venerdì 8 marzo 2013

Datemi un martello. E pure una sega ed un pennello



Fresca di connessione internet (e ultimamente la parola "fresca" mi si addice meno che mai) torno sui vostri schermi!

E' stato un trasloco faticosissimo e ne ho fatti 7 negli ultimi 5 anni, quindi mi considero un'esperta del settore. Inizialmente pensavo di aver almeno trovato la cura per lo shopping compulsivo, ma mi sono dovuta ricredere quasi immediatamente, visto il desiderio di acquistare la qualunque cosa per abbellire, arricchire e personalizzare il nuovo nido.
Che poi ho un budget super limitato visto che il Fdcm si è rifiutato di contribuire al mio spirtio di wannabe designer ho trovato disdicevole e amorlae spendere soldi per comprare tutto nuovo visto che l'arrivo a Nyc risale a poco più di un anno fa!
Ma non mi lamento, anzi! Devo dire che questa cosa di dover  riadattare ciò che già possiedo a nuovi spazi e nuova luce, mi sta ispirando molto e vengo colta di continuo da art attack.
Il problema però è sempre lo stesso: nella mia mente tutto è perfetto, chiaro e di semplicissima realizzazione, poi nella pratica, verso colla, sporco muri, mi intossico di vernice e faccio una serie di figuracce [dipingere per strada non è considerato cosa normale].

La casa pian piano prende forma e stamattina è stata inondata dalla luce accecante della neve.

è prevista una super bufera per questo fine settimana, speriamo che si sbaglino che io voglio uscire che è una settimana che sono rinchiusa in casa!
Ma mi sto dilungando troppo con la premessa, mentre volevo raccontarvi di  ciò che ho letto riguardo al trasloco quando cercavo conferme che fosse uno degli eventi più stressanti nella vita di un individuo.
E in realtà è al terzo posto, dopo la morte e il divorzio. (Da: Consiglio Employee Relocation).
Eppure gli americani non si spaventano e si stima che siano 43 milioni le persone che traslocano ogni anno. (US Census Bureau)
E il 50% avviene dal periodo di tempo che va dal Memorial Day e Labor Day approfittando della chiusura delle scuole, visto che il traslocatore medio è una famiglia con marito e moglie di età compresa tra 25 e 44, con uno o due bambini di età compresa tra 2 e 11.
La cosa più sorprendente, almeno per me che vengo da una famiglia che da generazioni vive nello stesso posto, è che in media un americano trasloca 11,7 volte ne corso della propria vita. (Da: US Census Bureau)
11 volte!
A voi non fa impressione?
Comunque tutto torna perché durante una conversazione con una persona di qui spesso succede che ti senti dire:
"Io mi considero davvero una newyorker"
"Sono cresciuta in Texas"
"Ho fatto le scuole in Connecticut"
"Questo piatto è la mia specialità, l'ho imparato quando vivevo in Luisiana"
"Sono appena tornata dalla Florida perchè i miei vivono lì"
"No, non mi pare che faccia freddo oggi, ma io ho lavorato per anni nel Michigan"
"Sto pensando di andare in pensione in Colorado"
Domanda dalla fusa: "Scusa e tutto questo in quante vite?"
E c'è solo da sperare che non abbia fratelli o sorelle, altrimenti comincia il giro del mondo  :)

Avrei altre cose da raccontarvi ma il dovere mi chiama, mi riprometto di tornare costante come mio padre*.
Vi lascio con le immagini della nostra prima cena comesideve nella casa nuova,
perchè quando cucino vuol dire che sto bene e grazie al cielo che manda neve, sto meglio!


*questa la capiscono in tre :)

45 commenti:

  1. ma sei una cuoca provetta!!! Che brava
    Ma io sono curiosa di sapere il motivo del trasloco e di quella puzza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il motivo del trasloco è la puzza il motivo della puzza rimane sconosciuto!

      Elimina
  2. ...donna fortunata, nonostante tutto! Felice nuovo accasamento!

    RispondiElimina
  3. Bene arrivata nella nuova casa! Confermo che il trasloco è un'esperienza stressantissima, non so come facciano le famiglie statunitensi che traslocano 11 volte! O_o
    Mia nonna dice sempre che ai suoi tempi tra gli "accidenti" che si tiravano c'era anche "Che ti venisse un trasloco" ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah questa non la sapevo! Mi piace!

      Elimina
  4. Penso che gli americani abbiano una marcia in più... Vivono su e giù nei vari stati e fanno mille esperienze di vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui c'è la cosiddetta mobilità orizzontale che in Italia manca, ma ancora non ho capito se mi piace

      Elimina
  5. Ma alla fine dove sei "finita"? :-)

    Propongo post per descrizione piatti della prima cena e anche ricettine, please.

    Rita

    ps. io continuo a cliccare sul logo di "Blogger we want your"... ma questi di Grazia si muovono a scegliere il vincitore????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che ne so Rita? mi sembrano matti!
      Il concorso infinito!

      le ricette non ci sono che io invento e poi dimentico :)
      per la risposta alla prima domanda nel post di oggi!

      Elimina
  6. Ciaoooooo ho scoperto il tuo blog recentemente e per caso: bhè è semplicemente fantastico! Durante la tua assenza ho letto un pò di te e della tua vita qua e là e ho dedotto che ora come ora ti si può solo invidiare credimi. Io rispetto a te sono un' Italiana quasi ammuffita e forse se non avessi la mia meravigliosa creatura di 3 anni giungerei alla conclusione che sarebbe ora di prendere un volo per destinazione sconosciuta visto l' Italia che ci riservano.
    Spero di ritornare qui al più presto e di vedere la tua nuova casa.
    Un grande saluto al big apple!!!
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara,
      non credo di essere una persona da invidiare, ma ti confesso che ogni volta che qualcuno mi dice che mi considera "fortunata" penso che se le mie sfortune non si vedono, forse non sono poi così grandi e le posso affrontare. E questo mi fa sentire un po' meglio!

      Elimina
  7. bentornata!
    ma che cose buone che cucini!!!

    ma come la neve????? devo comprare il giubbino per Little D? :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma un giubbetto leggero lo prenderei, Marica
      qui il tempo è troppo pazzo!

      Elimina
  8. Io all'ansia del primo e imminente trasloco, ho dedicato un post l'altro giorno. Nel frattempo eggendoti è aumentata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi passa, quando finisce intendo!
      coraggio :)

      Elimina
  9. Ciao! Anche noi abbiamo appena traslocato! Sono ancora in mezzo agli scatoloni, ma ormai i traslochi non mi stressano più, ne ho fatti troppi. E anche io sono in piena febbre da interior designer per personalizzare un po' la casina. Prevedo numerosi trip da Target e Urban Outfitters :)

    RispondiElimina
  10. una volta che sei negli USA inizi a sentire le storie delle varie persone. Madre che abita in questo stato, padre nell'altro, fratello di la', madre nella east coast, nonni in california... cioe' praticamente per vedere tutta la famiglia dovresti fare il giro del globo...... e parliamo solo di close relatives! no perche se iniziamo ad aggiungere i vari cugini... haha! Cmq anche tu ci sei vicini agli 11 traslochi dell'americano medio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah mi sa che se conto quelli dell'università li supero pure!

      meglio che non ci penso :)

      Elimina
  11. Bentornata , spero che ci farai fare un " giro" nella nuova casa?!? Un abbraccio Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente sì, sai che non mi tiro mai indietro nel fotografare :)

      Elimina
  12. Effettivamente 11 traslochi in una vita sono veramente tanti! A me è bastato quello da Padova a San Francisco! Il trasloco intercontinentale vale almeno 3 traslochi nazionali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma ti sei portata i mobili da Padova?
      davvero?

      Elimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. uhm facendo l inventario io sono stata traslocata dai miei 7 volte, io mi sono traslocata da studentessa universitaria 4 volte e poi da quando ho conosciuto il senator 3 volte. 14 volte nei primi 29 anni, senza contare 4 periodi brevi di studio all estero. Ora che trasloco di nuovo dopo quasi 5 anni dall'ultima volta mi sembra una vita che ero ferma!

    RispondiElimina
  15. Ottimo! Sia il post che il cibo che il trasloco. Ci vediamo presto con relativo giro al traiff, ormai è una tradizione! ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo :)
      Devi assaggiare il nuovo piatto che hanno messo in menù: lamb with ygkj?*&hkgf and thdrkhug#@
      una roba strepitosa!

      Elimina
  16. Noio... volevam savoir :D

    RispondiElimina
  17. L'ultimo trasloco l'ho fatto 8 anni fa, spero che sia anche l'ultimo, è stato un vero incubo!!! In tutto ne ho fatti 4. Se dovesse accadere ancora, non mi porto via nemmeno un mobile, ma solo il resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i traslochi senza mobili non valgono :)

      Elimina
  18. Prima di tutto dove hai preso quel bellissimo ferma libri con la ragazza seduta che legge? È splendido!
    Io sono a quota 5 traslochi, i primi due non li ricordo perché ero piccina, gli altri li ho fatti da studentessa universitaria e non ci volevo credere alla quantità di roba che si accumula.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. laadoro ache io, l'ho presa qui http://www.mochithings.com/bookends/girl-reading-a-book-bookend/1702

      Elimina
  19. Ce l'hai fatta anche sta volta;vuoi vedere che ho creato Wonder woman?
    Ben tornata mi mancavi!

    RispondiElimina
  20. Ecco mi autoinviterei a cena, così vederei anche la nuova casa e.. sigh.. peccato quell'oceano nel mezzo, altrimenti sarebbe stato perfetto :) Buona domenica e speriamo non ci sia troppa bufera :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto freddo, ma poca bufera. Quando attraversi l'oceano hai un posto a tavola :)

      Elimina
  21. Mamma mia che bonta'! :) Mi fa piacere leggerti sana e..."tralsocata"!!! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...