martedì 2 ottobre 2012

Comunicazione di servizio: Sono una ragazza semplice e solare




No, non è vero. Come ho già detto, l'aggettivo "solare" io lo uso solo come sinonimo di fotovoltaico. In più sono molto, ma davvero molto complicata. E ne vado fiera. Le cose semplici annoiano dopo un secondo, mentre avere mille sfaccettature, intriga, incuriosisce e riempie le giornate. Cubo di rubrik docet. Come si spiega dunque questo titolo?
Forse una nostalgia acuta di miss Italia?
No, anche se confesso che me lo sono sempre guardata :)
Il fatto è che l'altro giorno ho ricevuto un messaggio che mi ha lasciata basita.
Per non dire che ci sono rimasta malissimo.
Premetto che la persona che me lo ha scritto è molto gentile e non ho nulla contro di lei e spero non si offenda se la cito:
"se fai la vita che dici di fare in quella metropoli unica ...sia cosa ti dico ? Goditela e beata te ...ma magari non e' proprio così"

Ma perché che vita dico di fare?
Seriamente, mai avrei pensato che ciò che racconto potesse dar adito a dubbi sulla mia autenticità. Qualcun'altra/o ha pensieri simili?
Vi prego fate outing!
Forse il fatto di scrivere solo certe cose sul blog, evitando di parlare troppo delle difficoltà e dei momenti no, ha dato un'immagine distorta della mia esistenza, che vi assicuro non è tutta rosa e fiori.
Non lo so, mi faccio delle domande, ma non trovo le risposte.
Sto andando in paranoia, piove, sono da sola e mi sta arrivando il ciclo: aiutatemi, please!


Ahhhh! Già che ci siete, sta sera ho un aperitivo su un rooftop a Soho con Kristin Cavallari, che mi metto?  :P


90 commenti:

  1. ma che ti frega, sarà solo gelosia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmmm no, non credo. e gelosa di che, poi?

      Elimina
  2. Ti seguo da poco ma, sinceramente, non so proprio a cosa potesse riferirsi... Anzi, a me sembra che tu dia un'immagine abbastanza obiettiva, con lati positivi e negativi della tua esperinza. Forse sarebbe meglio chiederlo direttamente a lei ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, si, ha lei l'ho già chiesto. Solo mi è venuta la scimmia che sia un pensiero condiviso. Mi sta venendo il dubbio che in certi giorni, ogni mese, è meglio che non scriva :)

      Elimina
  3. Arghhhhh solare NON è sinonimo di fotovoltaico..!!! :-)
    Questa storia della falsità non falsità sta uscendo spesso su un sacco di blog... ma quello che penso io è "chissene".. cioè.. lo si può mettere in conto che una persona dica solo alcune cose della sua vita, alcune le "aggiusti" a modo proprio etcc..etc.. ma è un blog mica "tutta la verità su.."

    A me piace leggere i blog..se li trovo troppo impostati o fasulli smetto, pace!

    E onestamente no,non ho mai avuto dilemmi sulla tua autenticità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma è un "arghhhh" da ingegnere o da solare ragazza del sud? :P
      grazie mille cara

      Elimina
    2. Facciamo una solare ragazza ingegnere del Sud.. ?!

      Elimina
  4. Sai qual è il punto ? da noi in Sicilia si dice : " lamentiti si vo stari bonu "
    che significa : " lamentati se vuoi star bene "
    mi accorgo sempre di piu' che è la verità..
    Se cerchi di trovare sempre il lato migliore delle cose e non passi il tempo a lamentarti della vita ,delle tasse ,del tempo ecc..
    significa che a te le cose vanno bene ...che la tua vita e rose e fiori..
    e non va bene cosi' ..purtroppo è l'invidia
    e sai che ti dico who cares ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah non lo conoscevo questo proverbio, adesso capisco tante cose riguardo mio marito :D

      Elimina
  5. Sei simpatica, vivi in una bella città, tutto il resto è noia :D!
    Ti ho scoperta da poco, ma mi piace seguirti, complicata o meno, fotovoltaica o no ;D! E poi mi piacciono un sacco le tue foto!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco questo atteggiamento semplificherebbe moltissimo tante cose!

      Elimina
  6. Ciao sono una tua nuova lettrice, e sinceramente non ho avuto la minima impressione di quello che scrive la persona che citi....magari ha letto alcune cose di te sotto un'altra chiave...boh...a me è piaciuto molto quello che scrivi e infatti ti seguo con molto piacere! Sono stata a N.Y. 2 volte sempre d'inverno e spero di ritornarci questa volta un'estate per vederla con il caldo e non con il gelo che a volte attanaglia questa splendita meravigliosa fantastica metropoli!! :-) ....ho visitato Soho...bella!! Piove? peccato....io mi vestirei casual (come mi vesto sempre del resto ehehehe) ahhh e prendi l'ombrello!!!! :-)))) ciaoooo ti aspetto nel mio blog <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che comincio a pensare che sia meglio il freddo congelante che il caldo asfissiante?

      io trovo questo periodo e la primavera, i migliori per visitare NYC

      Elimina
  7. Onestamente io ho iniziato a seguirti perche' nei tuoi post trovo molti punti/esperienze/riflessioni/aneddoti che mi fanno ripensare alla mia esperienza di Italiana ad Atlanta.
    Questa immagine distorta proprio non so da dove possa essere emersa, ma concordo con Zia Atena sulla politica del 'chissene', anche io ho gia' visto svariate discussioni in proposito su altri blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido pure io il "chissene" :-)

      Elimina
    2. probabilmente non ci siamo capite, ma sono comunque contenta che non sia un pensiero condiviso

      Elimina
  8. Sono dell'idea che non possiamo piacere a tutti e che ci sono persone che pare abbiano come scopo principale della loro vita quello di criticare gli altri. Inoltre, per esperienza, ho notato che le critiche molte volte provengono da soggetti in conflitto con se stessi. Forse dovremmo solo imparare a volerci più bene e ripeterci più spesso "sono una bella persona e so di esserlo". Comunque già il fatto di esserti messa in discussione, a mio avviso, fa di te una bella persona. Ciao. Vivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh bella persona è il mio complimento preferito :)

      Elimina
  9. Be', se iniziassi a scrivere cose lamentose e noiose sul blog probabilmente nessuno lo seguirebbe e dopo un po' annoierebbe anche te. Pure io oggi devo comprare un aspirapolvere ma scommetto che ai lettori del mio blog non frega nulla. Preferisco selezionare accuratamente gli scorci della mia vita che presento, e se a qualcuno non sta bene, mi spiace. Per essere noiosa ho il mio diario segreto.

    RispondiElimina
  10. io l'ho sempre pensato che scrivessi da Ladispoli :-PPPPPPPPPP
    scherzi a parte a me piace il modo in cui ci fai partecipi della tua vita, del resto ti ho fatto da stalker di #FF pe mesi :-)bisous

    RispondiElimina
  11. Non credo lei metta in dubbio la tua autenticita', solo il fatto che, come tutti, quel che mettiamo sui nostri blog lo selezionamo, in base ad un sacco di criteri piu' o meno logici ma assolutamente insindacabili (quel che giudichiamo inappropriato, quel che e' troppo intimo, quel che vogliamo tenerci per noi, quel che vorremmo scrivere ma non possiamo per rispetto ad altri, quel che abbiamo paura di dire... etc etc etc...).
    Molte cose le lasciamo nelle bozze o non ci pensiamo nemmeno a scriverle (almeno, io) e quel che vede la luce in un post e' solo una punticina dell'iceberg (cioe', dico, te mi vedi in 3D, ti pare che il blog mi rispecchi FEDELMENTE? Con tutte le mie psicosi e follie e momenti di disperazione? Mhuahahaha!)
    E' anche per questo che alcuni blogger e' bello vederli e incontrarli, ci si rende conto che c'e' molto di piu', e che per quanto si tenti e' impossibile mettere la complessita' e la bellezza del cubo di Rubrik in lettere, tocca vederlo!
    E poi credo sia gia' bellissimo il fatto che ci lasci dare una sbirciatina alla tua vita da questa porta socchiusa, e che in quel che racconti ci metti sempre cuore, passione, onesta' e ironia... vorranno mica pure venire a farti le pulci per la polvere che hai sotto il letto, o andare a sbirciare nella cesta dei panni sporchi?!

    Alice leggitrice.

    P.s. e comunque, te che stai a Williamsbourgh, fai una vita torppo fica, ragassa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. resta il fatto che qualcuno che pensa di "conoscerti" per quello che scrivi c'è e ci sarà sempre. E confesso che a me basta leggere un blog per sapere se una persona mi piacerà o meno anche nella realtà ( e finora c'ho pure preso :P) ma mi viene il dubbio che non sia così che sia troppo poco per giudicare

      Elimina
  12. come volesi dimostrare molte persone commentano a vanvera.. prima si parlava adesso nell'era 2.0 si commenta anche giusto per XD
    ad ognuno sempre il proprio pensiero per carità ma io mi ci farei solo una gran bella risata sù...
    mai farsi abbattere dall'opinione altri.. in fondo il blog è tuo mica di chi lo legge.. a chi non piace ciò che scrivi può sempre andare altrove.. tanto di lettori non te ne mancano ;)

    kisses
    The Glamour Avenue

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, ma se a qualcuno non piace ciò che dico o ciò che penso me lo può ben dire, che se ne parla.
      Mi dispiacerebbe che si metta in dubbio chi sono o se è vero ciò che scrivo, perché a quel punto non si tratta di opinioni diverse, ma di qualcosa di più

      Elimina
  13. la gelosia è una brutta bestia.io ti seguo da qualche mese e mi hai dato un riflesso di una vita normale ma diversa,non da paese dei balocchi. ma certa gente non conosce le sfumature

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non abbiamo i baiocchi da queste parte, figuriamoci i balocchi :)

      Elimina
  14. Io ti leggo da poco e mi sembri autentica, può essere che abbia confuso il tuo entusiasmo per la nuova città in cui vivi con un tentativo di farla sembrare più bella di quello che è? Mi è venuta in mente questa possibilità perché ho degli amici che si sono traferiti lì, e a volte il loro continuo parlare di NY, di quant'è bella, quante cose ci sono, quanta gente diversa incontri... alla lunga sembra che stiano cercando di convincere se stessi di aver fatto la scelta giusta ma che lascino da parte molti particolari più autentici e meno belli della vita che fanno lì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo tuo commento mi ha fatto venire in mente un film in cui lei continuamente chiede a lui: ma sei felice? non sembri felice, non dici mai che sei felice" e lui le risponde: "io sono felice, ma non ho bisogno di convincerne"
      io ogni tanto invece ho bisogno di convincermene :)

      Elimina
  15. mah, secondo me ha scritto giusto una banalità. è ovvio che non sia sempre rose e fiori. il passaggio che gli/le manca è che si tratta di un blog, non della cronaca della tua vita. per dire, leggendo il mio blog si potrebbe pensare che io sia sempre giù di morale o abbia sempre un problema o qualcosa di cui lamentarmi: niente di più lontano dalla verità. solo che il blog lo uso molto come valvola di sfogo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse bisognerebbe mettere un disclaimer, ora lo preparo ;)

      Elimina
  16. Alt...stop alle paranoie! Non credo assolutamente che tu non sia "autentica" nei tuoi racconti di vita newyorkese, e non credo che la tua lettrice abbia voluto mettere in dubbio tutto ciò....Di blog con personaggi che vivono una "luminosa e brillante" vita a stelle e strisce ne conosco e ne leggo di storie da "perfect socialite", ma secondo me è poco vicino alla realtà. La tua storia è più genuina e più vicina a noi comuni mortali....non sono rose e fiori, e credimi, si percepisce da quel poco che fai trasparire, i momenti di nostalgia saranno sicuramente atroci da sopportare, ma poi basta un tramonto che spesso condividi con noi attraverso i tuoi scatti per alleggerirti dal magone (mi piace pensare che il momento della condivisione ti faccia sentire bene e felice di regalare qualcosa). Non ti conosco bene, anche se vorrei sapere tutto di quello che fai, di quello che mangi, di dove lavori, perchè sono curiosa di natura, ma credimi, non ho mai dubitato delle tue parole. Grazie di dedicare del tempo a questo blog, perchè mi fai sentire l'America meno lontano. Ciao.

    RispondiElimina
  17. io ti seguo da un pò e ti trovo deliziosa..
    Geppi

    RispondiElimina
  18. anche a me a volte e' capitato, di essere fraintesa....
    purtroppo e' cosi', il blog rappresenta solo una parte di noi, c'e' ben altro, ma spesso si viene ridotti a quello che si legge nel blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io nel dubbio chiarisco, che dici risulta superfluo?

      Elimina
  19. E che ci sarebbe di male anche nel fare una vita figa, in caso? Al massimo, se proprio irrita leggere di troppa fighitudine, si smette di seguire un blog e basta :D
    Comunque concordo con alcuni commenti sopra, la visione è sempre parziale, anche se le persone intelligenti e con un po' di senso critico sanno leggere ben oltre le righe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ci sarebbe proprio niente di male, anzi sai che ti dico?
      io ambisco ad una vita fighissima :P

      Elimina
  20. Penso che anche solo l'idea che vivi in una città come NY crei una certa invidia (non cattiva solo del tipo beata lei) e che ovviamente il fatto che tu parli più di cose positive o comunque di nuove scoperte rende la tua vita agli occhi di chi ti legge parecchio apetibile. Penso però che magari non ha letto quando ti si è allagato l'appartamente che in quel caso nessuno avrebbe voluto essere al posto tuo!:-) E forse allora sarebbe stato meglio non fosse stato vero!:-P
    Continua così che vai benissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah
      pensa che adesso ho un tubo del gas che perde e vado in soggiorno solo per lo stretto necessario...
      quasi quasi ci faccio un post :P

      Elimina
  21. Mah, nel messaggio della tua amica vedo un po' di gelosia. Magari vive una fase della sua vita un po' incazzata, magari vive in un un luogo in cui non accade niente e allora leggere di una persona che vive a NY le ha fatto salire per un attimo il livello di invidia. Comunque confermo, avendo vissuto in Usa per molti anni, qui la vita non e' tutta rose e fiori, anzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, ma non è una mia amica, solo una persona che mi ha scritto

      Elimina
  22. In genere sono sempre scettica sull'autenticita' dei blog, perche' li trovo un po' autocelebrativi. Questo mio giudizio e' diretto soprattutto per alcuni blog di cucina , dove a volte ho provato delle ricette che si sono rivelate "suole da scarpa". Uno pubblica una ricetta, magari e' anche un bravo fotografo e poi vI a capire se l'ha fatta veramente o e' opera di altri...e in genere si leggono commenti che vanno dal "bravo!" al "la provero'!" etc. Poi siccome tu scrIvi della tua vita a ny dove spero di tornare, leggo sempre le tue pagine e penso sinceramente , ma l'ho anche scritto una volta su fb, che e' un piacere leggerti. Poi e' chiaro che anche li' la vita non e' rose e fiori, ma se hai aperto un blog l'avrai fatto per condividere la tua esperienza di vita con chi ha la voglia di leggere le tue pagine. E allora basta stare attenti al modo in cui si scrive, all'uso degli aggettivi, a tante piccole sfumature , per capire lo stato d'animo dell'autore. Magari chi ti ha scritto intendeva dire questo, magari era anche scettico/a. Per fortuna non siamo tutti uguali. Ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nelle mie intenzioni io vorrei celebrare NYC, perché riesce a rendere affascinante qualsiasi cosa e confesso che e a me la vita sembra più bella da quando sono qui :)
      però magari mi faccio prendere la mano, ci starò attenta

      Elimina
  23. Figurati che ho cominciato a leggere l tuo blog perché ci ho ritrovato quel piccolo repertorio di sfighe e problemi dell'emigrante in cui ci ho messo un attimo a riconoscermi!!!
    comunque: potrebbe essere che questa ragazza si ritrovi a vivere una vita molto molto noiosa (o, peggio ancora, una vita molto molto triste).
    Dunque le cose che scrivi (partendo già dal semplice fatto che sia NY lo sfondo di tutte le tue avventure) le appaiono completamente diverse dal suo quotidiano, quindi inverosimili e distorte. Non credo si tratti di invidia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, ma infatti nemmeno io ho pensato si trattasse di invidia, altrimenti non ne avrei parlato

      Elimina
  24. Buongiorno mia cara,
    procedi e ti seguirà un flusso di energia bella, che cresce con te ed è dedita alla costruzione, al confronto, alla voglia di fare.
    Poi accetta chi non vive bene il tuo movimento. Comprendilo, ma non ti fermare. Continua a volteggiare lungo ispiranti momenti di sorriso e altrettante situazioni di disagio.

    Sono arci-stufa di sentire empatia solo per i colori che virano sul grigio. Talvolta è un'empatia malata, una tetra consolazione che anche a te la vita abbia fatto del male.
    Io voglio essere orgogliosa dei tuoi gialli e raccontare dei miei rossi.
    Senza escludere la possibilità di parentesi beige o nere pece.
    Che racconterò ai miei amici, sorseggiando una tisana, mano nella mano.
    Un bacio,
    Camilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono arci-stufa di usare le stesse parole e poi leggere le meravigliose sfumature che tu sai dare alle tue!
      Prima o poi a quel tavolo, con quella tisana ci sarò anche io!

      Elimina
  25. Non credo proprio Che sia gelosia,ma una velata invidia,non nel senso cattivo,di chi vorrebbe essere al tuo posto e lasciarsi alle spalle la quotidianita' delle cose,ma tu continua a divertirci con I tuoi racconti

    P.S. Non avevo letto il post precedente

    RispondiElimina
  26. forse era un attimo di sconforto il suo non necessariamente un atto di invidia... e ammesso che sia stata invidia magari non era riferita alla tua vita ma forse al tuo carattere sempre "acceso", che si racconta senza timori... non è cosa facile a tutti aprirsi agli altri (ma di cui tutti forse avremmo bisogno). concediamole il beneficio del dubbio, è una virtù che si sta perdendo. sò troppo buona??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, ma io davvero non penso fosse invidia. Il mio timore è che trasparissero luci e paillettes laddove non ce ne sono.Io racconto la vita meglio che posso, perché credo davvero che tutto ci guadagni se illuminato con la luce giusta

      Elimina
  27. Sinceramente, io non ho colto nè invidia nè gelosia nè cattiveria. E nemmeno dubbi sulla tua autenticità. Ovviamente ignoro il contesto del messaggio che è sicuramente importante. Forse in quelle parole c'è invece la consapevolezza che tu sei un animo sensibile e che sotto c'è di più. Sono troppo buona, troppo ingenua? Se tu dici che lei è una persona gentile forse no. Ma forse ti dovrebbe dare uno spunto di riflessione il perchè ha generato una tale reazione in te.
    Peraltro avere dubbi sulla tua autenticità è davvero difficile!!
    Un caro saluto da una estimatrice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci ho pensato tanto. il tuo messaggio è arrivato dritto dritto fino in fondo
      questo è uno dei motivi per cui amo scrivere su questo blog

      Grazie

      Elimina
  28. Io ho capito che chi mi legge si fa un'idea distorta della mia vita. Anche se non vivo a New York.
    Perchè in molti non hanno ancora capito che racconto ciò che voglio raccontare, magari esagerando o magari sdrammatizzando. Ma non faccio 'cronaca', scrivo un blog!!!!
    Quindi... non sei sola, su su su!!!
    Ps: un classico tubino nero? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma lo sai che non ho un petite robe noir?
      me lo devo comprare

      (concordo sul resto)

      Elimina
  29. il problema dello scrivere e non riuscire a dare un tono alle parole fa succedere dei casini ... secondo me sei nel giorno no e queste parole non troppo carine ti hanno ferito!!!
    Vedrai che domani quando ti alzerai sarà una nuova giornata e le parole saranno scivolate dalle spalle!!! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhhh quante discussioni che ho fatto per quei maledetti sms senza tono!
      quant'è vero!
      :)

      Elimina
  30. Dubbi non ne ho, non commento quasi mai ma ti suggerisco di portare un bavaglio per Kristin, mi sta antipatica dai tempi di Laguna Beach! :D

    RispondiElimina
  31. A parte che non ho capito quale sarebbe secondo questa persona "la vita che dici di fare" visto che mi sembri una ragazza normale, con i problemi che hanno tutti ecc.. ma secondo me la questione di fondo è che certa gente pensa che "noi siamo il nostro blog"..
    L'altro giorno leggevo un commento nel blog di Alessia Marcuzzi (la Pinella) e chi scriveva diceva più o meno "smettila di parlare sempre di vestiti e accessori, ci sono problemi più seri nella vita". Io sono convinta che per quanto Alessia Marcuzzi sia un personaggio famoso abbia anche lei le sue, no? se ha deciso di parlare solo di vestiti nel suo blog saranno anche affaracci suoi no?

    Ho l'idea che semplicemnte per il fatto che vivi a NY la gente pensi che te ne stai a panza all'aria o a fare shopping tutto il giorno.. e che magari la sera vai a farti l'aperitivo con Kristin Cavallari (ahhahhaaaaaa sto a scherzà!;-)
    Continua a fare quello che stai facendo, segui il "flusso" (il tuo flusso), e lascia perdere quello che scrive certa gente ;-)

    p.s.= ma Kristin è la bionda di Laguna Beach, quella carina ma che poi si è rifatta tutta e si è rovinata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c;ho il flusso un po' spento ultimamente, ma tu mi "conosci" da un po' e sai che sono una donna con montagne russe

      Elimina
  32. a me sembra che sia il commento di chi non è soddisfatta della propria vita, solo se c'è un po' di frustrazione si mette in dubbio l'autenticità di quello che racconti, che poi, come hanno detto già le altre è un Blog! E il blog deve essere piacevole da leggere, e ti assicuro che leggere il tuo lo è. E lo è per tante persone che vivono lontane dall'Italia e si riconoscono in tante piccole cose e sanno bene che non è sempre tutto perfetto, ma lo è anche invece per chi sogna di fuggire o per chi si è innamorato di NY in vacanza. Nel tuo ultimo post esortavi le persone a trovare piccole cose semplice e belle per ricordarsi che ce ne sono quotidianamente, io in questo ci leggo la sensibilità di una persona positiva e non chi vuol far apparire a tutti i costi la sua vita straordinaria. Continua così!

    RispondiElimina
  33. Fishing for compliments?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhh imparare a pescare mi piacerebbe tanto, almeno quanto il fatto che le persone imparassero a firmare le loro provocazioni!

      Elimina
    2. Risposta un po' fiacca, puoi fare di meglio. Credo che la tua amica ti abbia capito bene, altrimenti non ti avrebbe dato cosi' fastidio. Comunque hai fatto il pieno di complimenti, quindi stai a posto.
      Pietro

      Elimina
    3. Non è una mia amica ma una persona che non ho mai visto, ne incontrato e non mi ha dato fastidio ciò che ha scritto.
      Capisco che sparare sentenze sia un lavoro che comporti tanto tempo, ma leggere ogni tanto non guasterebbe.
      E comunque non posso fare di meglio, perché sono molto, molto fiacca e questo per rispondere al tuo terzo punto: sono dannatamente lontana dallo stare a posto

      Andrea o Mario o Gina, fai tu

      Elimina
    4. Allora vedi che la tua "conoscente" poi, non si era sbagliata più di tanto. Spero che le cose miglioreranno.

      sempre Pietro

      Elimina
  34. A me e' successo che un' amica, e ci conoscevamo di persona non tramite blog o altro, dopo avermi sentito parlare mi dicesse qualcosa tipo "Ma le cose piu' strane succedono tutte a te?" Lo ha detto con un tono che lasciava trasparire dubbi sulla veridicita' di quello che le avevo appena raccontato, che onestamente non e' che fosse chissa' quale gran cosa. Mi sono sentita come il tizio della pubblicita' della birra Dos Equis, l'Uomo Piu' Interessante del Mondo. E come lui ti dico "Stay thirsty my friend, stay thirsty!" Sei in una citta' che ti permette di sperimentare cose nuove e interessanti, goditela! E poi riportaci i racconti che siamo curiosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti, devo godermela di più!
      Sta sera mi rifaccio :)

      Elimina
  35. Mi sembra di aver letto commenti simili anche nel blog Machedavvero.
    Proprio perchè i tuoi post sono così autentici a volte si percepisce il non detto: la nostalgia, la solitudine, poi metti che chi legge come me, non capisce come sia possibile lasciare il proprio lavoro, paese e le proprie ambizioni a solo beneficio del compagno senza la sicurezza di una propria realizzazione (anche e oggi direi soprattutto economica), forse sono proprio queste ombre in diversi blog che si leggono a dare adito a commenti del genere.
    Con sincera simpatia
    Stef

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stef io sto inseguendo le mie ambizioni proprio ora, qui adesso e non mi sono mai sentita tanto realizzata.
      Sono i punti di vista ad essere diversi, spesso, non i sogni :)

      Elimina
  36. Un blog è un'operazione abbastanza "narcisa" nel bene e nel male. Partendo da questo presupposto, nessuna osservazione sulla vita che si legge è realistica. Traduzione: lassa stà, non c'è cattiveria, credo, al limite una punta di incomprensione dello spirito con cui animi i tuoi post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma non ci ho visto cattiveria, per questo mi sono fatta delle domande. Fosse stata pura provocazione, non ci sarei rimasta male.
      Tipo ora mi sto interrogando sul livello del mio narcisismo, mannaggia!

      Elimina
  37. ...ci leggo un po' di bonaria gelosia in quelle parole,
    perché si sa...l''erba del vicino è sempre più verde'.
    Forse è stata scritta in un momento di insoddisfazione verso la propria vita.
    ciao
    momben

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il problema dei blog è che nemmeno la vedi tutta 'erba, solo un angolo di giardino, da cui è impossibile immaginare tutto il resto

      Elimina
  38. A volte si dovrebbe evitare di commentare...e a quello che riceve commenti di farsi troppe paranoie. Credo che sia il modo migliore di vivere serenamente ;o)
    Ti auguro un sereno weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fosse facile, mia cara, fosse facile!
      Ahimè io nelle paranoie ci sguazzo. purtroppo

      Elimina
  39. Il blog è per scrivere qualcosa di noi, è più che normale che non ci scriviamo tutto di noi e poi, diciamoci la verità, non vogliamo sapere la vita di tutti, vero? ci piace leggere quello ci fa star bene e che ci fa anche pensare, se non ci va ciò che leggiamo clicchiamo per cercare altro.
    No, non ho mai avuto dubbi sulla tua "ubicazione", onestamente non me lo sono mai posto il problema, mi piace e basta e credo a tutte le blogger che leggo. Ma perchè vederci dubbi? nooooooo
    Ciao e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      addirittura pensare che viva da un'altra parte?! Sai che non l'avevo letta così
      oh mamma

      Elimina
  40. Scrivere un blog è una bella cosa, ma, oltre a farci incontrare un sacco di belle persone, ci espone alle critiche della gente.
    Io non so perché le persone amino criticare gli altri: "perché hai scritto questo?", "Perché non hai scritto quell'altro?"... boh, trovo questo genere di commenti parecchio noioso.
    Il blog è mio e ci scrivo quello che voglio io.
    In questo caso, è tuo e ci scrivi quello che vuoi tu!
    Oltretutto, come ti hanno detto praticamente tutti, passi per persona semplice e simpatica (ed è il motivo per cui ti leggo), quindi mi sembra un messaggio un po' fuori luogo, detto tanto per dire.
    E anche il commento qua sopra "fishing for compliments?"... mi sembra proprio detto tanto per.
    "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa"
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza dimenticare che se ti permetti di rispondere alle critiche sei spocchiosa e piena di te.
      Io mi comporto sul blog come nella vita, non accetto che persone che non mi conoscono si permettano di giudicarmi. Se poi hanno da criticare ciò che dico o ciò che penso ben venga, ho sempre considerato il confronto (ma anche lo scontro) la via migliore per la crescita e il miglioramento di sè.
      Se si riuscisse a non dimenticare mai l'educazione poi sarebbe perfetto

      Elimina
  41. ti dico perchè ti leggo: Per la gentilezza che sempre permea ogni post o commento , per l'amore che traspare verso LUI, verso la tua famiglia ,il tuo fratellino e verso NY. Anche verso la sampdoria e anche se non amo particolarmente il calcio. Non più.
    Insomma per tutto questo ammmmore :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tifiamo solo sampdoria, abbiamo un sogno nel cuore: vincere il tricolore

      Anche io sono guarita dal calcio, ma certe emozioni restano dentro :)

      Grazie mille

      Elimina
  42. Ti leggo da tanto taaaanto, lo sai. Spesso in silenzio, ma ormai sono davvero passati anni. L'unica spiegazione possibile, per me, è che quel messaggio non fosse diretto a te. Capita di sbagliare messaggio, no? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono anni in cui ci si cammina accanto dicendosi molto, anche con i silenzi :*

      Elimina
  43. Ciao! So che é un post vecchio ma ti ho scoperta da poco ed essendo a casa bloccata da una gravidanza un po' "impegnativa" ho avuto il tempo di leggerti partendo dall'inizio! Premetto che mi piace molto il tuo blog, mi ricorda sensazioni che anch'io provavo quando vivevo all'estero. Forse la cosa che traspare nel leggerti è che le difficoltà (legate al vivere a NY) che ti stai vivendo sono "solo" quelle legate alla lontananza da amici e parenti, che so benissimo non sono cosa da poco..ma la maggior parte delle persone, quando vanno all'estero, si fanno un mazzo tanto prima di partire per avere i soldi con cui sopravvivere finché trovano un lavoro e appena arrivati hanno l'ansia di trovare un lavoro asap perché in caso contrario c'è il biglietto di ritorno ad aspettarli! Ciò vuol dire adattarsi a fare qualsiasi cosa capiti e, nel caso si sia in un paese che necessita di visto, avere la consapevolezza che senza un lavoro ben posizionato ci sono poche possibilità di rimanere. Detto ciò, è piacevole e divertente leggerti, ma penso sia normale stuzzicare un po' di "gelosia" nel raccontare le proprie avventure in una delle città più vibranti del mondo, potendo fare la turista (concedimi il termine!) giornalmente. Sono dell'idea che chi ha le possibilità di permettersi un certo stile di vita faccia più che bene a farlo, ma credo anche sia importante non dimenticare mai della fortuna che si ha tra le mani!..ciao..Daisy!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...