martedì 25 settembre 2012

Grasso non è bello. Parte seconda. Chiedo a voi


Forever 21 in Italia ancora non c'è. Probabilmente molti di voi lo conosceranno comunque, ma per capirci è una catena molto giovane e diffusa negli Usa, con prezzi decisamente convenienti che come dice il nome si rivolge ad un pubblico di teenagers o di wannabe sempreggiovani (come la sottoscritta). Da qualche tempo il vastissimo assortimento di Forever 21 si è arricchito di una nuova linea chiamata  plus sizes dedicata alle taglie morbide. Eccone qualche immagine.

Dovete sapere che davanti a questa fotografia, in casa Confuso, si è sviluppata una delle discussioni più accese e lunghe mai viste. I protagonisti di questo prontuario di ars oratoria non li svelo, ma sono sicura che si paleseranno presto :) Vi anticipo che nessuno era d'accordo con me. Quindi ho iniziato a mettere in dubbio le mie posizioni perché, a differenza di quanto qualcuno presume, io sono una persona pronta a cambiare idea e francamente amante del confronto costruttivo. Però non sono ancora convinta di avere torto e per questo chiedo il vostro parere.  Io sostengo che queste immagini siano pericolose, perché veicolano l'idea che si possa vestire come sefossimagra anche se non lo si é. E vi assicuro che negli USA di ragazze che si legano il maglioncino in vita per nascondere il sedere non ne ho mai viste. Perché le ragazze qui, grazie al cielo, hanno un senso di liberà e una percezione del proprio corpo molto più tollerante di quella a cui ero abituata io. Si vedono pantaloncini di jeans a scoprire cosce tronfie di cellulite e top cortissimi a mostrare duo o tre pance. Sovrapposte l'una all'altra.
Il punto è che, secondo me, si è passato il segno. Perché se immagini come queste 
rappresentano la donna comune, che non si riconosce, ne vuole ambire al fisico delle modelle che sfilano in passerella, la campagna di Forever 21 vende l'immagine di una ragazza giovane e visibilmente in sovrappeso che, sempre per il mio punto di vista,  dovrebbe ambire a perdere peso e non a fregarsene e a vestirsi come le va, tanto va bene uguale. Perché non va bene! Perché il grasso produce malattie e problemi e un qui non si tratta di quei 4 e 5 chili in più e sopratutto ci si rivolge ad un target di giovanissime. Da che mondo è mondo, pensare di dover avere un certo fisico per potersi permettere una minigonna o un vestitino aderente è stato un incentivo alla dieta, io non credo sia giusto rinunciarci.
Mi hanno detto che sono una talebana della linea. Dite che c'hanno ragione loro?



ps: c'è poi  da approfondire tutta la tematica della correlazione tra povertà ed obesità e spero di farlo presto

60 commenti:

  1. ...io sono d'accordo con te. Con questo non voglio dire che chi è in sovrappeso debba solo coprirsi di lenzuola o indossare abiti brutti e mortificanti, ma è vero che shorts, magliettine striminzite e simili non sono proprio adatte a tutti i fisici. Secondo me chi non capisce è proprio chi se ne frega...significa ignorare il problema invece di affrontarlo...e comunque la modella col tubino nero a me piace :-)

    Ciao ciao Grace

    RispondiElimina
  2. A mio parere sia le campagne pubblicitarie con modelle grissino che queste creano una distorsione della propria immagine con tutto ciò che ne consegue. Sai cosa ci vorrebbe, in ambo i casi? Una vera cultura della sana alimentazione. Ma alla fine, gira e rigira, prima viene il Dio Denaro poi tutto il resto...forse.
    Comunque complimenti, bel blog ( ti avevo scritto un post nel contact non so se l'hai visto ). Ciao. Vivi. :)

    RispondiElimina
  3. Cara DonnaConFuso, seguo the un po' il tuo blog, e ora non mi esimo dal commentare! :)
    Hai perfettamente ragione! Qui non si tratta di farsi dei complessi per quei 3/4 o 5 kg in più che rendono una donna morbida, ma di essere al limite con l'obesità, che è una malattia! Non solo esteticamente vedere dei rotoli spuntare the magliettine aderenti non è bello, ma non è sano che ci siano, soprattutto a 20 anni (o meno), quando si è in tempo per tutelare il proprio sistema cardiocircolatorio (in primis), e si ha voglia (e magari tempo) per fare un po' di sport! Non è estetica, è salute!
    (e comunque complimenti per il blog).
    Una 26enne con3 kg in più!

    RispondiElimina
  4. Io credo che ognuno debba valorizzarsi a seconda del suo fisico, e sono la prima che vedendo una ragazza con i minishorts e le gambe molto robuste e con la cellulite pensa che forse una gonnellina al ginocchio le starebbe meglio.
    Però, c'è un grande però. Ed è che vedo davvero una certa esagerazione nel volere le ragazze appena un po' più robuste e non perfettamente in linea coperte. Sono su twitter da poco e quest'estate era tutto un "oddio, ha le braccia cicce, come osa mettersi in canotta" o "come osa mostrare la cellulite". Ecco, questo a me fa molta più paura di questa pubblicità. C'è un odio verso i corpi "imperfetti" che non fa bene a nessuno, non è sano, e non credo vada alimentato vietando alle persone grasse di avere una linea di vestiti (anche discutibile) per loro. Per me non propongono un modello, prendono semplicemente atto dell'esistenza di molte donne con quelle taglie, la battaglia al sovrappreso si combatte in altri modi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono proprio d'accordo con Bianca invece. ^^,

      Elimina
  5. Sono molto d'accordo con te: un conto è essere imperfette, in sovrappeso, avere dei difetti fisici. In quel caso dovremmo imparare tutte ad accettare di più i nostri corpi senza voler per forza raggiungere i modelli che vediamo in TV o sui giornali (anche perchè sono falsi pure quelli: ormai lo sanno tutti che i fotografi cancellano la cellulite e i brufoli delle modelle, tanto per dire)
    Un'altra cosa è pensare che sia normale essere grassi o addirittura obesi. NON E' normale e non è tollerabile, perchè non è sano. Il punto non sono tanto i vestiti, quanto i problemi di salute e le limitazioni pratiche che un certo peso comporta.
    Ho sempre pensato che, come ci si preoccupa di anoressia e bulimia, così ci si dovrebbe preoccupare dell'obesità: entrambi comportano rischi per la salute e, se non curati, anche la morte. Invece molta gente si allarma subito per un disturbo alimentare che ti porta a non mangiare e dimagrire vistosamente, però non fa una piega davanti a un bambino così grasso che non riesce a terminare l'ora di ginnastica a scuola :(
    Secondo me sono tutti disturbi alimentari e c'è bisogno di mooooolta educazione alimentare in giro!

    RispondiElimina
  6. d'accordissimo con te. Io di chiletti in più in questo momento ne ho e non voglio arrendermi ...tanto qualcosa da mettermi lo trovo!
    non avrò mai il fisico di una modella ma non voglio neanche essere in sovrappeso a vita, anche perchè non è solo un fatto estetico, ci sono una serie di implicazioni che se si è giovani si è in dovere di evitare!

    RispondiElimina
  7. Non è bello vedere gironzolare per strada strati di pancette che escono dai jeans. Tutti noi abbiamo indumenti o vestiti, chiamiamoli come ci pare, che non possiamo permetterci di mettere. Chi ha i fianchi larghi, chi ha le gambe corte, chi è senza sedere e chi ne ha troppo, chi ha le gambe storte...... Non tutto è per tutti ma esistono molti modelli per tutti e anche per alleggerire, se è il caso, la figura. Riguardo all'aspetto fisico io ho un metro di misura osservando me stessa e gli altri che mi ha tramandato la mia nonna.
    Lei diceva sempre "non ti devi preoccupare di piacere agli altri, devi preoccuparti di non dispiacergli."
    Aveva ragione, a volte per le strade si incontrano persone che ti danno davvero un gran dispiacere per come si vestono, di qualunque taglia esse siano.
    Ciao, A presto!

    RispondiElimina
  8. ti parla una persone che non ha 5 kg in più ma ben 25. Perennemente dietro a diete e soprattutto una tiroide che fa come gli pare posso dirti che hai ragione.
    Però mettiamo bene alcuni concetti. Loro usano queste immagini per vendere perchè è difficile per noi grosse capire se un abito ci sta bene su una con taglia 42 anche se questo genere di abbigliamento è bene lasciarlo stare.
    Come non sopporto le 60enni con la minigonna non sopporto le donne grosse con il vestitino aderente.
    Ci vuole buon gusto e ahimè tranne che in Italia per il mondo ce ne è veramente poco soprattutto in america. Ecco perchè amano Prada, Gucci Armani, Versace ...

    RispondiElimina
  9. Ciao Donna....non sono del tutto d'accordo perché le modelle sono ultra magre "anoressiche" è sono il modello di bellezza che si vede ovunque e in realtà evidenziano un tipo di bellezza praticamente irragiungibile soprattutto se ci si aggiunge l'effetto photoshop! quelle donne nella foto sotto con costumi bianchi certamente non mi sembrano GRASSE ma solo un po più formose e questo può essere il risultato di una costituzione fisica semplicemente diversa partendo anche solo dall'ossatura schelettrica che può essere più grossa. Mi pare giusto che si trovino anche taglie per le forme morbide così forse si evitano imbarazzanti strizzamenti in short o maglie troppo strette e troppo corte o in quelle trooooppo larghe tipo tendone da circo che deprimono causando ancora più problemi! penso che oggi come per il fumo e la conoscenza della sua nocività anche per il grasso si sia sufficientemente informati. Io stessa sono sempre stata morbida di qualche kg e non la prendevo alla leggera ma cercavo di non farne un dramma per non peggiorare le cose ultimamente causa vari problemi mi sono lasciata andare del tutto ed ora da c.a. un mese sono a dieta devo perdere 30 kg!! e lo faccio per me per la mia salute ne sono consapevole anche grazie al fatto che ho potuto fino ad ora indossare cose che mi hanno dato una forma e una femminilità così da non scoraggiarmi. Alla faccia di chi mi ha guardato questa estate con "fastidio e disgusto" perché è questo lo sguardo (per non parlare dei commenti) io so di non giudicare nessuno per il suo aspetto e in una società come quella di oggi ben venga la regola di non farlo! oggi che per partecipare ad una festa si deve vestire tutti di un unico colore tipo bianco ed io di bianco non trovo le taglie che faccio non ci vado? e resto sola. La verità è che questo è un argomento troppo complesso per parlarne così chi è in sovrappeso solo di qualche chilo mi deve credere se gli dico che è ben lontano dal sentirsi come chi ne ha tanti di più e ha diritto di sentirsi parte di un umanità che l'accetta per desiderare di farne parte veramente altrimenti la reazione psicologica è quella contraria (chi mi disprezza non mi merita) perché ci si sente SOLI.
    Quindi io sono a favore più per rendere consapevole chi è sempre stato magro senza problemi particolari che esistono, in modo del tutto naturale, anche persone con kg in più e che non si devono disprezzare perché ciò che le ha portate a tale peso quasi sempre è un problema sociale e psicologico a partire dal rifiuto di chi li circonda.
    Ci si vuole decisamente più bene quando si sa di essere amati! o anche solo accettati. Spero di essermi spiegata ma come ho detto è difficile da discutere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti, ci siamo fatte così condizionare dalla pubblicità e dai sarti, che non ci viene più in mente che il primo modello malato che abbiamo sotto gli occhi... sono proprio e innanzitutto le modelle magrissime!
      Comunque le persone obese non sono tutte inconsapevoli della propria patologia. Molto spesso semplicemente non si può combattere più di tanto, con tutta la buona volotnà. E allora, se una persona che già sta male per altri motivi, ha voglia di mettersi un tubino o di usare degli shorts (dev'essere terribile passare un'estate sotto tutti quei chili) chi sono io per giudicare o dare lezioni di estetica?
      La coscienza di un'alimentazione sana e responsabile, ad ogni modo, non dovrebbe partire dalla moda.

      Elimina
  10. Fino a un annetto fa ti avrei detto che ero completamente d’accordo con te. Ora invece sto cominciando a vedere le cose anche da un altro punto di vista. E’ vero che qui si parla di immagini di ragazze ai limiti dell’obesità, ma facciamo per esempio che una ragazza obesa si sia messa a dieta e abbia perso 10 chili: per lei è sicuramente un bel risultato, che la gratifica e la può stimolare magari a perderne altri. Magari noi non vediamo nemmeno la differenza, ma magari lei si vuole gratificare concedendosi qualcosa di “carino” o “alla moda” che fino a poco tempo prima non si sognava neanche di mettere. E’ giusto che anche lei se lo possa concedere. Anch’io poi sono una di quelle che quando vede delle ragazze conciate in maniera ridicola si volta a guardarle, ma logicamente si spera che una ragazza sovrappeso con un minimo di coscienza estetica non si vesta solo ed esclusivamente con shorts o magliettine aderenti, ma magari li alterni a capi un po’ più coprenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, finalmente leggo qualcosa di non offensivo nei confronti di chi ogni giorno combatte col peso. Io sono anni che non perdo un chilo, vuoi per la tiroide, vuoi per lo stress, vuoi per i problemi post partum. E mi vesto DA RAGAZZINA! Sì! Scopro le gambe e le braccia e se il tempo vuole anche le tette! E alle persone che mi guardano e mi giudicano come ha fatto la tipa del blog sai cosa faccio? Sorrido. Sono loro un sorriso FIERO, perché sono più sana io mentalmente a sentirmi libera col mio corpo che loro coi paletti mentali che se si ha un buchetto sulla coscia via di pantalone!

      Elimina
  11. Secondo me c'è da scindere il discorso estetico da quello salutare. Qualche chilo in più non credo provochi problemi di salute e se una persona sta bene con se stessa avendo qualche taglia in più non ci vedo nulla di male, anzi. Una consapevolezza che ad ogni modo si può raggiungere solo da grandi perchè quando sei piccolo e vai a scuola, credo i chili di più rappresentino un problema anche sociale per prese in giro et simili.

    C'è dunque da vedere ovviamente come si guadagnano questi chili in più se con junk food, bibite gasate o magari cibo più sano (siamo poi d'accordo quando si esagera si esagera anche con prodotti della dieta mediterranea; io appunto sono ferma al discorso del qualche chilo in più).

    Quando le taglie in più sono tante, si è giovani e i problemi di salute dietro l'angolo allora posso essere d'accordo che è sbagliato promuovere (soprattutto tra i giovani) 'grasso è bello'. L'educazione alimentare abbiamo spesso detto è alla base.

    Il problema a mio modo di vedere le cose è il proporre sempre e comunque immagini sbagliate. La campagna di Forever 21 per le plus size non dimostra come ci si può vestir bene con qualche chilo in più ma come ci si può rendere ridicoli. Gli shorts con i cosciotti non si possono portare così come a mio parere ci sono vestiti che stanno male anche a chi è troppo magro. Ogni fisico può permettersi abbigliamenti diversi. Perchè allora non creare una collezione che possa valorizzare le ragazze più formose senza renderle ridicole o senza aggiungere loro 20 anni (in questo caso mi riferisco a marchi più famosi anche italiani che le plus size le infagottano o le fanno sembrano come una donna di 40 anni a 20).

    Ciò che infine mi fa strano è che non si prende mai in considerazione un modello sano. Si passa dal troppo magro al troppo grasso. Una 42/44 potrebbe essere perfetta come modella in generale per questi marchi.

    Ricapitolando per me qualche chilo in più ci può stare se non è a rischio salute, quando subentra la quasi obesità è un discorso diverso. Pochi marchi fanno vestiti plus size che valorizzano.

    p.s. parlo ovviamente dal mio punto di vista, ovvero quello di una ragazza con qualche chilo più (non ho a onor del vero mai ricorso a taglie plus size) anche se sono a dieta e da inizio settembre vado 3 volte la settimana in palestra:-)

    Spero di essere bene o male stata chiara:-)

    RispondiElimina
  12. Anche io sono d'accordo con te Dcf e in generale con la maggioranza dei commenti già postati. Il problema di base però è che con le modelle magrissime tutte DEVONO fare la dieta per indossare short e mini. Fare la dieta di solito significa NON MANGIO per una settimana e così la settimana dopo via di abbuffata. E giù con i disturbi alimentari .Il problema come già detto è la scarsa educazione alimentare, in Italia ne vedo poca ma per fortuna non esiste la cultura del fast food come in USA.
    Io l'abbigliamento lo vendo e di scarso gusto sono dotate sia le donne magre che quelle più rotondette, delle volte volte penso che basta così poco e delle altre mi dico evviva, il mondo è bello perchè vario

    RispondiElimina
  13. l'argomento secondo me è troppo "delicato" e i casi sono troppi e troppo diversi tra loro per poter dare un'opinione.. io stessa ho la taglia 46 e mi privo di vestirmi in un certo modo perchè so di risultare ridicola.. però ho imparato a non giudicare chi invece si prende la libertà di mettersi ciò che gli piace.. sarebbe interessante passare un pomeriggio con te a parlarne..piace anche a me il confronto e ho trovato interessanti alcune tue affermazioni ;) peccato che sei così lontana!!! un bacione

    RispondiElimina
  14. la penso esattamente come te.. vedo ogni tanto (qui per fortuna ancora si vergognano) ragazze sovrappeso con mini abiti e shorts che solo a vederle mi viene il pelo dritto sulla schiena.. non siamo superficiali se rabbrividiamo vedendo rotoli su rotoli di ciccia antisalutare messa in mostra.. naturalmente non sono neanche per le tisiche! bisogna sapersi guardare allo specchio e fare dell'autocritica! sono stata la prima a non volermi più mettere il jeans a vita bassa perchè mi marcava troppo le maniglie dell'amore.. nonostante ciò ho visto tante, tantissime ragazze come me, se non peggio, che li portavano con nonchalance.. per me non bisogna andarne fiere, anzi!!

    RispondiElimina
  15. Anche io sono daccordo con te. Ho passato i twenty-one, e pure i forty-two, ma ho ancora un bel fisico e delle gambe decenti, per cui in estate posso osare gli shorts o le gonne a metà coscia. Ma questo è il frutto di uno stile di vita sano, con un'alimnetazione corretta, non priva di molti sgarri ;), e un po' di movimento. Lo stesso insegno ai miei figli adolescenti, soprattutto con l'esempio. A qualunque età, un corpo in sovrappeso va vestito nel modo giusto, che non metta in imbarazzo prima di tutto l'iteressata! Quando vedo le amiche dei miei figli, molte cicciottelle, strizzate dentro shorts e magliettine attillate, credetemi, le vedo a disagio... e allora, le loro mamme e chi fa moda dovrebbero insegnare loro a perdere peso, a muoversi e ad aspettare il momento giusto per indossare proprio QUEL capo a cui ambiscono. Come dici tu, un bel tubino attillato per me ha sempre fatto da incentivo alla dieta ;)
    franci

    RispondiElimina
  16. io mi trovo d'accordo con te, per il semplice fatto, in particolare, che non si mostra una donna normale che magari è formosa o ha un po' di pancetta, ma si passa da ragazze tagli 38, secche come la morte, a ragazze taglia 50 o più! non è così che si sponsorizza la salute e la lotta contro i problemi di alimentazione... oltretutto se tu sei un'azienda che produce abiti non credo ti piaccia vederli sformati sopra una ragazza obesa che cerca di entrare in una 46...

    RispondiElimina
  17. Diciamo che dovrebbe esserci una via di mezzo tra questi due tipi di modelle. E poi anche noi non siamo mai contenti eh.

    RispondiElimina
  18. La penso come te! Una ragazza in sovrappeso dovrebbe indossare qualcosa Ke la valorizzi invece di rendersi ridicola con un paio di shors! Haime' io in questi anni ho preso diversi kili che faccio fatica a buttare giu'.....non mi sognerei mai di comprare degli shors.... almeno finche' non raggiungo il peso forma

    RispondiElimina

  19. credo semplicemente che il fatto di infastidirsi nel vedere una persona in carne o obesa vestita o svestita in un certo modo non discenda dalla preoccupazione latente per la sua salute e la sua alimentazione, quanto dal fatto che ci hanno inculcato rigidi canoni estetici.
    uno tra tutti, il seguente: "grasso=brutto; magro=bello".
    sinceramente, trovo che ci siano tante persone magrissime e orribili, altre grasse e persine obese che splendono come il sole.
    sia i grassi che i magri possono mangiare male, il fatto di ingrassare può dipendere da tanti fattori.
    e non credo che una campagna pubblicitaria come quella di forever21 sia controproducente, o dia il cattivo esempio, o induca a diventare grassi, o tolga lo stimolo a chi è sovrappeso di perdere qualche chilo.
    semplicemente è una catena che offre un prodotto anche per chi ha dei chili di troppo.
    non vedo perchè chi ha una taglia grande dovrebbe mortificarsi in abiti fatti con tela di sacco o senza forma, come se fosse un castigo.
    anzi, ti dirò di più, lo trovo un segno di civiltà.
    così come le taglie petite, che tengono conto del fatto che non siamo tutte stangone che pesano 30 chili.

    il mondo è bello perchè è vario ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perfettamente in accordo con ciò che dice .come.fossi.acqua.

      siamo così abituate fin da piccole a valutare un canone estetico (in un modo o nell'altro) che non possiamo ghuardare senza ridere una cosciotta con la cellulite, o una pancetta che trapela da una maglia aderente.

      siamo così abituati e infarciti di abitudini mentali sbagliate che è più importante ciò che si vede di ciò che è.
      rifiuto completamente questo modello comportamentale e sinceramente se una ragazza pienotta o rotonda o anche sovrappeso vuole mettersi un bel vestitino invece di un informe sacco nero, ben venga.

      le considerazioni sulla salute sono altra cosa, volendo essere proprio onesti potremmo dire: sì guarda che ci posso fare, mi fa schifo guardare un corpo grasso e non trovo giusto che vada in giro con questo e quello in mostra.
      invece ci autocreiamo l'alibi, fino a ridere o provare pena o commiserare le persone che hanno 5/10 kg in più.

      l'onestà intellettuale è sepolta sotto anni e anni di condizionamento mentale, e se finalmente un'azienda ne esce, ben venga.

      Elimina
  20. Penso che dovresti partire da un concetto ancora più basilare:
    il perchè viene spinto il vestito per questo genere di target.

    Penso che la verità stia nel mezzo.

    Non mi par giusto vendere la pubblicità alle ragazzine dicendo loro che se ti vesti così così e colì allora puoi anche tu andare a fare la sfilata, per l'amor del cielo.
    Con rispetto per tutti e per tutte però 80Kg di donna che va in giro con leggins attillati .. stona un pochettino.
    Almeno il buon gusto.

    Però dovresti considerare che questo mercato qui è un mercato assai trascurato.
    Della serie : se pesi 50 Kg puoi metterti vestiti fichissimi.
    Se pesi 60 Kg sei out e ti devi vestire con lenzuona perchè in negozio non abbiamo altro.

    Penso che forever 21 si sia accorto del fatto che la donna morbida ha un suo mercato non poi tanto di nicchia quindi rivedendo colori, forme e vestibilità anche persone non perfette possono ambire ad avere dei vestiti esteticamente belli.
    Per farsi forza per introdursi nel mercato spingono sul fatto di cui sopra, cioè che i vestiti per le plus-size fanno tutti generalmente schifo e che con i loro vestiti si diventa subito fighe e quindi viene tollerata la taglia grossa.

    Penso che il trucco sia tutto nella chaive con cui leggi l'insegna pubblicitaria
    Non dovresti vederla come un : se ti metti questi vestiti puoi andare a fare la modella
    Ma piuttosto come : sappiamo che i vestiti per le donne morbide fanno cagare, invece di andare in giro con burqa e le lenzuola comprati questi vestiti qui almeno non sfiguri nell'abisso di confronto con le tue coetanee.
    [Disclaimer-->Ma non pensare che questi vestiti ti rendano diversa da quello che sei ora]

    Penso dipenda da come viene interpretato.

    Sicuramente forever21 spinge sul fatto che ora tutte le donne morbide si sentano fotomodelle con i loro vestiti.

    RispondiElimina
  21. Ciao!
    Condivido assolutamente il tuo pensiero, l'eccessivo peso come del resto l'eccessiva magrezza, non sono belle, né da vedere né come esempio da usare in pubblicità o in nome di chissà quale battaglia.
    Essere gravemente sottopeso causa problemi fisici.
    Così come li crea essere gravemente in sovrappeso.
    Bisognerebbe che la società, le case di moda, ecc, usino modelle sane, con la giusta costituzione, grasso non è bello come non lo è essere troppo magri, e non è una questione estetica perché io non mi scandalizzo di fronte a dei rotolini o a delle gambe secchissime , non è bello il messaggio che si invia, il messaggio di una salute messa in difficoltà dalla cattiva alimentazione.

    RispondiElimina
  22. Vai che mo' mi sputano tutti addosso!! :D

    Premessa necessaria fatta, io non solo sono d'accordo con te ma provo anche imbarazzo e (si puo' dire?) schifo quando vedo taglie Over vestite come taglie Under.

    A meno che una persona non abbia problemi di salute è proprio inaccettabile per me essere Over e ancora di più Over Over e per giunta andare pure conciata come una Under Under; esiste il buon gusto e anche il buonsenso aiuta parecchio ma esattamente come le cinquantenni si sentono in diritto di vestirsi da ventenni così le sovrappeso si sentono in diritto di vestirsi da anoressiche.

    Io sono molto fissata con è vero ma avverto davvero un certo fastidio nel vedere certe donne conciate come tendoni da circo o come starlettine sovrappeso sulla strada della via Prenestina...

    Quanto alla scelta del brand è chiarissima e anche a Dublino puntano sulla stessa cosa: noi c'abbiamo i vestiti fighi anche se non puoi permetterteli e siccome forse non hai mai potuto indossare vestiti così da oggi ti salviamo noi. Peccato che poi si passi dalla via del salvataggio al disastro totale... ma low cost.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non voglio offenderti ma visto che sei una persona molto diretta credo di poterlo essere altrettanto nei tuoi confronti: è agghiacciante il tuo pensiero dal mio punto di vista, rivela in tutta la sua tristezza quanto l'apparire sia decisamente più importante di tutto il resto.

      però hai il merito di essere stata l'unica delle sostenitrici del "grasso è orrendo" a dire la verità senza nascondersi dietro un dito, e questo mi piace molto, complimenti per l'onestà, è una qualità rara al di là di come la si pensi su qualsiasi argomento :)

      Elimina
    2. Barbara non mi offendi tranquilla :) la penso così e non (solo) per una questione di apparenza. Se stai male e sei sovrappeso sei più che giustificata e se te ne freghi fai bene ma se stai bene e sei sovrappeso, incurante e felice per me sei poco attenta a te stessa e sciatta nei tuoi confronti. Nessuna offesa, io penso quello che ho scritto e ribadito qua :)

      Elimina
  23. Concordo. E ti diro' di piu': da ex-expat in USA posso dirti che noostante ami moltissime cose del lifestyle americano ( e ci tornerei al volo), una cosa che non ho mai digerito e' la tigna con cui cercano di preservare qualsiasi diversita' anche quando questa e', come dire, di minor valore di altre e pure nociva. voglio dire non possono dire obeso e' bello tanto che ti faccio una linea di vestiti quando poi passa il messaggio che, si', vai pure ad ingozzarti di patatine fritte, e non ti diciamo quello che potrebbe succedere alle tue arterie e al cuore. Rendo l'idea?

    RispondiElimina
  24. mah, non saprei... non voglia dire che si debba vedere l'obesita' come obiettivo o traguardo, ma secondo me fanno molto piu' "male" tutte le sfilate e le foto e le pubblicita' con modelle anoressiche...

    personalmente, quando vedo (e cmq mi capita poco/quasi mai qui) ragazze grassottelle con vestiti attillati, la mia prima reazione e' "ma guarda questa, ma non si rende conto?", ma poi viene subito seguito da "beata lei che e' cosi' serena con il suo corpo".
    io per esempio, nonostante sono sempre stata magra, non sono mai stata serena con il mio corpo.
    poi certo, un conto e' parlare di ragazze cicciottelle un conto e' parlare di ragazze obese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo con te Marica. Anche io prima avevo la stessa reazione del "ma non si guarda allo specchio?", poi vivendo all'estero, prima in Germania e poi negli Stati Uniti, mi sono resa conto che la libertà di decidere cosa mettersi indipendentemente dalla propria costituzione fisica è una gran cosa. A nessuno interessa guardarti e giudicarti e ho conosciuto donne in sovrappeso molto affascinanti, molto più di donne magre semplicemente perchè erano sicure di se stesse. Il buon gusto e il senso estetico poi è un'altra cosa e quello o lo si ha o non lo si ha indipendentemente dall'essere magre oppure no.
      Questo discorso ovviamente vale, come dici te, per ragazze cicciottelle o in sovrappeso (e così mi sembrano quelle proposte da forever 21). Per le ragazze obese allora sì, la questione si sposta sulla salute, ma come ha già sostenuto qualcun altro nei suoi commenti, difficilmente guardandole pensiamo alla loro salute quanto all'inappropriatezza dei loro vestiti.
      Comunque complimenti Donnaconfuso per l'ottimo spunto di discussione! ;)

      Elimina
  25. hai ragione sul discorso che grasso porta malattie pericolose ma non sono concorde nel dire che la ragazza del manifesto sia notevolmente sovrappeso.

    RispondiElimina
  26. Alt, qui però c'è da fare una bella divisione: ma tu parli di bellezza o di salute? Sì, la salute è a rischio con 20 kg in più, questo è vero, si rischia di morire giovani con certi tipi di obesità e tutto il resto. Ma anche essere sottopeso porta problemi, anche l'essere bulimiche e anoressiche porta dei seri problemi di salute. Io sono molto ferrata sull'argomento, visto che recentemente ho collaborato con la Paguro Onlus che si occupa proprio di problemi del comportamento alimentare. Stare bene e essere in salute non è pesare per forza 50 kg netti. Una ragazza grossa non deve per forza mettersi a dieta, se non vuole, perchè può essere bellissima anche da grossa. La bellezza non è sinonimo di magrezza. Con questo non giustifico le obese che si vestono ridicole, ci vuole sempre un pò di consapevolezza e di eleganza soprattutto se si portano taglie forti, ma viviamo in un mondo grasso e non possiamo farlo tornare magro per forza. Ti dirò che personalmente sono molto più belle le modelle over size che quelle secche come gli usci che amano sbattere nelle riviste.

    RispondiElimina
  27. Hai un gran bel culo, peccato che si trovi sulla pancia!

    RispondiElimina
  28. D'accordo con te! In america continuo a vedere ciccione giovanissime.. queste ragazze devono dimagrire non per questioni estetiche, ma di salute!!!!

    RispondiElimina
  29. Non ho letto i commenti sopra, quindi non so se ripeto cose ritrite, ma vorrei dire la mia. Non sono mai stata magra e sono italiana, per cui sono cresciuta con in testa l'idea di dover perdere peso se volevo mettermi gonne corte, pantaloncini, canottiere. Capisco il tuo discorso legato alle malattie, ho sempre cercato di perdere peso, fatto diete, esercizi, tutti un fallimento, o meglio, ho perso peso chili ma solo temporaneamente.
    Insomma, io, una gonna corta, in 32 anni, non me la sono mai messa. E non parlo di mini gonne, parlo di gonne sopra il ginocchio. E tu mi conosci di persona, mi hai vista, non credo di essere obesa, ma mi hanno fatto crescere così, facendomi sentire brutta.
    Ora, qui ammetto è un po' il contrario, troppe persone sovrappeso che se ne fregano della salute. Però ti devo dire che le invidio (salute a parte) perchè non hanno tutti quei complessi che ho avuto io (e che ancora ho) crescendo. Quindi ti dirò che ben venga la linea plus size, specialmente pensando a come mi sento quando in Italia non riesco a trovare nulla di "normale" che mi entri nonostante sia una 46 e mi vogliano rifilare tendoni da circo che forse forse mia nonna si metterebbe o forse Elton John visto le quantità di lustrini :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono sempre stata magra, a tratti (lunghi) magrissima. E concordo pienamente con te...

      Elimina
  30. Ma, io invece adoro che qui non esistano i canoni assurdi che ci sono in italia in cui si vedono donne con taglie da bambine che pensano anche di essere belle.
    Visi sciupati, invecchiati a 25 anni che si credono belli e che sono invece paurosi.

    Sinceramente, preferisco il canone americano. E dai, che tra essere tonde e totalmente obese ce ne passa proprio.
    Io in america ci vivo ormai da un po', e sinceramente trovo che ci sia molto + equilibrio: ci sono ragazze magre, grasse e anche tanto belle, di qualsiasi forma e statura.

    RispondiElimina
  31. Pant pant, puff puff... Arrivo arrivooo!!
    Alloooraa...
    vabbe', gia' lo sai perche' ne ho fatto un mantra tempo fa ;)
    comunque il mio slogan e' "Cellulite libera tutta la life!"

    Se stai bene con il tuo corpo, e non hai problemi a mostrarlo, e vuoi dei vestiti taglia forte ma scosciati, scollacciati e un po' ose', hai tutta la mia stima, poco importa se sei lunga, larga, stretta o a zigozago.
    E poi sei grande come una balena, cosi' grande che dentro ci sta pure Geppetto, Pinocchio e Giona, eppure ti senti gnocca, ti piaci, e ti vuoi mettere quel tubino nero io ti applaudo, davvero, che di gente che sta bene con il proprio corpo ce n'e' talmente poca... che quei pochi e' bene che ce li coccoliamo e teniamo da conto!

    Soprattutto bisogna considerare che tutto cio' succede negli USA, dove e' presente quella micidiale la connessione tra obesita' e poverta' (di cui accennavi e parlerai prossimamente)... e allora non si puo' essere cornuti e mazziati!
    Sono povero, mi tocca fare una dieta orribile, sono grasso, malato... e mi devo pure coprire perche' alla gente attorno do' fastidio e non fanno vestiti che mi facciano sentire piu' carino di un sacco di patate?!
    Nah, ho una vita sola e un corpo solo, voglio godermi il sole, la pioggia, il vento, l'afa e pure i segni stropicciati che restano sulle cosce quando ci si siede sull'erba!

    Se il centro del discorso e' invece la salute allora la partita si gioca non nei negozi di vestiti ma sui banchi di scuola, nelle cucine di casa, tra gli scaffali del supermercato e con una massiccia e capillare educazione alimentare (perche' non mangiano bene nemmeno le classi medio alte, comunque! Solo che poi loro si possono permettere la palestra, la massaggiatrice, la spa, la liposuzione e il botulino).
    BANZAI!
    (Perche' tu sei una talebana della linea, io una kamikaze della ciccia :-D
    Alice grassizzatrice).

    P.s. Uh, dimenticavo! Inoltre (disse sguainando la sciabola per l'ultimo colpo) le tizie della foto NON sono obese! Dal mio punto di vista rientrano nella categoria "rotondette e sode" (come le michette del panettiere). Non credo che debbano necessariamente ambire a dimagrire, sono belle, sono sexi e formose!

    RispondiElimina
  32. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  33. Premettendo che per me una ragazza di vent'anni che pesi 100 chili dovrebbe correre da un dottore ( laddove non l'avesse già fatto, ovviamente)e fare tutto quello che è in suo potere per dimagrire (e con questo intendo: dieta sana, un po'di movimento graduale, non:pillole, strani beveroni, diete iperproteiche, che ti ammazza più 'sta robaccia che l'obesità).

    Detto ciò: di ragazze obese è pieno il mondo e mi sembra giusto che quelle di loro che desiderano indossare un vestitino corto, degli shorts o un bikini,abbiano la possibilità di farlo. Dunque è bene che ci siano marchi che producano leggins e minigonne anche in taglie grandi, meglio ancora se a farlo è un brand come Forever 21 dai prezzi economici ed accessibili. Ed è giusto che entrando in un negozio tutte le ragazze possano portare a casa gli stessi modelli(e non per la serie:a te vestitini fru fru colorati, a te una palandrana nera).
    Certo, se mi capita di avvistare per strada un triplo strato di panza fuoriuscire da una mini maglietta mi viene un po'da sorridere, ma immagino accadesse la stessa cosa a chi mi incrociasse nel periodo "capello-viola-stile-satomi".
    E non penso che così si stia fornendo un modello fuorviante a chicchessia, perché non credo che il sogno di nessuna ragazza obesa sia quello di restare obesa. Solo che è molto difficile cambiare: magari fai tantissimi sforzi e sacrifici ma non ottieni nulla, magari finisci nelle mani di un medico incompetente, magari semplicemente non sai proprio da dove cominciare per dimagrire.Non lo dico perché abbia avuto problemi di chili di troppo, ma perché in generale mi rendo conto di quanto sia difficile apportare un cambiamento, anche quando ti rendi conto che è strettamente necessario.
    Ultima cosa (poi chiudo, che come al solito mi sto dilungando!): sono d'accordo con molti dei discorsi fatti sopra. Ci sarebbe da fare un lungo ragionamento sui canoni estetici contemporanei e sul fatto che-ahinoi- il concetto di "bellezza" ormai sia completamente distaccato da quello di "salute" (perché lo spettacolo di una ragazza con un vestitino aderente da cui si possano vedere chiaramente tutte le ossa del suo torace non è né bello né rassicurante, contrariamente a quello che ci vogliono far credere).
    E per finire: le ragazze nella foto di gruppo non sono certo ragazze obese. Alcune sono "normali", altre hanno qualche chilo in più, ma non sono certamente ragazze sovrappeso (ma probabilmente l'occhio di molti di noi le ha percepite così, ed ecco che tornaimo al discorso di cui sopra).

    RispondiElimina
  34. pienamente d'accordo. ritengo che il sovrappeso (e per sovrappeso intendo 10 kg sopra il proprio pesoforma) porti ad una serie di controindicazioni che è doveroso evitare (la dove si può e non ci siano patologie particolari è chiaro) per rispetto verso il nostro corpo, la nostra vita e anche delle persone che ci stanno intorno, perchè no. scorrendo ho letto il commento di "evakendall" con cui sono in parte d'accordo perchè è vero che per alcune è un problema che si affronta con non poche difficoltà ma molte altre le vedo mangiare da mcdonalds molto più di quello che mangio io, con totale noncuranza e superficialità e questo è solo un esempio. questo mi fa rabbia, si. perchè ci sono tante malattie che ne possono derivare e così si contribuisce a riempire laboratori di analisi e ospedali già abbastanza colmi e rallentare sistemi con persone che hanno bisogni più seri e purtroppo inevitabili! e allora, dico io, se il Signore ti ha dato la sfiga di avere un metabolismo pigro (e questo te lo riconosco) tu però ti impegni a mangiare l'insalata e non il BIG TASTY!! conosco persone a cui il Signore ha dato tanti peli e si fanno la cera ogni settimana...in fin dei conti è più dolorosa dell'insalata! ecco mi sono dilungata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmm forse mi sono spiegata solo in parte...la questione delle difficoltà che una ragazza può incontrare per dimagrire era relativa al discorso "la modella obesa puo essere un cattivo esempio".Dicevo che, a mio modestissimo parere, non esiste una ragazza di vent'anni che desideri pesare 100 chili, neanche se trova su un sito internet una modella della sua taglia.
      Poi che siano la mancanza di autocontrollo,o una completa disinformazione alimentare,oppure degli oggettivi problemi di salute, o ancora la dipendenza dal cibo e in particolare dagli zuccheri raffinati(questo sarebbe un altro interessantissimo spunto di conversazione),o la mancanza di fiducia in se stessa ad impedire di intraprendere il processo di dimagrimento... questo poi è un altro discorso.
      Io volevo giusto dire che se una ragazza in sovrappeso non dimagrisce non è perché sta bene con se stessa così com'è.

      Elimina
  35. mmmmmh

    premesso che io sono magra. da ragazzina anzi ero una di quelle che mangiavano come un aspiratutto ed ero magrissima uguale, poi dopo i 25 sono diventata normale: se stramangio metto su un kg, al lunedi di regola mi mangio un bel minestrone per ripristinare la situazione pre weekend.
    Durante la prima gravidanza mi sono sbutrata di ogni bene, ho preso 18 kg e ho sudato l'anima a perdere gli 8 che mi sono rimasti attaccati alle chiappe e alla pancia dopo il parto, ci ho messo 9 mesi che per me che non ero mai stata a dieta sono stati un tempo infinito. E ho sperimentato cosa vuol dire avere male alle ginocchia e un sacco di altri piccoli problemi fisici dovuti all'essere troppo pesante per le tue ossa... Poi a questo giro ho imparato la lezione, di kg ne ho presi 12 e adesso che e' passato un mese devo perderne solo piu' uno e non sto facendo nessuna rinuncia alimentare.

    cio' detto, e quindi potete anche pensare che il mio pensiero sull'argomento sia dovuto all'essere una stronza che tutto sommato non ha problemi di peso, non mi offendo, per me il nocciolo della questione e' altrove.

    finiti i tempi di ricerca di autoaffermazione pre vent'anni, non ho mai comprato qualcosa da indossare perche' stava bene sulla modella della pubblicita', che fosse magrissima, magra o tonda. L'ho comprato perche' piaceva a me. A volte non mi stava neanche troppo bene, ma anche la capacita' di valorizzarsi come il gusto si affinano col tempo, provando e riprovando. da qualche anno so benissimo che mi stanno millemila volte meglio i pantaloni svasati in fondo e a vita bassa piuttosto che quelli a vita alta e a sigaretta, cosi' come le scarpe a punta tonda piuttosto che quelle a punta affilata (avendo il 40 per 1,67cm, con le scarpe a punta affilata sembro sugli sci) . Aldila' della rottura di scatole che e' cercare le cose che mi stanno bene quando non sono di moda (problema che ho soprattutto in italia, all'estero il lato buono del fatto che di moda ne capiscono meno di noi e' che piu' o meno si trova tutto sempre), la mia selezione e' in base a me stessa. quando vedo le foto pubblicitarie guardo il vestito, la modella non la vedo, quindi fosse uno stecchino o un elefante sarebbe uguale. In quel vestito devo valutare di entraci io, non loro. Questo significa che per me, che la pubblicita' usi modelline o modellone, e' perfettamente indifferente.. Siccome non credo di essere piu' intelligente della media, presumo che per un casino di altre donne sia cosi'.Capisco le buone intenzioni di chi professa la necessita' di utilizzare modelle morbide o addirittura obese per far sentire a proprio agio chi e' morbido o obeso, cosi' come capisco il pragmatismo di chi professa la necessita' di utilizzare la modella stecchino perche' il suo mestiere e' quello di fare il manichino vivente, ovvero di far risaltare il vestito e non quello di fornire aiuto terapeutico via immagine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non VOGLIO CREDERE CHE e' grazie all'utilizzo delle modelle obese che le persone obese si sentiranno meno complessate o grazie alle modelle secche come chiodi che le persone ciccie si metteranno a dieta: si magari li' per li' gli fara' pensare toh e' grassa come me, che sollievo, toh e' magra dovrei dimagrire anche io, ma alla fin fine sono solo immagini e il proprio rapporto con la bilancia non dipende da queste, dipende da rapporti col cibo ben piu profondi: cultura alimentare, accettazione di se' etc..insomma secondo me i problemi di cibo che le persone hanno sono troppo profondi per essere davvero influenzati dalla pubblicita', sia nel male che nel bene.
      Certo, al fine di vendere, le catene di vestiario potrebbero sponsorizzare delle campagne sull'alimentazione (cosi' fanno vedere che ci tengono alla salute delle clienti) e formare dei commessi capaci davvero di consigliare il look giusto con delicatezza e professionalita' (cosi' possono fidelizzare le clienti insicure), ma se vogliono usare le modelle obese o quelle anoressiche, in ogni caso sono liberissimi di farlo perche' il loro scopo resta vendere e non credo che gli andrebbe attribuita alcuna responsabilita' sociale

      Elimina
  36. forse prima di vivere negli stastes sarei stata d'accordo con te, oggi non lo sono molto. penso che si', forse non e' il massimo vedere un pantaloncino su una taglia molto forte, ma allora sta poveretta che fa? e' condannata a morire di caldo perche' qualcuno potrebbe sentirsi turbato alla vista delle sue cosce generose? la storia del buon gusto (italiano?) e bla bla bla oggi mi pare davvero fuorviante, perche' non tiene conto di tanti fattori che stanno dietro a kg "di troppo". che poi se pincopalla pieno di soldi indossa un abito chessoio di Cavalli che fa cag*** va bene perche' e' la moda, mentre se una ragazza sovrappeso si mostra un tantino ci sentiano turbate...buh, sarebbe un discorso molto lungo con tante tante varianti da considerare.

    ps. io sono sempre stata magra (per rendere l'idea, al 9^ mese di gravidanza pesavo circa 60 kg!), ma ho la tanto odiata cellulite. non mi piace e spero di eliminarla dal mio corpo quanto prima, ma se non ci riuscissi, la prossima estate andro' comunque al mare indossando un bel bikini e se qualcuno si sentisse offeso dalla vista delle mie gambe cellulitose potra' cambiare spiaggia perche' io non intendo rinunciare (sebbene non mi piaccia il mio aspetto in questo momento)

    RispondiElimina
  37. Sono d'accordo con te: io non ho un fisico da modella, ma certamente ho fatto progressi, dimagrendo tantissimo, per diversi motivi e questi sono, innanzitutto il pericolo di pericolose malattie così come la soddisfazione di vestirsi in un certo modo.
    Non sono le modelle in carne per le taglie comode che aiutano a far stare bene! Per niente!

    RispondiElimina
  38. Ora mi prendero' una valanga di vaff... pero' lo dico ugualmente:
    se nel catalogo invece che ragazze grassottelle ci fossero state fanciulle scheletriche, si sarebbe sollevato un coro di "ma che schifo" "date loro qualcosa da mangiare" e in particolare "che brutto esempio danno alle nostre figlie, adesso diventeranno anoressiche anche loro!"
    Che secondo me alla fine il problema e' quello, non che le ragazze siano grasse o magre, ma l'esempio che danno alle ragazzine.
    E' bello che una ragazza si senta sicura di se' cosi' da poter indossare qualsiasi capo d'abbigliamento, che le stia bene o che le stia male, che offenda il senso estetico di qualcuno o che ispiri altri. Quello che secondo me e' sbagliato e' il messaggio che la pubblicita' manda, soprattutto se si pensa che il target di vendita sono le giovanissime: essere sovrappeso e' ok.
    Essere sovrappeso o essere sottopeso non va bene, entrambe le situazioni sono poco sane e sintomo di qualche altro problema, l'unica differenza e' che insultare una persona perche' magra e' accettato meglio che insultare un'altra perche' grassa. Detto da una che e' un tantino sovrappeso.
    Sono certa che da Forever 21 non siano stati spinti da un sentimento umanitario in un giorno in cui si sentivano particolarmente buoni facendo una linea specifica per persone sovrappeso, sono gli stessi abiti che si trovano anche in altre taglie, cercavano semplicemente un po' di pubblicita' gratuita. Se non sbaglio sono gli stessi che qualche anno fa avevano messo sui cataloghi le teenagers incinta, attirando cosi' tante discussioni tv e di conseguenza altrettanta pubblicita'. La foto delle ragazze con addosso solo la biancheria intima e' della pubblicita' della Dove che ha riscontrato un grande successo proprio perche' parlava del corpo delle "vere" donne.
    Qui in Usa abbiamo il complesso problema dell'alimentazione, e' evidente il binomio poverta'= obesita', si dovrebbe iniziare ad insegnare l'alimentazione corretta sui banchi di scuola e si dovrebbe dare il buon esempio nelle mense scolastiche, che onestamente fanno paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il messaggio che passa non è "essere sovrappeso è ok"... la cosa che condivido è che questa linea dà la possibilità anche a chi è sovrappeso di mettersi cose carine e non solo sacchi di iuta addosso.

      Elimina
  39. emhhh e io che posso dire? Non ho proprio parole da aggiungere avete analizzato la faccenda sotto ogni punto di vista.
    Vi ringrazio di cuore per la passione che avete dimostrato e per tutti gli spunti interessanti che mi avete regalato.
    Siete le mejo e pure qualche uomo!

    RispondiElimina
  40. io sono talebana come te... lo sai...

    RispondiElimina
  41. Sono d'accordo con te, e lo dice una che non è ceerto una silfide. Ho sempre pensato che vestirsi significa, oltre a proteggersi dal freddo e dalla sporcizia, anche valorizzarsi. Sinceramente, non mi pare che una cicciottella o cicciona si valorizzerebbe molto in shorts o mini. Invece, una donna cicciotta può stare benissimo con certi accorgimenti, nascondendo le ciccie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia Giulia Picchio30 settembre 2012 05:56

      Adoro questo blog che ho appena scoperto e da blogger, da donna e da taglia 46 che ha passeto un'adolescenza di emme a causa dei dettami dell'altra moda, ti fico che è pericoloso quello che pensi tu! Che a fronte di esercito di modelle anoressiche che sfilano sulle passerelle di tutto il mondo, con brufoli sl posto delle tette, ci disco aziende che sdoganino anche il bello e il sentirsi a proprio agio in altre forme, le trovo non dolo giusto ma necessario. Non si può crescere pensando che per essere bella devi passare la vita a far snellire la tua e a farla entrare almeno in un jeans 44! Quello non è un sano incentivo! È una tortura, un supplizio di Tantalo che mi ha fatto passare l'adokescenza come se la mia vita potesse iniziare dolo dal giorno in cui fossi stata più magra! Bello il tuo blog perchè libero! La bellezza vuole libertà per essere tale!

      Elimina
  42. Certo, però bisogna tenere presente che la ciccia è una cosa ed il buon gusto un'altra: ci sono donne magre che si conciano malissimo ed anche il troppo magro non è bello da vedere e soprattutto non è salutare esattamente come il troppo grasso.
    Secondo me è un fatto positivo che comicino ad essere prodotti vestiti anche con taglie un po' più grandi perché non è possibile che una taglia 46 fatichi a trovare un paio di pantaloni in cui non muore dentro... E poi è un'immagine più realistica di come sono le cose: in fondo le persone sovrappeso ci sono (e non è sempre solo una questione di mangiar tanto) ed anche loro avranno ben il diritto di potersi vestire... Naturalmente poi la scelta del vestito dovrà essere aiutata da un po' di buon gusto: se ho le cosce un po' grosse non mi metterò una minigonna e se ho i fianchi larghi sceglierò una maglietta lunga e morbida... E lo stesso vale anche per quelle magre: difficile trovare qualcuna che sta davvero bene con qualsiasi cosa si metta!

    RispondiElimina
  43. Io sono in sovrappeso e non metterei mai un paio di short shorts, una minigonna o una maglietta elasticizzata, ma è quello che faccio io.
    Non penso che i top cortissimi stiano bene a chi ha i rotoli nella pancia o gli shorts a chi ha le gambe piene di cellulite, ma non critico chi vuole provare a vestirsi con cose carine anche se ha qualche kg in più... che siano anche 20 kg in più, non sono certo fatti miei.
    Chi porta più della 46-48 lo sa, è difficile vestirsi carina quando nei negozi le uniche cose che trovi della tua taglia sono vestiti sformati e magliette che starebbero bene a tua nonna. Adesso di anni ne ho 40 e fare shopping mi deprime, ma passi... se avessi avuto questi problemi a 20 anni, mi sarei sentita davvero un'emarginata... ed ero già un po' emarginata perché portavo una comoda 42 ed ero una M/L, così non avevo certo la scelta di quelle che portavano la 38!
    (OT: come ci si fa a stupire se le malattie dell'alimentazione sono all'ordine del giorno, se la moda spinge a diventare scheletriche?!)

    Quindi, appoggio la scelta di questa Forever 21... io credo che ognuno sia libero di vestirsi come gli pare, se qualcuno si schifa per come si vestono gli altri... beh, non credo siano problemi di chi si veste con gli shorts. Una volta qualcuno mi ha detto che le persone grasse non dovrebbero nemmeno
    mettersi in costume al mare perché fanno schifo a vedersi... al di là dell'intolleranza e della poca intelligenza che c'è in un commento del genere, io gli ho augurato che non gli capiti mai di ingrassare, soprattutto per motivi di salute. Ma se gli dovesse mai capitare, molto malignamente, gli auguro di incontrare persone come lui che lo denigrino per il suo aspetto fisico e che lui smetta di andare al mare per questo (come ho fatto io per un paio di anni).
    E sono totalmente d'accordo quando dici che bisogna dimagrire per la propria salute... ma non credo che la salute abbia nulla a che fare con come uno si veste.
    Inoltre, vorrei precisare che non sempre si ingrassa per scelta o perché ci si abbuffa dal mattino alla sera e non si tiene alla propria salute, a volte uno può ingrassare (o non riuscire a dimagrire) per svariati motivi, tra cui cose non molto belle come alcune patologie (più o meno gravi).

    RispondiElimina
  44. Se è per questo anche fumare fa male e mille altre cose fanno male. Perchè un'obesa non dovrebbe sentirsi bene col proprio corpo? Dimagrire o non dimagrire è una scelta e gli obesi sono persone normali non persone su cui ragionare come se avessero un handicap. Poi sta a ognuno vestirsi con eleganza e buon gusto ma anche se si vede la cellulite, qual è il problema? Mi sembra che il problema sia più da parte chi guarda e prova orrore per dei concetti che gli hanno inculcato in testa, di discutibile valore. Si parla di libertà per un sacco di cose e poi si cade su questo. Grazie Forever 21 che almeno offre la possibilità di scelta.

    RispondiElimina
  45. Sono una ragazza giovane, sana, ho un'alimentazione corretta, un ragazzo che mi adora, amo curare il mio corpo e come tutte (credo) anche farmi bella ogni tanto. Il mio fisico è ben lontano da quello per cui vengono pensati la maggior parte dei vestiti che si trovano in giro: sono formosa come quelle bellissime donne sorridenti in slip e reggiseno bianco,donne normali e in salute, con quei quattro, cinque chili in più che hanno tante e quella cellulite che va di pari passo con gli estrogeni. Il problema è che nonostante sia una donna come tante non sempre riesco a trovare abiti adatti alla mia fisicità. Purtroppo, nonostante tutto sommato abbia col mio corpo un buon rapporto,per me fare compere diventa costantemente motivo di stress visto che il mercato produce abiti per fisici standard più longilinei del mio, con meno seno, meno sedere, e dover rinunciare a quel paio si pantaloni perché la vita è troppo bassa per i miei fianchi, o a quel vestito perché è troppo corto per le mie cosce è davvero frustrante. Per il mercato sono grassa, per il mercato sono brutta, per il mercato dovrei coprirmi con un sacco. E purtroppo finisce che alle lunghe ti convinci di essere out davvero anche se non c'è niente che non va nel tuo corpo, in definitiva, sei solo una normalissima donna con le curve.
    Quindi, quando ho iniziato la lettura de tuo articolo, all'inizio ho pensato finalmente al riscatto di tutte quelle donne un po' più rotonde della media come me :" eccheccavolo, bene! Era l'ora che qualcuno si rendesse conto che non ci sono solo grissini al mondo, tutte dobbiamo poter essere belle!"
    Poi però ho pensato alla mia amica che si è ammalata di anoressia e ha rischiato la vita. Promuovendo modelli come quelli delle prime foto si incorre nello stesso errore del promuovere fisici scheletrici, si rischia di passare il messaggio sbagliato di accettarsi come si è sempre e comunque, anche quando si pesa cento chili a vent'anni o se ne pesa trentacinque. Si rischia che ragazze obese che non conoscono alternative al cibo spazzatura non riconoscano che il problema non è banalmente non poter mettere gli shorts perché in negozio non c'è la loro taglia ma che è in gioco la loro salute già da giovanissime.
    Come ha scritto qualcuno, la verità sta nel mezzo. Trovo molto interessante questo post e il dibattito che ne segue, mi piace vedere tante persone che esprimono la propria opinione e fanno lavorare le rotelle! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...