lunedì 16 aprile 2012

Ci vuole tempo


la mia strada preferita: la quattordicesima
Ho un rapporto strano con il tempo. Ultimamente lo odio anche un po', per via di quelle rughe che ha deciso di fissare sul mio viso, ma fondamentalmente non lo capisco. Non so, pare non avere un'unità di misura oggettiva.
Ci sono giorni in cui corre veloce che mi fa mancare il fiato e arrivo a sera che: "Oh man! è già buio!" e delle volte in cui un'ora è un secondo, tipo mentre sto guardando il mio telefilm preferito, nemmeno il tempo di respirare ed già alla fine: "Nooo, ancora ancora!"
Altre volte le lancette, sono ferme, quasi immobili. Per esempio sabato, quando i signori dell'immigrazione hanno deciso che dopo 12 ore di volo (grazie a British airways per li bonus) non eravamo abbastanza stanchi e rimanere lì in coda, ci avrebbe permesso di sgranchirci le gambe. (apro una parentesi: non è detestabile che ci fossero 9 agenti per il controllo passaporti dei cittadini U.S. e solo 3 per tutti i non resident?).
Poi c'è l'idea del tempo che serve, o del tempo che manca, insomma il tempo visto da prima che accada, proiettato nel futuro. Il tempo necessario per finie un lavoro, per cucinare una torta, per realizzare un progetto, ma soprattutto per farsi assalire dai dubbi. Con domande di questo tenore:
"Quanto impiegherò ad invecchiare?"
 No, perchè i trenta sono arrivati che io credevo di essere ancora all'università e i quaranta, mon dieu! I 40 si avvicinano con una velocità SPAVENTOSA!
E anche in questo l'oggettività si perde, perchè, confessatelo oh mie coetanee, quando avevate 20 anni le quarantenni le chiamavate tardone, mentre ora le trovate: donne risolte, affascinanti, "che la bellezza non deve essere confusa con la freschezza"!
Infine c'è il tempo che si misura guardando all' indietro e serve il calendario per capire quanto ne è passato.

Era novembre 2009 quando ho fatto il mio primo viaggio con il visto L1.  E la visa sul passaporto, per me voleva dire una cosa sola: non stiamo scherzando, non è un viaggio di piacere, stai cambiando vita.
cherry blossom
La mia destinazione era Washington D.C. Io nemmeno riuscivo a scrivere il nome in modo corretto, conoscevo solo la casa bianca di quella città e avevo deciso di non informarmi prima di esserci arrivata, perchè ero terrorizzata dall'idea che non mi piacesse.
Georgetown
Invece D.C. è bella, anche se non bellissima, la definirei discreta, ma non nel senso che è poco più che mediocre, solo non appariscente. 
Il primo mattino, complice il fuso, ci siamo svegliati prestissimo e abbiamo fatto una lunghissima camminata. Avevamo fretta di conoscerla.
Waterfront
Quando, con la presunzione dei principianti, pensavamo di averla capita, ci ha sorpreso con una nevicata che rimarrà negli annali.
C'era così tanta neve che tutto si è fermato, anche gli aeroporti, ma Washington non è una città crudele, forse un po' dispettosa, ma non ci avrebbe mai impedito di arrivare a casa per Natale.
Stormageddon
Qui sono cresciuta, maturata e ho imparato ad essere una moglie. Abbiamo sofferto tanto, quando abbiamo dovuto rinunciare ad un sogno che sembrava rendere tutto perfetto, ma imparare a nuotare contro corrente ci ha reso più forti, più saggi e poi, in fondo, la perfezione è noiosa, no? Quanto è meglio essere sgarrupati e un po' cialtroni?
E in quell'anno sono accadute così tante cose, che a me è parsa una vita intera. Come se non bastasse, non riesco a capire se mi pare lontanissimo quel periodo o appena trascorso. Perchè i ricordi sono vividi e lucidissimi che il modo migliore per definirli è proprio comesefossesuccessoieri, ma le sensazioni, i dolori e le gioie sono rarefatte, sopite, vorrei dire guarite, comesoloiltemposafare.
Il Potomac
Un'ulteriore conferma che lui, il tempo, sfugge anche senza correre. Non è una cosa per me riuscire a comprenderlo, mi propongo almeno di farci pace.
So Capital ;)

Tutto questo per dirvi che se vi capita, e avete TEMPO, una visita a D.C. vale sempre la pena.

*foto a 4 mani, due mie e due del Fotografo del mio cuore

57 commenti:

  1. Foto stupende davvero!!Complimenterrrimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Zia Atena! che se il tempo non fosse inclemente potevo pure rispondere "Bella zia" :D

      Elimina
  2. Che bello questo post sul tempo. Anche io ho un rapporto strano, certe cose vicine sembrano lontanissime ed altre più lontane sembrano ieri.. Inoltre vorrei la giornata di 36 ore e anche per me i serial finiscono troppo presto e vorrei subito drogarmi con un'altra puntata.
    Ma in tutto questo spero solo che il tempo mi conceda di viverlo più a lungo possibile, perché ci sarà solo un momento in cui non avrò più tempo. E adesso non è tempo...

    Smack,
    GLORIA
    { Scacco alle Regine }

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già
      meglio non lamentarsi troppo che magari a sto matto gli viene in mente di farmi qualche dispetto :)

      Elimina
  3. che emozione leggere di una città che, a breve, sarà la mia per i prossimi 3 anni! Complimenti per le foto, che scorci meravigliosi ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai Giulia?
      davvero?
      spero che D.C.conquisti anche te come è successo a noi

      Elimina
  4. Mi rivedo molto in ciò che hai scritto
    Solo che vivo in un posto che tutti dicono bello ed io lo odio e non lo trovo poi così bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è successo a Boston, tutti ci dicevano che facevamo un salto di qualità rispetto a Washington e invece noi ne abbiamo sentito tantissimo la nostalgia...anche la bellezza non è obbiettiva

      Elimina
  5. il rapporto con il tempo è davvero una personal relationship. Il Senator lo detesta perchè va sempre troppo veloce e odia invecchiare perchè ha sempre pensato che a 30 anni sei vecchio, a 40 sei vecchissimo, a 50 poi matusalemme.
    Io sono tutto l'opposto. Ogni anno che passa sono felice di essere un anno più vecchia, perchè sono viva: credo che questo sia il segno più profondo che ha lasciato sul mio carattere il fatto di aver avuto 17 anni mentre mia mamma sfidava il (primo) cancro. E sono assolutamente certa di essere molto più felice ora di com'ero 10 anni fa, anche se avevo la pancia strapiatta e tesa come un tamburo e portavo sempre l ombelico di fuori mentre ora morirei di coliche al primo spiffero :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavoli Valentina, che brutta storia.
      ora lo capisco da dove deriva la tua grinta e la tua determinazione!

      sulla pancia (non) piatta caliamo un velo pietoso
      molto spesso!

      Elimina
    2. mia pancia, intendo, che la tua è gonfia per un ottimo motivo!

      Elimina
    3. cmq per adesso è una brutta storia a lieto fine: mia mamma conduce per 3 A ZERO :-)

      Elimina
    4. che donna! complimenti alla mamma :)

      Elimina
  6. Io i 40 li ho presi proprio male e ogni anno che passa lo prendo sempre peggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Destinazioneestero no!
      tu mi devi rassicurare, tu sei l'espressione della donna felice e risolta
      non mi far venire l'ansia :P

      Elimina
  7. Bel post, complimenti!
    Il tempo: dispettoso a volte, gentile altre, ma senza dubbio bene di cui essere grati ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fosse un po' meno str...
      ehm volevo dire strano
      si si è meraviglioso ;)

      Elimina
  8. sai che il mio desiderio più grande è che inventino, dopo il teletrasporto ovviamente, il modo per manipolare il tempo? accorciare ore, allungare secondi...bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhh il teletrasporto, quanto lo anelo!
      lo inventassero servirebbe anche meno il tempo!

      Elimina
  9. Magnifico post,si vede e si sente il tempo che passa e
    che ti migliora ed è questo l'importante
    Non c'è bisogno di pensarci bisogna solo viverlo
    nel modo migliore e gustarsi ogni momento!
    IO ho 60 anni,ma continuo a ringiovanire!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manonsolo
      tu ringiovanisci prchè sei abituata a sfide ben più grandi di quelle contro il tempo...

      Elimina
    2. MA-NO-NON-SOLO

      Elimina
  10. Che bello questo post, mi piace proprio come scrivi!
    E anche le foto! Proprio belle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio Owl,sei sempre molto carina

      Elimina
  11. sono tornata per dire: becchiamoci questo! 94 anni...
    http://www.youtube.com/watch?v=8LOdmka4_90&feature

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah bellissimo
      all'inizio mi sono detta: bè non è poi così incoraggiante...
      e invece!

      grazie di averlo postato

      Elimina
  12. Bello il post, belle le foto, bella Washington che per me è stata luogo di un incontro sconcertante con un passato che spero di rincontrare in futuro ...un giorno ci scriverò una storia o un post sul blog ...

    Io sto per compiere 36 anni, oggi mi sono ritrovata un sacco di capelli bianchi, eppure quest'anno in Slovenia mi ha ringiovanita nello spirito ... E mancano solo 2 mesi e mezzo e poi ...

    E allora il tempo vorrei fermarlo anche io, e anche io faccio 3000 foto, per ricordarela poi questa vita ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e la devi proprio scrivere sta storia, perchè mi hai messo addosso una curiosità incredibile!


      e per fortuna che hai 36 anni dal tuo blog mi parevi più giovane e mi sentivo in un complesso di inferiorità spaventoso.
      Ora mediamente complessata :P

      Elimina
  13. Bellissime le tue foto. E il tuo blog mi piace sempre di piu'...cmq anche per me il tmepo passa velocissimo, mica come quando avevo 7 anni e aspettavo l'estate che non arrivava mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei mi lusinga Madame.
      Mio marito ha letto il tuo commento e ha detto: è vero! com'è che prima l'estate non arrivava mai e adesso è qui e io non me n'ero accorto!
      proporrei un'uscita a 4 quando sarà

      Elimina
    2. ;) Uscita a quattro accettata volentierissimo. Cosi possiamo condividere dal vivo le nostre seghe mentali sul tempo. Sai com'e', a volte dal vivo e' meglio. :)

      Elimina
    3. certo! vino da meditazione per tutti :P

      Elimina
  14. che bello questo post...lo leggo con un'ottica diversa dal solito. Perchè la voglia di fare quel salto nel vuoto e trasferirmi insieme al mio ragazzo sta diventando sempre più insistente...non so dove andremo a parare, ma leggere di persone che hanno avuto il coraggio di saltare mi fa bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franci, non mi prendo meriti che non ho: io salti nel vuoto...mmm...non fanno per me!
      sono un'estimatrice dei portatori sani di incoscienza, ma io sono una vecchia prudente :S

      Elimina
  15. fantastiche le tue foto!!!
    Passa da me :)
    http://amaliatrice.blogspot.it/2012/04/i-love-your-blog.html

    RispondiElimina
  16. Stai vivendo il mio sogno, sappilo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolo, mi hai messo un po' di inquietudine addosso.
      Non `r che sei un tipo vendicativo?
      :)

      Elimina
  17. che meraviglia, queste considerazioni. Perché mi sento "capita". Siamo sulla stessa, identica lunghezza d'onda. Il tempo ci sfugge. O ci tiranneggia. O si fa desiderare...Riflessioni di una donna. "Paura" dei 40. E una città nuova che diventa la propria. Vista così, Washington è assolutamente da vedere! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no ma paura anche senza Virgolette, cara Turistadimestiere :)
      che poi nemmeno tanto degli anni poverini, ma dei pipponi che mi auto infliggerò
      costringendomi a continui bilanci, che già lo sò liquiderò come fallimenti.

      abbiamo trasmesso:
      donna con ottimismo!

      aspetta che mi ricompongo
      {...}

      grazie per il tuo commento, mi fa tanto felice.
      Per davvero

      Elimina
  18. Io non ci penso al tempo, cioe' ci penso inconsciamente e allora ogni tanto butto fuori la frase "toh, ma gia' sono passati sei mesi?". Poi mi guardo allo specchio del bagno quando sono sola e vedo la rughetta sul lato sinistro della bocca e quelle intorno agli occhi che fanno tanto donna saggia e invece su di me sembrano dire "passi troppe ore davanti al computer" e mi scende un velo di tristezza. Non so perche', io sono contenta che certi momenti siano passati pero' quando mi soffermo, boh, mi sembra che poi nella vita qualche cosa te la perdi sempre e quando te la sei persa, puff, te la sei persa e basta.
    Non lo so cosa vuol dire sto commento, credimi... ho iniziato a scrivere partendo dal tuo post e non mi volevo fermare piu'... grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veru, cerco di non ripartire come nel commento sopra :)
      è che siamo esseri fragil e determinati
      capaci di pensieri enormi e consapevoli della propria caducità
      innamorati del proprio passato e poi pronti a tradirlo con il primo futuro che passa

      va che non è facile mantenere l'equilibrio in una situazione simile,
      ti dirò a me quelli/e che ci riescono creano una certa diffidenza

      Elimina
  19. Il mio rapporto con lo scorrere del tempo in questo periodo e' abbastanza positivo: ok, ogni giorno che passa invecchio un po', ma mi avvicino anche al meraviglioso momento in cui potrò di nuovo dormire una notte intera. Sono i vantaggi dell'avere un bimbo piccolo, immagino ;)
    Se ti capita di ripassare dalle parti di DC fammi un fischio. Magari ci si vede per un caffè a Georgetown!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e magari! ci tornerei proprio volentieri!
      il tuo mi sembra un ottimo punto di vista, in linea con il bicchiere mezzo pieno che cerco di bere ogni giorno :)

      Elimina
  20. Ciao! Sono passata qua per caso e il tuo post mi è piaciuto molto. Verissimo quello che scrivi, il tempo assume un valore diverso a seconda del momento della vita che stiamo vivendo: a volte sfugge (in genere quando si vivono situazioni belle) altre invece sembra non passare mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. benvenuta!
      sono felice che il caso (caro amico del tempo)ti abbia portata da queste parti :)

      Elimina
  21. D.C. mi era piaciuta tantissimo, vorrei tornarci e visitare tutti quei musei che non sono riuscita a vedere il 5 giorni.
    Senti ma, se quando vengo, mi vuoi accogliere con una torta come quella della foto, io non dico di no eh! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. considerala già pronta :)

      ma i musei bah non mi hanno convinta

      Elimina
    2. :) (per la torta)
      Sono una museumholic, fosse per me ci starei dentro giorni e giorni. Non importa che tipo di musei siano, io li visito tutti :)

      Elimina
  22. eh il tempo.. mai abbastanza o sempre troppo veloce..
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dico: eh già
      immaginami con la faccia pensosa e una mano sotto il mento
      oddio ma che cos'è sta roba?
      mi starà mica crescendo una barba bianca?
      :D

      Elimina
  23. ma...io ho solo 19 anni! sono al primo anno di università da...fammi pensare... solo 13 anni! :0)
    Il tempo passa per chi vuole farlo passare! Tiè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che ti dico dany io domani mi iscrivo all'università e non se ne parla più :)

      Elimina
  24. Stupendo il tuo blog! Io con il tempo (avendo appena compiuto 37 anni) ho un pessimo rapporto al momento... Aggiungimi pure alla lista :-)

    RispondiElimina
  25. grazie Marina, abbiamo un'altra cosa in comune ...

    RispondiElimina
  26. oh oh... seguendo la segnalazione di Alice mi sono trovata quì.
    Bel blog!

    Poi questo post.
    Washington DC e New York.
    Quando si dice il caso. (Niente di che riferimento telefilmico, sono una palla nei commenti sull'argomento.)

    Aggiunto il blog nella pagina I blog degli altri.
    Tornerò a leggere.
    Ops... suona minaccioso?
    Prometto di contenermi nei commenti.
    ... ops meglio che non prometto.
    Cercherò di impegnarmi.
    Magari sei fortunata e leggo soltanto.

    ^_^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...