie nuove!
Abbiamo fatto un mix&match  e dalla parte della zona relax abbiamo messo delle sedie/poltroncine così che all'occorrenza si possano girare e trasformarsi.

Che ve ne pare?
Sono un po' la figlia di Geppetto?
Se non altro perchè sono un po' pinocchio :)


Disclaimer: Mi raccomando non rifatelo a casa, mi odiereste per il resto della vostra vita!




20 commenti:

  1. ma sei una grande! anche io me lo sono fatta da sola e quindi comprendo la soddisfazione!!

    RispondiElimina
  2. SEI STATA BRAVISSIMA!! E poi quelle sedie....sono stupende...mi piacerebbe sapere quanto costano negli States...

    RispondiElimina
  3. ahhhhahha ma sei grandissima!!! tutta colpa della redbull :-)))) Comunque giri i mobili rimane sempre una casa da paura! (non pensavo l'avrei mai detto riguardo l'arredamento, ma il giallo sta davvero bene con quella luce!)

    RispondiElimina
  4. Ma che bello! Ti capisco, anche io sento spessissimo l'esigenza di cambiare... Sarà perchè siamo perennemente insoddisfatte o perchè dobbiamo ancora trovare un nostro equilibrio?

    C.

    RispondiElimina
  5. Ommioddio, dovrebbero chiedere la ricetta per vendere la Redbull! Non oso pensare a cosa mi succederebbe se ne bevessi una ;)
    Scherzi a parte sei stata bravissima, soprattutto a sopravvivere alla polvere della smerigliatrice!

    RispondiElimina
  6. Te l'ho già detto, ma te lo ripeto...vieni a casa mia a Columbus e aiutami a rendere qusta casa un regno del buon gusto come la tua, a costo basso!! TI PREGOOOOOO

    RispondiElimina
  7. Ottimo lavoro! comunque resta il fatto che mi piacerebbe proprio venire a vederlo dal vivo!
    Ma davvero ci sei stata 8 ore? no dai!
    Bella la tua casetta, molto accogliente ehhhh quella vista poi......
    Sara

    RispondiElimina
  8. Ti stimo, giuro. Io non mi metterei mai a fare un lavoro del genere. Il risultato è ottimo

    RispondiElimina
  9. Bellissimo questo tavolo e ottima la nuova disposizione delle chaises longues! Verrei volentieri anch'io a vedere il tuo nuovo tavolo....

    RispondiElimina
  10. Che brava due anni che sono qui ma la mia casa e' troppo anonima! Dimmi come fai....mitica

    RispondiElimina
  11. BRAVISSIMISSIMISSIMAAAAAAAAAAA, ma tu sei un mito :-O

    RispondiElimina
  12. Non riesco a smettere di guardare le tue foto...sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  13. non ho parole :-)
    quando vuoi venire qui, ti lasciamo la carta di credito di Michele e ci sistemi casa :-)

    RispondiElimina
  14. Il tavolo mi piace un sacco, gambe di metallo (giusto?) e top di legno, fa molto industrial :)
    Brava, piacerebbe anche a me saper costruirmi i pezzi da me!

    RispondiElimina
  15. mamma mia... complimenti per la determinazione! io mi sarei arenata già nel negozio! E che bello lo stile della tua casa, la scelta del giallo piu' bianco è bellissima e luminosa

    RispondiElimina
  16. Le tue ultime foto su instagram sono MERAVIGLIOSE! Sicuramente la nostalgia altalenante da expat ti farà soffrire di brutto ma New York credo sappia come consolarti...
    Sara

    RispondiElimina
  17. Oddio che bello!!! Il tuo appartamento è uno spettacolo e il gusto con il quale l'hai arredato è delizioso

    RispondiElimina
  18. Conosco cosa può provocare una smerigliatrice in azione, quindi non oso pensare come fosse ridotto dopo il tuo appartamento!! Ma anch'io sono come te: quando mi viene in mente di fare qualcosa di creativo non posso aspettare nemmeno un minuto... Vuoi mettere poi la soddisfazione quando abbiamo finito!? Tavolo riuscitissimo!

    RispondiElimina
  19. Sei bravissima! Peccato per il tavolo precedente...ma questo ha reso l'ambiente più caldo e...contaminato, meno perfetto, in senso positivo.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...