venerdì 7 settembre 2012

Mi tirano le pietre


e io rispondo con palle di neve




Si sa, la gente ha sempre qualcosa da ridire. Se dici "bianco" ci sarà sempre qualcuno che ti dice: "Bianco? ma che scherzi? il bianco ingrassa, non sta bene con il tuo incarnato, si macchia, ingiallisce, etc", ma se tu dici "nero?" il ritornello ricomincia: "nero? ma stai scherzando? il nero non è un bel colore è cupo funereo, inflazionato, antico" e vi così per tutti i colori dell'arcobaleno
(si, lo so che il bianco e nero non ci sono nell'arcobaleno :P)
Il punto è che la critica, talvolta feroce, fa parte dell'animo umano e quindi gli appunti ti pioveranno addosso comunque, indipendentemente dalle tue azioni, alle volte mossi da un sentimento di cura e attenzione, altre dal timore, altre ancora dall'invidia, più spesso da un'insana, gratuita cattiveria.

Giusto, no? Non è che succede solo a me? Altrimenti significa che sono pronta per il sequel de L'incompreso o per la galera o per il TSO.

 Ieri, però, pensavo che i cattivi o gli stronzi rei confessi, praticamente non esistono. Fateci caso. Vi è mai capitato che qualcuno vi raccontasse una brutta storia di eredità in cui l'infamone è stato lui?
"E così alla fine li ho fregati tutti e mi sono intascato una valangata di soldi che non mi spettavano"
O qualcun'altro che commenta la fine di un matrimonio così:
"Impossibile stare sposato con me, ci credo che m'ha mollato, io l'avrei fatto due mesi dopo il matrimonio. Gli ho messo tante di quelle corna, che non ti immagini! Ah però quanto mi sono divertito!"
E avete mai sentito di un licenziamento per giusta causa, non raccontato dal licenziante?
"Insomma mi hanno lasciato a casa, ma li capisco, eh! Non ero produttivo, arrivavo in ritardo, mi annoiavo a morte a compilare listini seduto davanti a quel computer. Mi sono scaricato tanti di quei film che c'ho fatto un'intera collezione!"
Mi è venuto così il dubbio che le condanne arrivino, perchè troppo spesso alle assoluzioni ci pensiamo da noi, almeno davanti ad un pubblico o ad una giuria.
Io molto spesso sento parlare (o leggo) persone che non hanno nessuna consapevolezza dei propri limiti, che raccontano la loro vita in modo distorto, che mentono visibilmente e mi chiedo: ma lo farà anche quando è a casa, da solo/a, al buio?
Ma la domanda fondamentale che mi pongo è un'altra: ma lo faccio anche io? giudicando me stessa e le mie azioni, perdo mai la lucidità? Sono troppo tollerante, accomodante e incapace di riconoscere i miei difetti?


Ci devo riflettere. 

Anche perchè il post voleva parlare di tutt'altro, ma oggi è venerdì lasciamolo andare così!

Buon fine settimana




24 commenti:

  1. E' buffo, perchè è esattamente quello che penso io: tutte le volte che sento qualcuno lamentarsi mi chiedo cosa direbbe la persona che sta attaccando se venisse chiesta anche la sua opinione. O cosa ne penserei io se fossi coinvolta in quella situazione.
    Ma soprattutto tutte le volte che sto per lamentarmi mi chiedo se ne abbia davvero motivo, o se la mia visione sia totalmente parziale e non obiettiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo decisamente sulla stessa lunghezza d'onda!

      Elimina
  2. Credo sia un meccanismo di autodifesa verso l'esterno, quasi una ricerca di conferme ma di solito verso se stessi si è meno indulgenti. O forse parlo per me.

    RispondiElimina
  3. quello che scrivi è verissimo....io giudico me stessa....ma delle volte noi essere umani non ci piace quello che succede e allora diciamo che tendiamo a Raccontarci quello che ci fa più comodo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. splendido spunto di riflessione, grazie!

      Elimina
  4. ho imparato a dare poco peso a giudizi e critiche sul prossimo da parte di chi è troppo spesso abituato a puntare indiscriminatamente il dito.
    nella quasi totalità dei casi non sono veritieri, ma semplicemente infamanti.
    quanto a me... probabilmente ho passato periodi di profonda intransigenza nei confronti di me stessa, mentre ora sono più accondiscendente.
    questo non significa agire senza coscienza o morale, ma semplicemente che sono meno dura con me stessa.
    le favole però, non me le sono mai raccontate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei averlo scritto io questo commento, non so se possa valere come un complimento però :)

      Elimina
  5. Oh mio Dio... Ora ci devo riflettere anche io!
    E pensare che io sono tra quelli che si autoaccusano di cose tremende, tipo la fine del matrimonio che citi tu...
    (Scusami.Temo di avere fatto caos con i commenti qui e là!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vorresti dirmi che finally ho incontrato un accusatore di se stesso?
      Sono commossa
      ma no impossibile, ti starai di certo accusando INGIUSTAMENTE

      troppo severa!

      Elimina
  6. Devi anche contare che per alcune persone la critica indiscriminata e' un hobby! Io ne conosco un paio che hanno sempre una buona parola per tutti, per cui non mi faccio illusioni che non ne abbiano anche per me, quando non ci sono :-P
    Per quel che mi riguarda, potendo tornare indietro ci sono sicuramente due o tre cosucce che farei in modo diverso, ma siccome non posso cerco di non ripetere gli stessi errori e mettere a frutto l'esperienza. Di più non posso fare :-)

    A propo', ma ci vieni più a Washington?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse settimana prossima, appena so qualcosa di preciso ti scrivo!

      Elimina
  7. penso spesso che se tutti fossero come me ci sarebbe la pace nel mondo, gli uomini ma soprattutto le donne avrebbero una vita migliore, poco o niente inquinamento e nessun animale sarebbe più maltrattato. Abolirei anche le sigarette.
    con un post come questo devo seriamente iniziare ad interrogarmi su quanto sono accondiscente verso me stessa.
    Più che altro non faccio un tubo per realizzare tutto ciò ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      anche io ho attraversato quella fase, dopo quella della fustigazione tout court, ora provo a tenermi in equilibrio tra le due

      Elimina
  8. Certe persone se non creiticano tutto e tutti non ci dormono la notte! Io passo avanti e neanche le sto a sentire..
    In quanto a te, se ti fai queste domande su te stessa, vuol dire che sei umile, modesta e pronta a migliorare.. Sono ottime qualità!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più commenti come questo, please!

      Grazie Gioia, di nome e di fatto!

      Elimina
  9. oddio bel post molto costruttivo mi hai fatto fare delle domande a me stessa!!! no non siamo onesti anche perchè a volte queste bugie servono a difenderci dalle persone ... poi ci sono i cronici che è un'altra cosa ... insomma non siamo in grado a riconoscere i nostri errori e a volte non vogliamo nemmeno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono molto felice di essere "servita" come spunto di riflessione!

      Elimina
  10. Io so di essere ipocrita e cinica alle volte e lo dico candidamente alla gente. Loro però pensano che scherzi e ci ridono sopra. L'onestà non è più cosa di questo mondo, temo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahaah
      adesso leggerò i tuoi commenti sotto una luce diversa

      Elimina
  11. Secondo me il solo fatto che tu ti ponga questa domanda ti mette dalla parte della ragione.

    RispondiElimina
  12. Io sono terribilmente intransigente con me stessa. Mi sento un auto-furher!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non esagerare cara, che bisogna volersi tanto bene in questo mondo di matti!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...