mercoledì 22 maggio 2013

Problemi di coppia


Io non ho mai avuto un fidanzato americano. Ne tantomeno un amante americano. No, non ho mai avuto un amante, punto, che qui il tema è delicato.  Però ho un'idea abbastanza chiara dei rapporti tra le coppie miste, perchè ho delle mie amiche italiane fidanzate o sposate (o divorziate) con uomini americani.
E le lamentele più frequente quando si parla di problemi di coppia sono:
-Non sa litigare
-Non accetta il confronto
-Stiamo nel bel mezzo di una discussione e lui se ne esce con: "Can we not talk about this right now?"
"possiamo non affrontare questo argomento adesso" alternato da "possiamo evitare di parlarne" "si può pensare ad altro".
Roba che se il Fdmc, mentre tutta infervorata faccio valere le mie ragioni, mi rispondesse così, io ribatterei: "Non esiste dell'altro!"
Perchè la discussione per me è un momento totalizzante, passionale, coinvolgente è un po' come fare l'amore, non puoi distrarti. Dai, su!
Un'altra cosa che fa imbestialire le mie amiche è che in inglese esistono pochissime parolacce e invece serve una panchina lunga per litigare come si deve, mentre i loro uomini non usano nemmeno quelle che hanno a disposizione. Anzi molto spesso, non dimenticano l'educazione nemmeno in quei momenti (oltraggio!) e farciscono i loro discorsi con un sacco di "please" e "sorry", mentre le mie amiche sono lì a tirar giù tutti i santi dal paradiso.
Poi ieri ho visto questo video:


E ho riso per dieci minuti buoni.
Perchè è fantastico come il punto di vista alteri le sensazioni, le percezioni. Perchè io mi ci sono rivista, ma tipo da fuori. Mentre son lì che lancio le cose, che stringo i pugni, che alzo la voce, mica mi sembra così irrazionale. Ci trovo anche una logica, un senso.
Probabilmente per le persone che io e le mie amiche (non dico per noi italiani, per non generalizzare :)) consideriamo un tantino distaccati, incapaci al confronto e all'approfondimento, noi risultiamo delle  pazze, isteriche, vulnerabili e più combustibili di una miccia.
Ma poi la rabbia come arriva se ne va. Perchè l'amore e l'odio non sono binari paralleli, tutt'altro, si incontrano spesso, si schiantano, si scambiano e fanno la pace. 
Perchè la passione è comunque un sentimento traboccante e che esondi alzando la voce o baciando senza sosta, non ha poi così importanza.
E mi è venuta tanta curiosità di sapere che ne pensate voi:
Vi ritrovate nella coppia del video?
Avete un compagno italiano che non sembra affatto italiano?
O uno straniero che è più passionale di un siciliano?
Insomma li sfatiamo sti stereotipi o c'hanno un tantino ragione loro? 

Raccontatemi le vostre storie che c'ho un sacco da imparare sull'argomento.

44 commenti:

  1. ma fantastico questo commercial! pure per il gelato a dire il vero. mio marito è italianissimo, toscano, quindi a parolacce siamo a posto..anzi certe volte vorrei i sottotitoli perchè da lombarda non ne conosco mezza, vengo pure da una provincia che ne usa proprio poche..direi che la più brutta che conosco è cxxx!
    lui è passionale quando io sono razionale, quindi direi che ci compensiamo. di solito attacco briga più io ma quando si arrabbia lui, di solito se gli tocco le sue adorate piante, fa scendere maiali a frotte e quando gli faccio notare chissà cosa direbbe sua madre lui mi dice che lei è più scurrile di lui, provato ed è vero...ho una suocera che dovrebbe lavarsi la bocca sempre! per fortuna che la mia nonnina lombarda non l'ha conosciuta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maiali a frotte mi ha fatto riderissimo :)

      Elimina
  2. Questa pubblicità è geniale! Se ti può consolare, io mi ci rivedo tantissimo, perché sono il genere di donna che pianta di quelle cazziate epiche, anche un po' teatrali. :)
    Invece il mio italicissimo uomo no, lui è placido, è capacissimo di dirmi "possiamo non parlarne ora?". Ed è pure del sud!

    Alex V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono una drama queen quindi massima solidarietà

      Elimina
  3. ho rivisto il video due volte..
    anche se sono un po' isterici...
    mi ci rivedo!
    noi siamo siciliani,a volte mio marito vorrebbe non parlare..ma non esiste!
    diciamo che io sono sempre molto calma ..ma se mi arrabbio gli tiro scarpe e telecomandi :) solo che lui se la ride !
    Invece abbiamo amici molto controllati che anche se gli esce il fumo dalle orecchie fanno finta di nulla ..
    Ho cugini americani e canadesi e sono molto pacati se hanno qualche problema sembra che parlino a rate ,un po' oggi ,un po' domani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. telecomandi, ahahahahhaha
      non me l'aspettavo

      Elimina
  4. ahahhaha..fantastico questo post! Io sono romena, ma vivo in Italia da 12 anni. Il mio compagno è italiano, ma molto molto più pacifico di me..quindi direi che la parte "italiana" nella ns. coppia quasi quasi lo sono io :D

    Adoro questa tua frase: "Perchè la discussione per me è un momento totalizzante, passionale, coinvolgente è un po' come fare l'amore, non puoi distrarti"..non avrei saputo esprimermi meglio :))

    Rozalia,
    www.beautyfoodtips.com

    RispondiElimina
  5. Secondo me lo stereotipo è insfatabile perchè è reale. Quando ho visto la pubblicità qui sopra ho pensato che si siano anche un pochino trattenuti a dire il vero :) Lo straniero vive con terrore il momento di lite con l'italiano/a, fanno gli occhi che facevo io a scuola quando era giorno di interrogazioni e io non avevo manco aperto il libro. Come mi dicevano sempre quando stavo in Cali: -Ale, too much passion!-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh eh lo so che siamo sulla stessa barca :)

      Elimina
    2. Confermo! Io sono una che non si arrabbia e non urla quasi mai, ma confronto al marito americano sono una pazza isterica!

      Elimina
  6. La pubblicità mi ha fatto sorridere, però devo ammettere che no, non mi ci ritrovo. Pur essendo un'emiliana doc, certe volte penso di essere un'italiana atipica quando si tratta di certi argomenti. Mio marito è austriaco e rimane sempre abbastanza calmo quando s'arrabbia, io al massimo alzo la voce, ma parolacce mai, magari le penso, ma non mi escono... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e fai bene, le parolacce sono il male!

      Elimina
  7. A. non si rifiuta di parlare quando litighiamo, anzi parla un pò troppo, con quella sua calma che mi fa imbestialire! Cioè almeno abbi il buon senso di stare zitto e fammi finire di sbraitare, dico io!
    Comunque le mie "situazioni-litigio" le trovi qua :D
    http://loveis-chiacchieresullamore.blogspot.it/2012/02/love-is-qualcosa-che-ti-fa-irritare.html

    RispondiElimina
  8. Io non urlo mai. Quando discuto lo faccio con calma, cercando sempre di seguire la logica. Quello che alcuni considerano "passionale" per me è violenza: le parolacce, le urla, gettare roba per casa. Ho avuto un genitore che urlava e forse anche per questo sono cresciuta rifiutando quel modello. Comunque mi viene naturale, ed è anche divertente perché quando stai con qualcuno che tende a perdere il controllo è come se vincessi sempre tu che alzi il sopracciglio con calma mentre lui fa fatica a mettere due ragionamenti di fila.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ognuno ha la sua storia Bianca e io rispetto la tua. Sono cd'accordo che ci sia della violenza in queste situazioni, ma credo che, se non supera il livello di allarme, sfogarsi così impedisce un accumulo di aggressività che può diventare pericoloso

      Elimina
  9. Con il mio ex spagnolo era un po' come questa pubblicità, fino ai 32-33 anni sono stata così, poi all'improvviso ho smesso di arrabbiarmi per le piccole cose ... Però quando mi arrabbio, allora vengono giù tuoni fulmini e saette, vedi il mio post sull'alunno copione ...

    RispondiElimina
  10. oh cavolo, ho comprato quel gelato per me e Chef senza conoscere la pubblicità dopo due giorni di litigi litigiosi!!! Deve proprio essere il nome o la confezione!!!

    RispondiElimina
  11. italiana nevrotica sposata con placido americano..eccomi..io urlo strepito e lascio la stanza sbattendo la porta e lui rimane seduto dove l'ho lasciato e torna a fare quello che stava facendo prima..l'unica grossa soddisazione o sfacelo che sia e' che lui non parlando italiano non capisce neanche il contenuto poco velato dei miei insulti..rigorosamente in italiano..ah no qualche parola la sa..tipo"che palle"!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. UGUALLEEEEE!
      Italiana nevrotica con marito che odia i confronti, ma che sa bene come essere "passive aggressive"..
      io gridoo e gridoo e lui niente....

      Elimina
    2. Been there , done that ... credo che la qualita' di una discussione in una cpppia abbia profonde radici etniche e culturali, oltre che di differenze individuali. Dopo due anni negli States ho chiesto a una mia a mica se potessi di tanto in tanto chiamarla per scambiarci dei sani insulti. Beh ho avuto zero successo con lei. Non ha accettato. Forse Il clima newyorkese la state cambiando in PO.. gradualmente. Anche lei e' espatriata ma non sente la mia stessa mancanza dell'autenticita' che una sana Inc......atura porta con se'. Esser polite a volte mi infastidisce perche' esprime in sofisticato perbenismo di scarsa veracita'.

      Elimina
  12. Woahaha ci svengo verissimo!!! Anch'io uguale reazioni da pazza isterica... Ma il
    Mio Big e più calmo di un bradipo e nn c'è gusto:))) comunque gli uomini tuto uguali nn e mai il
    Momento di parlare :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si mettono già ansia quando gli chiedi: che pensi? :D

      Elimina
  13. Io mi infervoro facilmente ma molto meno di prima. Purtroppo non e' una bella cosa perdere il controllo e mi auguro di evitare scenate e litigate di cui ancora mi vergogno! Io e il mio lui siamo italiani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'avanzare dell'età almeno porta la saggezza. O è quello che spero

      Elimina
  14. Utimamente quando perdo la pazienza faccio di quelle scenate pazzesche, sembro proprio una matta, sarà lo stressssssss? comunque devo imparare ad abbassare i toni perchè quando ritorno in me mi vergogno dei vicini...siamo entrambi italianissimi.
    Sara

    RispondiElimina
  15. Tocchi un tasto dolente. Io eviterei le discussioni x' tanto finisco sempre che ho torto...questo secondo lui, ovvio. Lui urla e mi prende a parole, che io nn sopporto, quindi mi zittisco o me ne vado.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, maio voglio chiarire. Le parolacce iole tollero verso il mondo, non come insulto alla persona. Forse dovevo dire "imprecazioni"

      Elimina
  16. Ahahahaha te li sfato io..Giuro che non esiste uomo piu' "British" del mio che è nato a Foggia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il foggiano british mi mancava!

      Elimina
    2. Ahahahahaha Ebbene si cara, c'è sempre tanto da conoscere...per fortuna!

      Elimina
  17. Io mi rendo conto d'essere abbastanza pesante nelle discussione...Ma finchè non si è chiarito tutto non ce la faccio a far finta di niente e lasciare le cose a metà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io pure, non mi fermo fino alla fine. Almeno che non mi venga fame ;)

      Elimina
  18. Noi siamo entrambi italiani, io mi arrabbio molto, urlerei e sbraiterei, al condizionale però, in realtà non lo faccio perché mio marito mi guarda ma sembra che non mi veda nemmeno, rimano calmo e placido, spesso si sposta in un'altra stanza e io rimango lì, più frustrata di prima. Sono bergamasca, lo stereotipo dell'introversione quindi, invece mi ritrovo sempre preda di emozioni e ormoni impazziti!

    RispondiElimina
  19. Niente, ero già "crucca" dentro prima di finire quassù. Non mi riesce di fare l'isterica (eppure secondo me gli uomini gradiscono... e gradirebbe anche il mio fegato!) e se ci provo non mi fa stare bene. Invidio la tipa della pubblicità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e pensare che a me viene così naturale :)

      Elimina
  20. Vista la descrizione, direi che nel mio caso, vivo con un uomo che è l'esatto contrario di un americano...;-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...