venerdì 10 maggio 2013

Pillola nera del venerdì


Oggi sono arrabbiata nera. No, no, molto di più sono proprio incazzata.
Sono imbufalita contro chi lo sapeva già da prima, ma si ricorda di dirtelo solo dopo.
Ce l'ho con chi "io sono il migliore del mondo". E ti verebbe da chiedergli i titoli, i riconoscimenti, qualche documento che la provi tutta sta sicumera, perchè tu, di tuo, fatichi a vedere cotanta eccellenza.
Ce l'ho con gli amici/lucidinatale che vivono i rapporti ad intermittenza, appaiono e scompaiono, perchè loro sono fatti così. E si però che stress! Se ti scrivo è perchè avrei bisogno di parlare ora, mica fra tre mesi.
Ce l'ho con chi ce l'ha con me ma non me lo dice, perchè...boh non so perchè.
Ce l'ho con chi è posseduto dalla sindrome di persecuzione e vede nemici dappertutto. Mi infastidiscono quando la usano come alibi per sentirsi vittime sacrificali, ma soprattutto se ne fanno una questione di onore. "Molti nemici, molta gloria!" Si, bravo, bravo. Ma ricordati anche come è finita.
Ce l'ho chi si inventa le cose o le ingigantisce, le storpia, le camuffa. Magari proprio per indugiare nella propria sindrome di perseguitato.
Ce l'ho con chi ha studiato in Italia, torna in Italia a farsi curare, si riempie la valigia di parmigiano prima di partire e poi quando sta all'estero non smette di dire quanto l'Italia faccia schifo.

Ce l'ho con i pressapochisti, i furbi e contro coloro che l'unica arte che conoscono è quella dell'approssimazione. O di come saltare la fila.
Ce l'ho con le compagnie aeree che quando arriva l'estate raddoppiano i prezzi dei biglietti. Dovrebbe essere proibito per legge, non ha niente a che fare con il libero mercato. E' puro sfruttamento, allora anche l'usura dovrebbe essere legale.
Ce l'ho con la fortuna che non è equa, non è giusta ed è molto, ma molto meno meritocratica del tanto criticato bel paese.
Ce l'ho con chi tradisce la moglie o il marito, dicendo una montagna di bugie, accampando scuse, arrivando pure ad auto giustificarsi. E a dirla tutta ce l'ho pure con chi finge di non vedere, che accetta di farsi mortificare, ingannare, umiliare, in nome di un patto, una convenzione, uno status quo, che gli pare comunque meglio di una crisi.
Ce l'ho con chi non capisce che la crisi, la rabbia, la tristezza e la fragilità sono sentimenti nobili quanto l'ottimismo o la felicità. Perchè misurare i propri limiti, bere a piene mani delle proprie lacrime, scoprire le risorse nascoste sotto l'allegria e la leggerezza, lì in fondo, proprio a fianco del dolore e della disperazione è l'unico modo per crescere. Evolversi, migliorare. E sopratutto conoscere se stessi, per quello che si è e non per quello che vorremo essere.
Ce l'ho da impazzire con chi si ostina a voler raggiungere l'immagine che negli anni si è costruito di se stesso, perdendo tempo ed energia, senza spendere un secondo a chiedersi se ha qualcosa a che vedere con la realtà.
Ce l'ho contro chi davanti allo scoramento non sa che ripetere: "non ci devi pensare". Io ci voglio pensare, ci devo pensare, voglio analizzare tutte le ipotesi, le variabili e le forze in campo, fosse anche per essere sicura, oltre ogni ragionevole dubbio che non ci sono soluzioni al problema.
Ce l'ho con l'attesa. In generale, come concetto, come territorio, come momento. L'attesa dovrebbe essere bandita, inutile spreco di tempo, futile generatore di false speranze, ignobile precursore di cocenti disillusioni.
Ce l'ho pure con me stessa che mi arrabbio e poi tremo e sto male e mi viene da piangere e non sono nemmeno in quei giorni in cui di solito ti assale una voglia irrefrenabile di fare la ruota o gettarti con il paracadute.
Ecco, forse più di tutto ce l'ho con il mio paracadute che non si apre mai al momento opportuno e finisco sempre faccia a terra.


21 commenti:

  1. Capisco il tuo sfogo. Molti dei tuoi "Ce l'ho con..." sono anche i miei. In questo casi ci vuole un profondo respiro, un bel film comico, delle musiche allegre in sottofondo, un pane e nutella :) e un sorriso. E via dai pensieri tutta questa gente negativa che ci fa fare solo il sangue amaro.

    RispondiElimina
  2. "Ce l'ho contro coloro i quali che davanti allo scoramento non sanno che ripetere: "non ci devi pensare". Io ci voglio pensare, ci devo pensare, voglio analizzare tutte le ipotesi, le variabili e le forze in campo, fosse anche per essere sicura oltre ogni ragionevole dubbio che non ci sono soluzioni al problema"
    CHAPEAU
    non ho alro da aggiungere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me questa e' il migliore "ce l'ho con"

      Elimina
  3. Anch'io oggi mi sento " odio il mondo,ma non so perche'",capitano queste giornate,vorresti fare Mille cose,ma rimani passiva a guardarti intorno senza sapere da dove cominciare,almeno questo e' il mio caso,tu Che sei sempre cosi' solare e ironica, cosa ti e' successo di cosi tremendo?Come diceva Rossella O'Hara domani e' un altro giorno,non sono di molta consolazione,ma almeno sai Che non sei sola nell a tua giornata no. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  4. concordo con tanti tuoi "ce l'ho con", e come Simonetta spesso anchio vorrei fare qualcosa ma non sapendo da che parte partire non faccio un emerito cavolo,per poi scontrarmi con chi ti dice "dai prima o poi andra' meglio".certo andra' meglio machissa' se io saro' qui per vederlo. Come vedi non sei sola in questa situazione,magari tutti insieme possiamo farci forza e "sterminarli tutti" hahaha. un abbraccio e poi un consiglio,in queste giornate affacciati alla tua finestra,con quello spettacolo oltre il vetro starai meglio. <3

    RispondiElimina
  5. Come si suol dire "quando ce vo, ce vo" ;)

    RispondiElimina
  6. Bene anch'io oggi sono incazzata!
    Eh si ho anch'io una bella lista di "ce l'ho con" (fra gli altri) chi fa la bella vita con i soldi che gli hai prestato e intanto tu fai la formichina perchè il futuro è incerto, con chi si permette di giudicarti come mamma, con chi da un giorno all' altro si dimentica di te...e soprattutto con me stessa che per il quieto vivere non ho il coraggio di cambiare le situazioni, forse per debolezza??!!
    comunque buon week end...
    Sara

    RispondiElimina
  7. Io ce l'ho con gli stessi con cui ce l'hai tu, con l'aggiunta di quelli che "ah ma tu sei fortunata, io invece...", che sono la sottoclasse più bieca dei "maniaci di persecuzione". Tocca cercare di andare avanti nonostante queste persone e cercare di non farsi rovinare la vita dal veleno che spargono a piene mani nella propria vita e in quella altrui!

    RispondiElimina
  8. "Perchè misurare i propri limiti, bere a piene mani delle proprie lacrime, scoprire le risorse nascoste sotto l'allegria e la leggerezza, lì in fondo, proprio a fianco del dolore e della disperazione è l'unico modo per crescere. Evolversi, migliorare. E sopratutto conoscere se stessi, per quello che si è e non per quello che vorremo essere."
    Quoto tutto, ma soprattutto la frase sopra!

    RispondiElimina
  9. Mi unisco, in parte, al tuo sfogo...anche se ultimamente cerco di guardare il mondo dalla dovuta distanza!!!

    RispondiElimina
  10. Ce l'ho con chi ha studiato in Italia, torna in Italia a farsi curare, si riempie la valigia di parmigiano prima di partire e poi quando sta all'estero non smette di dire quanto l'Italia faccia schifo. --> questa e' verissima!

    E se posso metterci la mia, direi che ce l'ho pure con gli Italiani che vivono in America perche' qui hanno opportunita' e lavoro, ma non fanno altro che dire che l'America e' una merda (gia', perche' non siamo mai contenti, noi Italiani). E anche quelli che non sono mai andati piu' in la della Svizzera ma ti dicono che loro in America non ci vivrebbero mai perche' qui fa tutto schifo..

    RispondiElimina
  11. anche io ce l'ho con tutte queste cose e persone...

    RispondiElimina
  12. ascolta, la cosa buona e' che questa incazzatura e' arrivata di venerdi', per cui oggi puoi svegliarti, fanc*ulo al mondo e goderti il finesettimana, facendo tabula rasa e occupandoti gli occhi di quel che di bello ti fa felice, dal pancake al fiorellino di central park, se riempi gli occhi di bello poi arriva anche dentro al cervello e stai meglio

    RispondiElimina
  13. Buongiorno Donnaconfuso, qui di confuso ci vedo ben poco, qui è tutto molto chiaro e come sempre molto ben espresso.
    Quelli che " io sono il migliore del modo" eeeeeeeeee, qui ci sarebbe da farne un trattato proprio.
    Mi piace molto il Keep calm all'inizio, diciamo che spiega parecchie cose ma ti auguro che il keep calm di oggi però sia more positive.
    Un saluto e un abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Ogni tanto sfogarsi fà bene...Poi ci si sente un pochino più leggeri anche se alla fine non è cambiato niente...

    RispondiElimina
  15. Mi dà fastidio da morire il buonismo dilagante che nulla ha a che fare con la bontà d'animo. L'altro giorno una persona mi raccontava un episodio riguardo un mio collega e ho detto "ah quel rincoglionito!" ci lavoro insieme da anni, la sua frase preferita sul lavoro è "mi sono dimenticato" va e viene senza timbrare il cartellino e compagnia bella e invece la persona con la quale stavo parlando mi dice con tono piccato "ah io ho imparato vivi e lascia vivere" guardandomi come se io fossi una stronza. (SCUSAMI 2 parolacce ma ti giuro non mi vengono i sinonimi!!). Ma mi faccia il piacere che conosco bene pure lei e giudica eccome gli altri. E quoto tutto soprattutto sulle attese che ho ben conosciuto e sono diventate parte integrante della mia vita, e sul tradimento davvero è dappertutto e proprio non mi va giù! un abbraccio sandra frollini http://ilibridisandra.wordpress.com New blog!!

    RispondiElimina
  16. "Ce l'ho con chi non capisce che la crisi, la rabbia, la tristezza e la fragilità sono sentimenti nobili quanto l'ottimismo o la felicità. Perchè misurare i propri limiti, bere a piene mani delle proprie lacrime, scoprire le risorse nascoste sotto l'allegria e la leggerezza, lì in fondo, proprio a fianco del dolore e della disperazione è l'unico modo per crescere. Evolversi, migliorare. E sopratutto conoscere se stessi, per quello che si è e non per quello che vorremo essere."

    Sottoscrivo. E aggiungo, ce l'ho anche con tutti quelli che dicono "sono una persona solare" come se le ombre non fossero altrettanto necessarie.

    E proprio per questo, anche se venerdì è stata una giornata nera, te ne aspettano tante altre molto luminose. Dai che passa. ;-)

    RispondiElimina
  17. Eppure ci sono anche tante cose belle che annullano questa patina di brutta umanità:

    ci sono le persone serene che fanno di un lunedì col sole il loro sorriso, quelli che "l'italia fa schifo ma continuo a viverci e vediamo se può migliorare", poi c'è chi viaggia e vede il bello nelle code al check in e nell'adrenalina di un atterraggio. Ci sono anche quelli che può essere la settimana peggiore di sempre ma arriva il venerdì sera e stacca tutto.
    E poi i momenti per sè stessi, il giardinaggio, le rose che sbocciano, le orchidee che sembravano andate ed invece c'è un germoglio, i temporali che non danno tregua ma che poi regalano meravigliosi arcobaleni.
    E gli amici, che ti fanno preoccupare fino ad avere il cuore che batte all'impazzata ed il respiro corto, ma è proprio in quel momento che ti ricordi quanto bene puoi provare.
    Non è banalità, è il bello che non ci lascia ed io sono arrivata a credere profondamente che sia molto faticoso incavolarsi e prendersela (non che a volte non serva!!) e preferisco gustarmi i lati positivi (ma non ingenuamente) perché stare arrabbiata mi incupisce troppo e non mi godo la vita!

    Giada

    RispondiElimina
  18. A pensare che Il venerdi e' un girono che porta bene nella cultura angloamericana. Beh si' certo punti di vista...
    Sono anche io alla ricerca di un Centro di gravita' permamente, Giada sei leggera come Il tuo Nome. Mi piace Il tuo commento.
    Chicca.

    RispondiElimina
  19. Vi ringrazio tutti. Chi mi ha spronato a guardare oltre, chi si è arrabbiato con me e anche chi non ha gradito. Mi ha aiutato tanto mettere per iscritto il mio malessere e ricevere i vostri feedback.
    Prometto, però, di non ricaderci spesso.
    Per quanto sia rinvigorente, provare piacere nel sputare rabbia è estremamente sick!!!
    :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...