lunedì 2 aprile 2012

Blog: polemiche e sorprese



Girovagando tra i blog, mi sono accorta che esiste una malattia virale che colpisce sopratutto quello più noti e frequentati: la polemica.
E' un fenomeno che difficilmente riesco a spiegarmi e mi piacerebbe sapere che cosa ne pensate voi. Quel che ho notato io è che la dinamica è più o meno sempre la stessa. Ve la illustro in 5 passi:
1) Pubblicazione di un post, come dire?  Non lo definirei provocatorio, perchè partendo dal principio della buona fede, non attribuisco una volontà espressamente provocatoria a nessuno, diciamo, consapevolmente controverso.
2) Intervento firmato in contro tendenza con quelli precedenti, critico ma non offensivo. Spesso anche molto garbato.
3) Arringhe di avvocati difensori contro il dissenziente, con punte di acidità che il ph se le sogna. Una difesa strenuante e non esattamente lucida nei confronti della loro blogstar
4) Nascita di piccoli funghi velenosi che spuntano all'improvviso. Come un ladro che nella confusione di un tram alle 8 del mattino infila le mani nelle borsette delle signore, loro approfittano della confusione  per snocciolare insulti davvero spiazzanti in direzone della titolare del blog. Sono anonimi e la attaccano per qualsiasi cosa: da quelli che si accaniscono su particolari fisici(sei un cesso, hai le caviglie grosse, hai la pelle unta) a chi esprime giudizi di carattere morale (stronza, incapace, madre degenere)
5) Risposta della suddetta titolare che invita i detrattori a non leggere il proprio blog se non lo trovano di loro gradimento.

 Sbaglio? Anche voi avete notato il ripetersi di queste 5 fasi?
Quel che mi stupisce più di tutto è la cattiveria a cui arrivano certe persone, l'accanimento, il livore, nei confronti di qualcuno che non hanno mai incontrato, spesso non ne conoscono nemmeno la voce e per lo stesso motivo, la distanza virtuale, non comprendo nemmeno quelle difese accorate, melense e, diciamocelo, un po' adulatorie.
Mi pare di vedere Grease con Rizzo che passeggia per strada contornata dalle sue amiche, pronta a scontrarsi con le rivali.
A malincuore, tocca ammetterlo, un approccio da streghe, tutto femminile.
Non posso fare a meno di pensare che certe dinamiche da scuole medie (liceo?) rimangono intatte anche quando si dovrebbe essere adulti.
Mi chiedo se, visto che molti di questi blog, hanno la moderazione dei commenti, sia giusto pubblicare quelli offensivi e altresí  se non ci si dovrebbe rivolgere a quelli solo critici con argomentazioni diverse da: questa è casa mia e quindi faccio come dico io se non ti piace puoi evitare di venirci. Io non so a casa vostra, ma a casa mia, le critiche, le prediche e i rimproveri sono all'ordine del giorno :)

Secondo voi c'è un modo più equilibrato per gestire la polemica o nella polemica stessa é intriseca la degenerazione a cortile della scuola prima e a carcere femminile poi?

Tutto questo preambolo per dire che, invece, il mio piccolo salottino mi sta regalando un sacco di sorprese gioiose e inaspettate: ho ricevuto delle mail graziose e pulite che mi hanno riempito il cuore di gratitudine e sto conoscendo una marea di gente in gamba.
Come se non bastasse la carissima SpicygingerAle mi ha insignito di un premio:


Ora la prima regola vuole che io vi racconti il perchè della scelta di aprire donnaconfuso. Il motivo è contenuto nel titolo: ero confusa e un po' fusa, sentivo di dover fare qualcosa che fosse un impegno quasi quotidiano, che mi costringesse a fare chiarezza e scrivere è il modo migliore che conosco. Volevo convincere me stessa che la mia vita non è così nera come talvolta mi ostino a dipingermela. Fotografare così come raccontare le cose che mi circondano mi costringe ad un'obiettività (e lucidità) che tendo a smarrire.
La seconda regola è quella di premiare altri 5 blog: eccoli!

SpicygingerAle anche se ha già ricevuto il premio, la nomino perchè l'ho conosciuta l'indomani dell'apertura del mio blog ed è una specie di compagna di banco, di quelle con cui scherzi, pettegoli e mangi i mandarini di nascosto, che sai che ti farebbero copiare qualsiasi versione di latino se ne avessi bisogno  (ahhhh se ne avevo bisogno!) più affidabile di così.

Simply V. perchè credo nel suo blog, che è un vero fashion blog, perche la moda non è un elenco di marchi e pose tutte uguali. La moda è cultura e costume e lei lo sa raccontare. E poi è una mia amica affidabilissima, che perdona le mie gaffe

Zelda was a writer perchè nel suo blog si respira gioia, entusiasmo e creatività, impossibile aprirlo senza sorridere. Una persona con un'energia talmente straordinaria che si sprigiona in ogni suo scatto, scritto o pensiero.

Valeriascrive  perchè ha il dono della sintesi che io reputo preziosissimo e come le ho già detto riesce a dire tantissimo usando poche righe. Passi da lei e torni a casa con una riflessione in più.

La casa di Alchemilla  perchè ci vive mia sorella con i suoi mille interessi e le sue contraddizioni. perchè abbiamo discusso proprio ieri. Voglio che sappia che mi fido di lei e che non deve mai dubitare di me: il punto di incontro tra il giorno e la notte è il tramonto, quindi vale sempre la pena provarci. 


61 commenti:

  1. Io pure mi sorprendo della volgarità e degli insulti, dell'accanimento contro sconosciuti e delle invidie virtuali ... Se un blog non ti piace, ma perché lo leggi e lo critichi? Perché ti ci arrabbi? Sono domande che farei a tanta gente.
    A casa mia non si dicono parolacce e da un po' di tempo ho capito che litigare o anche semplicemente frequentare gente che non mi piace mi fa venire l'acidità di stomaco, anche virtuale ... E invece a certe persone piace, chissà perché! Io cerco blog che mi facciano divertire, sorridere, riflettere ... E ora ho trovato pure il tuo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo: perché arrabbiarsi? Con tutte le cose che ci logorano il fegato e DOBBIAMO comunque affrontare, laddove non é necessario anche io evito e scelgo il sorriso. Grazie di gradire questo piccolo salotto, potendo servirei té e pasticcini a chi passa da qui, perché siete tutti estremamente gentili ed educati. Sono troppo felice!

      Elimina
  2. Eccome se è capitato, tutte e cinque le fasi le ho viste palesarsi in un blog abbastanza noto. Tutto, per filo e per segno. Certi atteggiamenti francamente non li capisco neanche io. Pare che un commento fuori dal coro debba per forza sfociare in polemica, creare fazioni opposte.
    La polemica non credo sia costruttiva e la degenerazione che ne deriva inevitabile e proprio per questo non credo ci siano modi per gestirla meglio o peggio, forse solo lasciarla spegnere senza alimentarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so nemmeno io se ci siano modi migliori per gestirla una volta che é partita: sembra un cavallo imbizzarrito. Mi domando se c'é un modo per non generarla, ma credo di no...probabilmente é proprio una questione di probabilità, laddove i visitatori sono moltissimi, un confronto critico diventa impossibile. I numeri trasformano tutto in una partita di calcio e non me li vedo gli ultras che intavolano una discussione, anziché insultarsi a vicenda ;)

      Elimina
  3. hey sono la tua amica affidabilissima, ma STRANA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei dovuto usare il futuro: mi perdonerà :D
      Avrei anche dovuto usare gaffes al plurale, ora che ci penso! Insomma una dedica sgrammaticata, ma accoratissima!

      Elimina
  4. Hai ragione cara Mi. Quando leggo i commenti e vedo che sfociano in polemica mi rammarico non poco. In fondo è vero che nessuno ci obbliga a leggere nulla. Io non modero i commenti e so di essere molto fortunata perchè, fino a questo momento, ho sempre trovato per sone meravigliose che hanno saputo darmi la loro opinione in modo molto cortese e simpatico. Ma ho visto dei "commenti dell'orrore", roba che mi fa venire in mente i teen movies con le cheer leaders (anche se nel mezzo ci sono anche uomini). Ti ringrazio per avermi restituito il premio , mi ha fatto piacere leggere del perchè me lo affidi :) Saremmo state ottime compagne di banco, probabilmente ci saremmo trovate il primo giorno di scuola con lo stesso diario e astuccio, acquisti identici inconsapevoli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che con la mia vera e imprescindibile compagna di banco(ora e per sempre amica) successe proprio cosí? Arrivammo a scuola con cartella e astuccio uguale e questo ci permise di "riconoscerci"!
      Anche io mi sento molto fortunata: persone speciali da conoscere e presto anche da incontrare!

      Elimina
  5. sì, riconosco e sottoscrivo l'esistenza di queste cinque fasi.
    Leggo alle volte commenti che rasentano davvero il demenziale e mi auguro che non appartengano a persone adulte, magari qualche ragazzetto mitomane con la mania di andare ad insultare in giro. Non mi stupirei.
    Fortunamente sono poco gettonata dai dileggiatori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "dileggiatori" mi piace un sacco!
      Anche io spero sempre nel ragazzino annoiato, ma purtroppo spesso mi rendo conto che si tratta di persone adulte, ma tanto adulte. Ecco magari non mature :)

      Elimina
  6. ovvio, perchè dietro un pc siamo tutti bravi a criticare senza timore di ricevere una sberla in pieno volto. Fregatene! Lasciali parlare e sprecare il loro tempo... a me ne sono capitati un paio anonimi e li ho rimossi non perché sono una vigliacca che manifesta solo i commenti adulatori e non solo per non fare il loro gioco. Ne guadagni di salute, il blog è tuo e puoi farne quello che ti pare. Però ecco io la MODERAZIONE COMMENTI la eviterei, voglio dire quanto spam ti può capitare in un mese? E' solo una perdita di tempo in più, SECONDO ME :P

    complimenti per il premio :) http://viverea4lee.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, niente moderazione per me. Qui nessun problema, anzi! L'idea che davanti ad una tastiere, ma protetti dall'anonimato, si dia sfogo alle proprie frustrazioni, mi convince

      Elimina
  7. Sì, anch'io ho notato spesso il ciclo di cui parli. Secondo me, un modo semplice per evitare il degenerare della discussione è, per esempio, avvertire che i commenti anonimi saranno cancellati. Funziona un po' da deterrente e spinge ad assumersi la responsabilità di quello che si scrive (sia in positivo che in negativo). Ha funzionato su più di un blog che seguo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo sulla necessità di assumersi le proprie responsabilità e probabilmente, come suggerisci tu, impedire i commenti anonimi, potrebbe aiutare. Anche se mi piacerebbe o meglio, sogno un mondo in cui ciascun individuo sia in grado di autogestirsi! La realtà, purtroppo,é decisamente diversa

      Elimina
  8. Grazie per le tue parole e per questo premio, mi ha fatto davvero piacere.
    Concordo con quanto scrivi nel post: è più o meno sempre lo stesso schema, e non c'è mai ricerca di contatto ma solo voglia di polemica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricerca di contatto, vero vero, manca. Fortunatamente non a noi :)

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Cerco personalmente di evitare le polemiche sterili: a me piace discutere, anche "arrabbiandomi" volendo, anzi a volte sono proprio io ad "istigare" ma preferibilmente in maniera costruttiva . Una sola volta ho avvertito sentore polemico fine a se stesso, e su quel blog non ci sono piu' tornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elle, ecco mi hai dato uno spunto su cui riflettere:chi pubblica un post deve in qualche modo limitarsi onde evitare polemiche? O é libero di scrivere tutto ció che pensa pur sapendo di andare ad urtare certe sensibilità?

      Ehmm non ho la risposta, ci devo pensare, tu che ne dici?

      Elimina
    2. E' una questione delicata, questa, grazie per avermi interpellata: provo a risponderti.
      Io sono per la liberta' di espressione, finché resti nell'ovvio campo dell'educazione. In quest'ottica credo sia normale che le proprie opinioni possano urtare qualcuno, ma ben vengano i confronti anche in quel senso! Per me e' importante dare ascolto anche a pareri opposti ai miei, vedere che ci sono modi di sentire differenti, perché in questo modo non solo posso riflettere su cose su cui magari non mi ero soffermata prima, ma riesco anche a mettere a fuoco meglio i miei pensieri. E devo dire che tenere un blog (e seguirne altri) aiuta molto a curare quest'aspetto.

      Elimina
    3. Vero Elle, io trovo che sia quasi terapeutico quest'esercizio di confronto garbato.Grazie delle tue riflessioni

      Elimina
  11. Bella la sintesi delle 5 fasi!!!

    RispondiElimina
  12. UH si ho visto questo schema. Capita di trovare commenti davvero insultanti ai quali è difficile sottrarsi per difendere vuoi il blogger o chi ha commentato in precedenza generando davvero una girandola di pro e contro spesso maleducati. Capita che si risponda molto pacatamente, ma si venga comunque attaccati con insulti pesanti. L'ho visto spesso. E' deplorevole, per non parlare delle groupie alla Rizzo sì. Per me vale la regola che il blog è mio, e se non ti piace non visitarlo, chi si ritiene offeso (mi è successo) può querelarmi, suddetta persona invece di commentare (immagino non sia capace) mandò una mail piena di insulti per me a mio marito. E' un caso diverso perchè stiamo parlando di una persona che mi conosce realmente. Forse tra sconosciuti è ancora peggio, ma ho letto talvolta cose davvero agghiaccianti in perfetto anonimato. baci con tanto affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Ilaria che non so se sia peggio tra sconosciuti? É piuttosto inquietante quello che mi hai raccontato, approfittare di uno strumento virtuale, per da sfogo alla propria reale frustrazione, rabbia e cattiveria.
      Mah non so cosa pensare, forse davvero ormai non c'é piú differenza fra i due mondi. In effetti nascono rapporti di vera amicizia proprio attraverso la rete, so che sai di che parlo :), perchè non di profonda antipatia?
      Rimane il fatto che io non capisco perché farsi del male, arrabbiandosi, andando a leggere e insultare una persona che non si stima. Sarà masochismo sentimentale?

      Elimina
  13. Sì, ho notato certi post al vetriolo seguiti da commenti all'acido muriatico e, ovviamente, non li approvo.

    Ma quello che più mi infastidisce sono i commenti melensi, palesemente falsi, sdolcinati e snocciolati solo per avere consensi.
    Esempio, leggere "Sei bravissima, ti voglio bene, sei unica, la tua ricetta è il massimo, grazie di esistere, ecc" scritto da chi non mi conosce, non mi ha mai vista, non sa se sono antipatica, acida o dolce come lo sciroppo, è platealmente falso e mi fa venire l'orticaria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio si! Soprattutto a certi "ti voglio bene" mi viene il latte alle ginocchia. Trovo che sia comunque una mancanza di rispetto, se non altro nei confronti dell'autentico valore delle parole. Sono due aspetti del medesimo problema, se non si misura quello che si dice o si scrive, piano piano le parole non significano piú nulla e comunicare diventa impossibile.
      Sono troppo contenta di aver ricominciato a bloggare sto trovano gente in gambissima!

      Elimina
  14. a me i (pochi) commenti acidi che arrivano, sono tutti anonimi.. di solito cerco di rispondere in modo garbato, ma non sempre ci riesco.

    quello che mi ha dato piu' fastidio, sopra ogni cosa, e' stato pero' scoprire che un altro blogger si era offeso per un post che avevo scritto io sul mio blog (non diretto a lui), e che in pratica i nostri rapporti erano terminati... e l'ho scoperto dopo giorni, leggendo il suo blog.
    mah.
    [se il blogger in questione sta leggendo: non capisco perche' non me lo hai detto tramite email almeno]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marica, lei non puó solleticare cosí la mia curiosità, la avverto aspetto un messaggio privato con maggiori dettagli :)
      ScimMiesca curiosità a parte, se l'uso del maschile non é casuale, allora sbagliato a credere che fosse un problem di noi "ragazze"


      Le virgolette sono per me, che tu sei giovane

      Elimina
  15. Purtroppo sì...ho assistito a queste 5 fasi e mi ci sono pure trovata nel mezzo.
    La cosa che ho odiato è che alcuni commentatori Anonimi hanno preso spunto dal mio commento che spero fosse garbato anche se in controtendenza, per sparare a zero sulla proprietaria del blog.
    Quasi una connivenza forzata.

    Comunque mi associo anche a Titti, è un o noioso e stucchevole leggere in continuo ti amooo, ti invidiooo, ti ...

    Noi donne siamo un po' velenose, è vero, per questo eccessivi zuccheri danno proprio un sapore di falso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto la polemica a cui accenni e confesso che é stata la goccia che ha fatto nascere questo post!
      Bisognerebbe aggiungere un cucchiaino di zucchero al limone e troveremmo l'equilibrio perfetto.

      Elimina
  16. ciao ho appena scoperto il tuo blog :)
    io pure l'ho notata questa polemica in qualche blog ed è davvero antipatica; a me è capitato una volta sola quando ho affrontato un tema un pò difficile ma chissà perchè il commento più duro è stato fatto da un anonimo!
    ps auguri per il premio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, ben arrivata!
      Gli anonimi, sempre loro :) e tu come hai reagito?

      Elimina
  17. anche io ho appena scoperto il tuo blog grazie a Anna di "Sferruzzando qua e là" e concordo in pieno: spesso i commenti degenerano su alcuno blog.
    ma ti confesso che ho visto anche cose, a mio avviso, più raccapriccianti, come scriversi da soli commenti negativi per farsi inondare di ulteriori commenti positivi dai propri lettori in modo da generare bagarre e guadagnare un sacco di click (che con gli sponsor è tutto grasso che cola).
    salvo poi essere così fessi da vantarsene in privato e farsi sbugiardare!
    da noi non è mai capitato: anche le volte che si è discusso in modo più acceso (e in quasi 1000 post è accaduto più di una volta...) non si è mai passato il confine della buona educazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi questa mi sembra "...ho visto cose che voi umani..." veramente da non crederci...

      Elimina
    2. Whaaaaat???!!!
      Ma davvero davvero? Sono basita, no veramente, la mente delle persone é onde di inesauribile sorpresa. Le discussioni ci stanno, anzi sono, a mio parere, necessarie in un confronto. Ti diró che in uno scontro faccia faccia, capisco anche che si possa perdere la luciità, peró quando hai la possibilità di riflettere e scegliere ogni singola parola, non sono cosí tollerante :)

      Elimina
    3. guarda, c'è gente che per un lettore, una visita o un clic in più venderebbe un braccio.
      meno male che c'è l'universo parallelo dell'ADVfree a riequilibrare!

      Elimina
    4. DcF, "quando hai la possibilità di riflettere e scegliere ogni singola parola, non sono cosí tollerante": HAI PERFETTAMENTE RAGIONE!

      Elimina
  18. Oops..non so dove è andato a finire il mio commento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna non é questo qui sopra? Non ne sono arrivati altri! Forse uno scherzerò di blogger?

      Elimina
    2. Avevo messo un commento nella finestrella appena sotto al post ma non si vede dove è andato a finire...

      Elimina
    3. Ah Anna quello nel box di FB! Io lo vedo, ma mi sa che non funziona bene quel codice html! Comunque ho già aggiunto alla lista il blog che mi hai segnalato, grazie

      Elimina
  19. Io tendo a moderare. Ogni critica va tenuta purche' costruttiva e formulata con garbo e soprattutto con rispetto. Nel mio personalissimo caso non e' mai sfociato nulla in polemica/defenestramento/demonizzazione forse proprio grazie alla moderazione dei commenti. I cosidetti troll, invece, vanno isolati senza remore e i loro commenti eliminati. L'atmosfera del blog, altrimenti, rischia di tramutarsi in un (quantomai inutile) campo di battaglia. Esprimere la propria opinione e' un conto, voler a tutti i costi convincere il prossimo e' un errore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu di troll, ahimè, ne sai qualcosa!
      Io non so come reagirei se qualcuno mi insultasse, ci rimarrei troppo male! É proprio strano come le persone interagiscono fra di loro, a me affascinano molto le reazioni che io reputo inconsulte osservandole da esterna, ma se mi ci trovo coinvolta mi spavento enormemente. Sto divagando, grazie per lo spunto di riflessione

      Elimina
  20. Io credo che alla fine sia normale, come nella vita. La polemica c'e' tutti i giorni, vuoi per un verso o per l'altro, quanta gente polemica c'e' al mondo??
    Non mi infastidiscono più di tanto, se mi va rispondo garbatamente, a volte sono acida e offensiva altre dolce quasi ingenua...(dipende come mi alzo la mattina). Ma alla fine...se uno fa polemica, "mi rimba" come direbbe un mio caro amico, ovvero, non mi interessa affatto, mi rimbalza. Critiche costruttive si, polemiche inutili no! :0P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dany concordo sul fatto che sia comune e frequente, ma mi dispiace che se sia diventato un atteggiamento "normale" per qualcuno un vero e proprio divertissement ,quasi un'alternativa alla noia. Non é triste? Per fortuna non per tutti, anzi

      Elimina
  21. "It's the nature of the beast", quella del blog, ovviamente. Scriviamo spesso in moment in cui non dovremmo nemmeno pensare, e quello che esce e' negativo o antipatico o proprio polemico...
    A me dispiace quando leggo commenti negativi su "amici-blogger", e a volte li difendo.

    A me era successo una volta, su un blog che non esiste più' o che anzi si e' trasferito in un altro continente, di commentare contraddicendo, o meglio spiegando meglio, il post dell'autrice: chi vive in un paese da pochi mesi non ha spesso un visione completa delle sue varie nuances e sfumature. In realtà' aveva scritto una stronzata (scusa) vera e propria, me la ricordo ancora, aveva persino scritto "Pledge of alliance" invece di "Pledge of allegiance"... ma dai!! Be', l'autrice se l'e' presa e si e' proprio arrabbiata con me, ma se scrivi qualcosa su un paese, almeno sii accurata, fai i compiti... vabbe', mi sto dilungando... il risultato e' stato che questa bloggara mi ha sparato a zero, e non ci siamo più' lette.... ed una sua amica amica, blogger piuttosto "famosa", ha anche finito il linkaggio con me...

    Non so bene se il mio commento e' proprio in tema, ma sto imparando ad accettare anche le cose brutte, peraltro la minoranza, che un blog porta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Super in tema, anzi per essere ancora piú gggiovane, stramega in tema!
      Ma fammi capre, questa persona si é offesa per una correzione ortografica? Va bé ma allora io cedo il mio scettro di regina della permalosità ;)
      Sto facendo uno sforzo per non chiederti i link di blog in oggetto

      Elimina
    2. Magari te lo mando in privato... non voglio causare ALTRE polemiche, perché stranamente, la blogosfera e' un mondo molto piccolo... :)

      Elimina
    3. come vuoi Moky, non voglio in nessun modo apparire inopportuna

      Elimina
  22. ... non sono mai incappata in blog simili, anzi!Ma a quanto pare è successo un pò a tutte,beh mi reputo fortunata per adesso! :)
    A questo punto spero di non navigare mai su siti del genere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei stata fortunatissima Sara, io ne vedo ti tutti i colori, ma non qui. Qui tutti gentilissimi ed educati

      Elimina
  23. Mi piace leggere un blog, vivere le emozioni che mi trasmette, e viaggiare con la fantasia. Se seguo un blog è perché ho piacere e perché condivido quello che trovo!!! Le polemiche non mi appartengono ne qui ne nella vita!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Francesca incuriosiscono i lettori silenziosi, quelli che leggono e non dicono mai la loro, mi chiedo se non mi mandano a quel paese solo per educazione :)
      Anche io penso di non essere un tipo polemico, ma mio marito sostiene il contrario :)

      Elimina
    2. Io sono dell'idea che se un lettore continua a leggere e a seguire un blog che no gli piace è un po' masochista !!! Io leggo in silenzio e apprezzo !!!

      Elimina
    3. Concordo. Io appena sento che mi viene il sangue amaro abbandono. Bisogna scendere già a tanti compromessi nella vita, dove si può evitare, io evito!

      Elimina
  24. a me è capitato di commentare in controtendenza una volta. dopo un po' di battute in cui il proprietario del blog continuava a sostenere la sua linea e io la mia ho abbandonato il post e l'intero blog perché ad un certo punto mi ha scritto che quello che pensavo era frutto di una "mentalità sbagliata" :-/
    la cosa mi ha dato molto fastidio: va bene che siamo sul tuo blog, a casa tua, ma se uno la pensa in maniera diversa, esprimendo il concetto in maniera educata, non vedo dove sia il problema.
    per inciso la sua critica era verso dei miei ex colleghi, un mondo che so come funziona e che mi sono sentita di difendere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti capisco succede spessissimo. Non siamo d'accordo? il problema è che tu sbagli. Per una ragione a caso, l'importante è che sia chiaro che io ho comunque ragione.
      Invece capita di essere su posizioni inconciliabili, punto. Senza dover decretare un vincitore.

      Elimina
  25. Oh se è vero.. belle queste dinamiche che creano movimento.. ahah! Io mi diverto!!! A me non è mai capitato, non sarò una vera blogger :-(

    GLORIA
    { Scacco alle Regine }

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nemmeno io Gloria sono una vera blogger, ma meglio così dai. Che io ci rimango male se mi insultano!

      Elimina
  26. io sono onorata e in ritardo, ma non meno onorata di questa citazione.
    grazie di cuore!
    camilla

    (anche per l'analisi, sottile e puntuale)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...