lunedì 4 giugno 2012

TU VUO' FA L'AMERICANO? LESSON Nº THREE




Torno a parlare di quelle piccole differenze "culturali" che  potrebbero impedire di automatizzare le azioni quotidiane, con la conseguente dispersione di tempo ed energia. Non c'è bisogno di ribadire quanto l'efficienza sia fondamentale in questa terra di pionieri, quindi per mescolarsi tra gli indigeni è bene correre ai ripari! Se nella prima parte mi sono occupata di regole convenzionali e sociali, in quest'altra, tratteremo aspetti di livello maggiormente pratico e materiale. 
Mi rivolgo innanzitutto a chi ama andare sempre nello stesso supermercato, proprio per non dover perdere tempo a cercare i prodotti tra corridoi e scaffali, a chi tende a comprare sempre la stessa marca di latte e anche a chi non rinuncia al rituale della pesata settimanale :)
Come sempre donnaconfuso si è messa in gioco per voi testando tutto in prima persona e può quindi garantire di parlare a ragion veduta. (ma siccome che so cecata)
Let's go!

Pomodoro
Pelati, passata o polpa? Questo era il trittico che mi si presentava davanti quando decidevo di comprare del pomodoro in scatola in Italia, ma qui no, qui il pomodoro viene declinato in millemila modi diversi con  con basilico, con verdure, salato, arrostito, con l'aggiunta di vitamine. Impossibile afferrare un barattolo al volo sperando di farla franca. I primi mesi ho visto apparire sotto la morsa del mio apriscatola le peggiori sorprese! Per non parlare di quella volta che ho preparato un ragu così piccante, ma così piccante che ho iniziato a parlare e correre come Speedy Gonzalez! Ho scoperto così che esisteva anche la versione con chili!
Arriba arriba andale andale

Chi di voi beatamente spaparanzato sul divano di casa, non ha mai assistito ad una scena in cui il teenager di turno apre il frigorifero e si mette a bere da un cartone di latte più grande di lui?
Il latte fresco qui dura di più (ricordate la polemica per il latte blu?) molto di più, ha un sapore diverso e ne esiste una varietà imbarazzante. Non mi riferisco tanto alle marche o alle confezioni (vetro, tetrapak, cartone, plastica), ma alle tipologie.
Latte di soia, di mandorla, di cocco, di riso, alla vaniglia, al cioccolato, alla nocciola, alla fragola, zuccherato, integrato, biologico e non.
E poi?
Scremato, parzialmente scremato, con il 2% di grassi, con lo 0% di grassi, intero e infine lui il temutissimo  alieno del reparto frigo: l' half&half, una specie di ibrido tra panna e latte.
La prima volta che lo provi storci il naso, poi ti affezioni :)
Per quanto riguarda la panna dopo tre anni ancora ho serie difficoltà a scegliere quando mi trovo davanti all'offerta:
Creme fraiche
Light cream
Heavy cream
Sour cream
Whipping cream
Qui potete leggere in dettaglio di che cosa si tratta, spero che a voi entrino in testa più facilmente!
E già che ci sono vi avverto anche di tenervi alla larga da due tizi sospetti che si aggirano per questo reparto
Buttermilk& Eggnog
Acqua
Partendo dal presupposto che l'acqua costa più della soda, pare brutto venderla così, semplice e pura di sorgente. Per giustificare la spesa, i signori delle acque hanno pensato bene di aggiungerci ogni sorta di aroma, tassativamente artificiale, che passi loro per la mente:
Lime, limone, fragola, l'immancabile raspberry, ecc ecc.
Impossibile non portarne a casa una bottiglia almeno una volta. Ovviamente per sbaglio!

La coda

L'amore degli statunitensi per la coda mi rimane più indecifrabile di quello per il baseball. Non mi riferisco al rispetto per la fila, che è legittimo e sacrosanto, ma proprio al piacere di farla.
Ci sono due pasticcerie di cui una ha una coda che fa il giro del palazzo e una no, che si fa? Ovviamente ci si mette in coda! 
Per il consumatore americano le lunghe attese sono sinonimo di qualità, lo sanno bene i colossi della tecnologia che  immettono sul mercato i loro prodotti con il contagocce proprio per quei generare serpentoni umani che sono la migliore pubblicità possibile!
Un'altra cosa a cui dovete fare attenzione è che spesso e volentieri la coda è unica, nonostante ci siano più registratori di cassa e ad un unico senso, sempre lo stesso, ma io non ho ancora capito quale! Non posso contare le volte che mi sono diretta al bancone felice e contenta di essere la prima, per poi venire rimproverata al suono di:
"There is a line"!


Sistema metrico decimale, who?

Pensare in inch,  ragionare in oz e pesare in pounds, inizialmente vi sembrerà impossibile!
A tal proposito vi racconto la prima volta che sono andata ad una visita medica da questa parte dell'oceano.
Appena arrivata mi fanno compilare moduli su moduli, poggiando i fogli su quelle cartelline rigide, che chiamano clipboard.
Scrivo scrivo, tutta la storia medica della mia famiglia fino alla terza generazione (va bè lasciatemi il gusto dell'iperbole)
Ad un certo punto l'infermiera con una divisa tutta rosa e gli zoccoli a cuoricini mi chiama, mi fa accomodare in uno stanzino e mi dice di spogliarmi e indossare il camice.
Primo problema: perchè ti fanno indossare il camice a rovescio? come lo allacci?

Comunque mi sistemo alla bene e meglio, la gentilissima nurse mi prova la pressione e poi mi chiede di seguirla.
In visibile imbarazzo cammino a passi lenti, con una mano dietro la schiena, onde evitare di scoprire le terga e salgo sulla bilancia.
Lei posiziona i bilancini e mi comunica il peso.
Quando sento quel numero a tre cifre perdo la testa.
Salto giù come un cavallo imbizzarrito e comincio a gesticolare dimenticandomi del camice e delle sue aperture. Lei mi guarda basita e specifica che sono POUNDS!
Ormai è tardi. Arrossisco al solo pensarci!
Il problema con il sistema metrico anglosassone è sempre lo stesso, quando lo capisco è sempre troppo tardi!




44 commenti:

  1. Latte di soia, di mandorla, di cocco, di riso, alla vaniglia, al cioccolato, alla nocciola, alla fragola, zuccherato, integrato, biologico e non.

    nulla di nuovo, provati quasi tutti..certo, se uno va al classico supermercato non ci sono, ma al Naturasì SI :) ehehe

    p.s. ma la parte ONE dov'è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      eccola qui
      http://www.donnaconfuso.com/2012/04/tu-vuo-fa-lamericano.html

      Elimina
  2. Qua stesso problema, stamattina ho trovato 7 e dico 7 diverse varietà di noccioline. Però è divertente specie se non ti metti a guardare le calorie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio le noccioline, ingrasso solo a nominarle, quanto sono buone?

      Elimina
  3. Il peggio del peggio sono il burro spray e le confezioni di uova già sgusciate: a tutto il resto credo che potrei abituarmi col tempo, ma queste due proprio no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu non ci crederai, ma c hanno introdotto entrambe queste meraviglie anche sul mercato italiano!
      Io sono inorridita :(

      Elimina
  4. Tu che esci pazza, io che quando mi hanno detto che ci si pesa in pietre mi sono messa a ridere di gusto... non ce la possiamo fare.
    E ricordiamo le mie colleghe che mi dicono entusiaste quanti pound hanno perso, e io che guardo con sopracciglia inarcata il loro portafogli. O o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhhahaha
      fortuna che qui non abbiamo anche quei pound
      altrimenti chissà che potrei combinare :)

      Elimina
  5. ma come? il buttermilk serve per fare i pancake!! io mi devo arrangiare mischiando latte e yogurt naturale...
    invece l'altro coso con latte, alcol e uova e' disgustoso. molto meglio uovo e marsala che la mia nonna mi dava la mattina prima di andare a scuola (elementare).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so Elle, ma la prima volta che l'ho preso mi è capitato nel carello per errore e l'ho bevuto pensando fosse latte!
      blehhhh
      poi ho scoperto che per i muffins è il massimo, li rende spugnosi morbidosi

      Elimina
    2. Se unisci un po' d'aceto bianco al latte fai un buttermilk substitute

      Elimina
  6. Oddio quante cose strane :) Io però mi divertirei come una matta a fare la spesa :) :) :) ahahahahah.. il burro spray giuro che proprio mi mancava però.. di acqua di tutti i gusti ne ho fatta un overdose in Germania :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io adoro fare la spesa sempre, comunque e ovunque, sono una mezza maniaca :)

      Elimina
  7. Adoro l'eggnog senza alcool ne berrei litri... Per fortuna che non lo trovo all'esselunga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai?!
      ma scaldato o freddo?
      Io l'ho comprato una volta sola e non sapevo proprio come "affrontarlo"

      Elimina
  8. Quanto mi piacciono questi tuoi post sulle istruzioni d'uso della vita americana, io di certo dei miei pochi giorni di gloria a ny ricordo benissimo i galloni del latte che la mattina a malapena riuscivo ad alzare xD e l'infinita varietà di junk food che mi ammaliava al supermercato! *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. inizialmente ho letto "ammalava" anzichè ""ammaliava" dici ch è stato un lapsus freudiano? :D

      Elimina
    2. Ammalare non so, di certo sono tornata a casa con qualche chiletto in più! xD

      Elimina
  9. E' vero, negli States costa di piu' un litro d'acqua che di Coke. E poi quante volte anche io ho preso per sbaglio una bottiglia d'acqua al raspberry. Puah! Pero' che bei ricordi che ho degli States...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ti sovvengono bei ricordi anche pensando all'acqua l raspberry, mi sa che devi proprio tornare in fretta ;)

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Condordo, btw ieri ho fatto un colloquio da un'azienda toscana per un posto di lavoro nella filiale di Miami. Mi fanno sapere a giorni se vorranno assumermi...sono in corso molti altri colloqui. Fingers crossed.

      Elimina
  10. sono a letto , le papole dormono accanto e io per poco non mi ribalto dalle risate. La scena della bilancia, le tre cifre e il camice che svela le grazie sante. Muoio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahhaahha
      mi hai ritornato la risata, grazie!

      Elimina
  11. Grande Donna! Io ogni volta che devo scegliere un "semplice" succo di cramberries non ce la faccio davanti alle trenta (contate) varieta' e esco senza aver comprato nulla...

    Quanto al camice io la prima volta l'ho indossato come fosse stato una vestaglietta da camera. Non ti dico la faccia dell'infermiera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. d;istinto anche io l'avrei messo a "rovescio", ma la mia insaziabile cultura televisiva mi è corsa in soccorso :)

      Elimina
  12. a me piace che ci sia tanto da scegliere, solo che con in sistema metrico decimale mi sento più avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il sistema metrico decimale è più avanti, ma proprio pagine e pagine :P

      Elimina
  13. Il piacere della coda per me è davvero inspiegabile, io a volte evito certi negozi che pur potrebbero piacermi perché l'idea di dover fare la coda equivale a sofferenza! :D Ma l'acqua di rubinetto è cattiva? Volendo si può bere o comprarla è proprio una necessità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma guarda, dipende dalle zone.
      Dove siamo noi è imbevibile, sente tantissimo di cloro e scende anche bianco latte, insomma diciamo che non invita all'uso :)

      Elimina
  14. beh, di sicuro non manca la varietà ;P

    RispondiElimina
  15. haha oddio quante cose! come sono complicati gli americani!
    io impazzirei! se mai riuscirò a venire in america dovrò portarmi una guida haha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma no, niente guida
      lasciati tentare dal fascino sottile della gaffe!
      :)

      Elimina
  16. Quello che non mi piace è che è tutto addizionato di vitamine o coloranti o schifezze artificiali.. per non parlare dei maxi formati..
    Sinceramente mi pare più sana e controllata l'offerta italiana.
    Mi viene in mente la lotta di Jamie per sostituire nelle scuole il latte con i coloranti artificiali con il latte normale..
    Mi vengono in mente alcuni miei amici americani che non bevono mai acqua (loro quando hanno sete solo bibite.. ci credono che diventano obesi..) a me sta cosa che un essere umano non beve mai acqua mi fa accapponare la pelle..
    E vabbè qui mi fermo che se ne potrebbe duiscutere all'infinito..
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cris, speriamo nel rinnovo del mandato a Obama, la first lady pare molto combattiva su questi temi!
      Io credo che qualcosa stia cambiando...

      Elimina
  17. a parte che sono morta dalle risate...
    ma quanto hai ragione.
    Io però non sono una temeraria come te: la panna me la faccio da me (mi sono portata il bimby in america), il latte prendo solo quello al 2% per nessun motivo specifico solo perchè la pediatra mi ha detto che mia figlia doveva iniziare a bere quello (???).
    Le altre schifezzuole non mi ci metto neanche morta a provarle che tanto non mi servono a nulla.
    I pelati anche quelli sempre gli stessi...prendo sempre la SAUCE normale o organica se proprio voglio fare una botta de vita e sentirmi a posto con la conscienza.
    Acqua...Grazie a Dio esiste la BRITA e il gasatore per l'acqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma come fai con il bimby? intendo dire con la corrente che non è a 220V, vai di trasformatore?
      Si però specifico che molte cose non le ho provate VOLONTARIAMENTE, è che mi sono capitate (nel carrello)
      :)

      Elimina
  18. Io non ho ancora imparato ad usare il loro sistema di misurazione. Non ce la faccio. Eppure a lavoro misuro tutto il giorno i inches. Due balle mostruose. Con tutte le frazioni. Comunque mi consola che anche i nativi si confondano e che non sappiano quante oz. ci siano in un lb. :) Un po' mi odiano perchè do sempre le temperature in celsius, ma me ne batto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una cosa impossibile, troppo complicato!
      le oz sono quelle che odio di più in assoluto!
      e anche io vado di celsius :)

      Elimina
  19. Troppo complicato, dai, la spesa diventa impossibile! :( ahahah

    RispondiElimina
  20. Stupendo questo post! il tuo blog è una buona guida per chi è titubante sul trasferirsi o meno :) per il momento: "io non voglio fa' l'americano" poi vedremo :D
    Ciao

    Giuseppe

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...