lunedì 7 maggio 2012

Hipster si diventa










Dopo avervi così idiotamente dettagliatamente spiegato come sia facilmente possibile diventare un perfetto newyorkese, è arrivato il momento di svelarvi i 10 passaggi per trasformarvi in un perfetto Hipster. Alzi la mano chi non sa di che cosa stia parlando.
 Io! 
Almeno fino a poco tempo fa, infatti, ignoravo l'esistenza di questi giovanotti e della filosofia che li pervade, ma non appena ne ho sentito parlare ho provato a cercare informazioni su di loro. Purtroppo non è facile trovarne, una trattazione non troppo esauriente si trova su wiki, o potete dare un'occhiata a questo sito, oppure rimanere qui. Si, perchè io mi sono ritrovata, del tutto inconsapevolmente, a vivere nel loro regno e così ho potuto osservarli attentamente e carpirne ogni segreto. A questo punto non resta che cominciare dai fondamentali.
1. L'arte

Un hipster è prima di tutto un artista, non importa dove decidete di incanalare il vostro estro creativo, ciò che conta è che possiate esprimerlo. Musicista, regista, attore, pittore, scultore? Non dovete porre limiti ai vostri talenti, provate ad esercitarvi in un campo via l'altro, fino a che scoprite quello a voi più congeniale.
Ecco, me li vedo già i detrattori, pronti a puntare il dito e a chiedere dove li troviate i soldi per alimentare la vostra arte, tutti belli tronfi ad accusarvi di non essere altro che dei figli di papà che giocano a fare gli alternativi. Non curatevi di loro e inforcate i vostri occhiali.

2. Gli occhiali


Si, non era un consiglio a caso, ma un imperativo categorico. Un hipster che si rispetti deve avere degli occhiali sempre indosso, da vista o da sole you don't care l'importante è che siano vistosi. Cominciare da bambini può aiutare :)


3. Il cibo










Un hipster mangia solo organic (biologico), quindi se puoi coltiva un orto, due pomodori sul balcone, almeno una piantina di basilico: l'autoproduzione è fondamentale!
Se proprio non ce la fai e non vuoi portare via tempo agli amici, all'arte e alla musica, allora è concesso magiare fuori, ma mai e dico MAI in un fast food. Siediti in locali dall'atmosfera rilassata,  assapora il cibo lentamente, fotografalo e non badare a spese.
Un hipster adora farsi fregare soldi coinvolgere dalle proprie papille gustative.

4. La musica

Ascoltate la più sconosciuta, meglio se di gruppi che suonano (solo) a Williamsburg. Se proprio non riuscite a rinunciare ai grandi classici, comprate rigorosamente solo dischi in vinile.

5. Lo shopping
























Mercatini vintage, negozi dell'usato e rigattieri saranno la vostra seconda casa. Voi vivrete in bellissimi appartamenti, ma li arrederete con un tocco di vecchio, vissuto. I mobili devono raccontare una storia, prendeteli usati e reinventateli. Non spaventatevi se il costo di una sedia senza una gamba e con il sedile rotto è il doppio di quella che trovate da ikea, quello è il prezzo da pagare in modo che si sprigioni la vostra fantasia e sappiate creare qualcosa di unico da qualcosa che altrimenti morirebbe. Stessa cosa vale per i vestiti, ma questo merita un paragrafo a parte.

6. L'abbigliamento












Le estremità devono diventare la parte più curata del vostro corpo. Lì dovete concentrare tutta la vostra originalità. Non ci sono regole se non quella di attirare gli occhi dei passanti sui vostri piedi o sulla vostra testa. è invece vietatissimo, soprattutto per gli uomini indossare pantaloni larghi in fondo. DEVONO essere stretti e possibilmente mostrare la caviglia, se non ne possedete di questa fattezza, tagliateli e trasformateli in bermuda! 
Non è vero, come sostiene qualcuno, che avete un debole per il nero. In realtà potete indossare di tutto, righe quadri, fiori e stampe di ogni genere (vd prima foto), l'importante che tutto abbia un aspetto un po' consunto, il brand new non è un vostro amico. Meglio i capi un po' lisi, pure un po' sporchi. 
Ecco nuovamente salire la voce dei criticoni che vi accusano di non avere un rapporto frequente con la doccia. Presto, tappatevi le orecchie con le cuffie che suonano la vostra musica hipster.


7.Vita sociale
















Questa regola è presto spiegata, dovete uscire, frequentarvi e fidanzarvi solo con altri hipster.

8. La tecnologia 












Va bene l'ecologia, va bene il riciclo, ok l'autoproduzione ma siete Hipster, non Amish, quindi non rimanete mai senza l'ultimo ritrovato tecnologico in commercio.

In questo caso la foto non è del tutto esemplificativa, ma mi pareva che meritasse uno sguardo ^_^


9. Muoversi























La bicicletta diventerà il vostro mezzo di locomozione preferito e insieme allo YOGA (determinante) l'unico strumento che userete per tenervi in forma. Non vi azzardate ad andare in palestra o fare qualsiasi movimento che vi possa far crescere un muscolo, perchè l'ultimo, definitivo comandamento di un vero Hipster è


10. Essere magri








Ps: mi sono permessa di scherzare perchè in genere, trovo piuttosto ridicoli i gruppi, i movimenti e tutte quelle tendenze che impongono codici di abbigliamento o comportamento. Resta il fatto che nel mio quartiere si respira un'energia fantastica e che molti di questi giovani artisti lo sono davvero e liberano nell'aria un entusiasmo e una voglia di fare incredibile.

72 commenti:

  1. Ahhhh! Lo sai già cosa penso degli hipsters... almeno di quelli di qui-. Perchè anche io vivo nel loro quartiere preferito, o quartier generale a questo punto. Non fosse che sono il tripudio dello snob, guarda, non c'avrei manco da ridire, ma pare che se ti guardino e non sei hipster ocme loro, bè, allora non vale manco la pena farti un sorriso. Odio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma Spicy è la regola numero 7, non te la puoi prendere :)

      Elimina
    2. Eh va bene... però almeno un saluto? Maleducati :(

      Elimina
  2. Iiih, non li reggo! Ce ne abbiamo tanti nel quartiere Mission a SF, quanto se la tirano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, non potevano mancare!ora mi vado a cercare info su sto quartiere, quanto mi piace san Francisco!

      Elimina
  3. Beh grazie! Avevo proprio frainteso tutta la loro filosofia!

    RispondiElimina
  4. ed io che non sapevo nulla...ma quanto sono ignorante?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D
      è che sono di nicchia, molto nicchia, pure troppo

      Elimina
  5. Porc.. ! Lo sapevo, lo sentivo di essere un po' hipster, vedi!!
    Scorrendo la lista per ordine:
    1) No, purtroppo non sono artista attiva - ma frequento musei, gallerie fiere. Può andare bene lo stesso?;
    2) Siccome che sono cecata, o porto gli occhiali da vista ( 4 paia 4, vistosi ma non da nerd) o, se proprio metto le lenti a contatto, metto quelli da sole;
    3)Anche per forza di cose (a Siegmund la carne degli allevamenti di batteria non la darei neanche morta) compro spessissimo biologico. Ma non solo, io acquisto il 90% della verdura di cui mi nutro al mercatino dei produttori della zona. In Italia, invece, mi rifornisco direttamente dal Nonno, che è lui stesso produttore. Bio, ovviamente, sicché direi che ci siamo pure qui;
    4)Musicalmente mi rifugio nel dialogo coi grandi classici;
    5) Preferirei una seduta dal dentista ad un giro di shopping da Zara - e non scherzo. Sebbene ce ne sia una filiale pure vicino a me, a D'dorf, mi picco di non essere MAI stata da Ikea. E di non aver intenzione di andarci;
    6) Più o meno ci siamo, e quasi tutti i miei jeans preferiti sono stretti alla caviglia. Già da anni, poi;
    7)Il mio giro in Germania è abbastanza limitato, però direi che Siegfried non è di certo un Mainstreamer;
    8) Perbacco, da quando ho l'AiFon mi sento il mondo in tasca!!
    9) Mi muovo esclusivamente coi mezzi pubblici (in Germania, è ovvio);
    10) sul capitolo "essere magri" ci sto lavorando. Di tempo per la palestra non ne ho più, ma spingo con energia il passeggino. E sono ostinatamente a dieta.
    Che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che hipster mi sembri molto avanti!
      Io ti appoggio (quasi) in pieno, tranne che su ikea, che è una mia inaffrontabile debolezza.
      Bisogna ammettere che i principi non sono nemmeno così male :)

      Elimina
  6. Bellissimo post, molto esplicativo. Io purtroppo mi associo a chi gli Hipster non li sopporta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eleonora!
      eh ma loro si fregiano di avere molti nemici, sono inarrestabili ;)

      Elimina
  7. Io di Hipster non so nulla: a Shanghai tutt'al più trovi quelli che si lavano poco, che girano in pigiama e che mettono gli occhiali da vista finti.
    Però A-D-O-R-O i tuoi elenchi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. girano in pigiama?!
      io sono la donnapigiama! voglio trasferirmi lì subito!!!!
      :)
      G R A Z I E

      Elimina
  8. ahahah questo è ancora meglio di quello sul perfetto Newyorkese xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) sto affinando le mie armi ;)

      Elimina
    2. e faccio un uso smodato di faccine, aggiungerei!!!

      Elimina
  9. Ho apprezzato molto il disclaimer in piccolo, moooolto in piccolo ;-)
    Dall'elenco che fai non sono nel novero degli hipster, le certezze nella vita aiutano, vado per esclusione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah BUONGUSTAIA!
      mi piace questa tecnica dell'esclusione, per capire chi siamo, la userò pure io :)

      Elimina
  10. haha, prego ti invito volentieri nel miglio quadrato piu' hipster al mondo..south street philly, punto di ritrovo: davanti al whole food. Altro mezzo di locomozione preferito: skateboard (certe volte fanno di quei liscioni..e poi dai certi hanno palesemnte i 40 superati..su uno skateboard sei un po'...naif)..Cibo: qualsiasi cosa sappia di cartone e derivi dalla soya..e poi gran Juicer..fai in modo che qualsiasi cosa sia compressa nel juicer e si trasformi in qualcosa da bere..si anche del tonno in scatola! le magliette son tutte passate in verocchina..che se le vedesse mia nonna si metterebbe le mani sui capelli! ma li amiamo..senza di loro non proverei mai il brivido di essere falciata da una bici ogni volta che per errore attraverso la strada con il verde!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione lo skateboard (o il longboard che non si fanno mancare nemmeno questo!) come ho fatto a non pensarci?!
      Invece quella del juicer proprio mi mancava! ora controllo meglio cosa si "ciucciano"
      ah io se mi inviti ci vengo volentieri eh!

      Elimina
  11. finalmente me lo hai spiegato... non osavo chiedere a nessuno per non far la figura dell'idiota... ora so tutto e rivendo tutto!
    Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh
      faccio anche io così, quando tutti parlano di una cosa con sicumera e io non ne ho mai sentito parlare, non mi azzardo mai a chiedere: ma che è?
      fortuna che c'è google
      (peccato che da quando sono qui, non capisco la maggior parte delle cose di cui si parla e tanto meno come trasformare il suono in lettere e quindi anche google risulta inutile e la figure dell'idiota non me la leva nessuno!)

      Elimina
  12. :) Milano pullula di hipster! O, meglio, di gente che si agghinda come quelli che tu hai appena descritto. Dubito però che tutti quelli che incontro io, siano "artisti". Di certo si sentono molto trendy... Non importa se a volte "indossano capi orrendi", come diceva Elio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a volte davvero delle cose orribili, però devo dire che qualcuno ha dei guizzi di eleganza che personalmente mi affascinano :)

      Elimina
  13. Risposte
    1. ahahahhahaah Elle ho riso per mezz'ora! ma perchè non l'ho vista? perchè? era proprio alla mia fermata di metro!
      grazie per questa chicca
      (mi sono dimenticata le sigarette nella mia lista!)

      Elimina
  14. Fantastico, non potevi essere più esaustiva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lu! l'esaustività è il mio mestiere...
      ci hai creduto? ;)

      Elimina
  15. in questi giorni nei blog si parla solo di hipsters... di chi li ama, di chi li odia, di chi non li conosceva ma li sta scoprendo. di chi ci si sente. di chi li sfotte. a milano come a NY. il tuo post è davvero carino!
    gli unici veri hipsters erano quelli della beat generation, degli anni 50, tutto il resto è puro marketing.
    spero che questa moda passi in fretta, il primo mese erano anche carucci da guardare ma ora non se ne può più. e poi quanti caspita di soldi bisogna avere per mangiare sempre bio e vestirsi sempre di materiali bio e dotarsi delle tecnologie più avanzate e comprasi mobili vintage?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh mi sa un bel po'!
      infatti qui li chiamano in un modo (che non ricordo) che sta ad indicare proprio il fatto che si mantengano con i soldi dei genitori.
      Le mode passano, rimarranno presto solo gli artisti :)

      Elimina
  16. Sono in giro per tutto il mondo. Ti sei scordata di dire che camminano come se spinti dal vento.
    Io sono un po' hipster, in quanto occhialuta, biologica-vegetariana, robivecchi nell'anima ... Però mi lavoooooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D
      confesso che se c'avessi l'età me li comprerei gli occhiali giusti per fare un po' l'hipster ;)

      Elimina
  17. Occhiali grandi li ho. Arte anche. Biologico a volte. Scarpe strane spesso.tecnologia il più possibile. I jeans stretti in fondo li ho appena presi.Un concerto a Williamsburg ce l'ho.la bici anche...quello che non ho è la magrezza. Proprio no. Non sono una vera hipster...ma posso farcela. Devo solo cercare di non mangiare troppo cioccolato. Anche se biologico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava sissipar!
      che ci vuole a fare un po' di dieta?
      sei ad un passo dal traguardo!

      Elimina
  18. ... vorrei vivere nel tuo quartiere. Punto.
    Splendide foto come sempre. Splendida l'atmosfera che fanno respirare.
    No, non sono una hipster !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandra non me la racconti giusta, quella sciarpetta lì della foto è un po' sospetta.
      è arrivato il momento di fare outing!

      Grazie mille :)

      Elimina
  19. Divertentissimo! Riconosco molte persone che conosco, anche se non hanno tutte le caratteristiche... io mi ritrovo in parte...
    Arte: ce l'ho... nel senso che sono un'appassionata
    Occhiali: ce l'ho...sono una talpa
    Cibo: ce l'ho...mangio più possibile bio...
    Musica: mi manca... ascolto un po' di tutto, anche i gruppi sconosciuti, ma sono una parte molto piccola sul totale...
    Shopping: un pò ce l'ho e un pò mi manca... Non mi piace molto comprare nei mercatini dell'usato, a parte CERTE cose, ma nemmeno nei superstore...
    Abbigliamento: un pò ce l'ho e un pò mi manca...Adoro le scarpe strane e i jeans stretti (però non scopro la caviglia) e impazzisco per i cappelli, pur non portandoli spesso, perchè in una cittadina campagnola come la mia, non mi sento a mio agio col cappello da figa
    Tecnologia: mi manca...il mio cellulare fa a mala pena le foto
    Bici: ce l'ho
    Yoga: Vorrei ma mi manca
    Magrezza: mi manca...devo lavorarci su...

    che dici? a che razza appartengo? :0)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sembra un test su Cioè (oddio Cioè è un po' generazionale come riferimento o lo fanno ancora? aspetta che controllo... esiste ancora!)
      dunque, dicevamo il tuo profilo è:
      Hipster moderato
      Ti piace essere sempre sul pezzo e conoscere le tendenze. Sei un tipo informato, ma non vuoi confonderti con il gregge. Guardi la moda con occhio critico e fai tuo solo ciò che ti sconfinfera senza cadere nell'omologazione
      ti ci ritrovi?
      anche io adoro i cappelli e anche io non li portavo nel mio paesino e ora mi sfogo :)

      Elimina
    2. Idolo! Quanto erano belli i test su cioè?!
      mi sa che domani me lo vado a comprare per veder come è cambiato........
      oh ma... se uscita dall'acqua del mare,mi asciugo le parti intime con il telo di un maschio, dopo 9 mesi nasce un bambino?
      Ti prego aiutami! Sono preoccupatissima! :0)

      Elimina
    3. ahaahhaahhahaah
      Dany se lo compri fammi sapere se adesso fanno domande meno imbecilli!

      Elimina
  20. Interessante descrizione e bellissime foto. Mi pare siano dei (finti) intellettuali o no? Comunque anche questa è NY!
    E ci verrei a nuoto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti veri non possono esserlo, sono tanti così tanti che domenica, quando ho fatto le foto, sembrava ci fosse l'invasione delle cavallette!
      Grazie Titti

      Elimina
  21. Mi pare manchi un accessorio fondamentale: la borsa/cartella!! Che fa universita' ma fa tanto intellettuali specie se la metti con la tracolla che ti trapassa le tette ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e c'hai ragione Veru! la borsa/cartella è un must have sia per uomini che per donne!

      Elimina
  22. Ma sei una grande, una grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi associo:una grandissima,mi sembra
      di vivere ciò che scrivi

      Elimina
    2. @ Grazie Alessandra! troppo gentile :)
      @ manononsolo è che tu sei hipster ante litteram!

      Elimina
    3. Ma i miei occhiali sono piccolissimi!

      Elimina
  23. No, proprio non ci siamo!
    Ehm...

    RispondiElimina
  24. ma i Foster the people non sono proprio sconosciuti!!

    :) carinissimo post, mi ha fatto venire un sacco di voglia di vivere un po' da quelle parti!

    RispondiElimina
  25. Si, confesso di essere ignorante come una capra tonta per quanto riguarda la musica, però il video l'ho scelto solo per le immagini, so hipster :)

    RispondiElimina
  26. questo post è molto ironico e simpatico, seguo sempre con piacere il tuo blog =) PS:Spicy.Ginger.Ale seguo sempre anche il tuo, mi piace leggere delle vostre "avventure americane"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carrie, ma le mie avventure non sono nulla a confronto si quelle di Spicy!
      :)

      Elimina
  27. Forte questo post!
    Gli hipster... mi ricordano i "finti alternativi" degli anni '90. Come qualcuno ha già scritto, non ce li facciamo mancare neppure in Italia, e mi sembra che le caratteristiche ci siano tutte, una più una meno: occhialoni - bicicletta - borsa/cartella - jeans skinny su gambe altrettanto smilze - scarpette sneakers anche d'inverno - alimentazione biologica - vestiti da bancarella vintage (ma smartphone in tasca) e soprattutto la convinzione di essere "creativi".
    Che il cielo ce ne scampi ;-)
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi uno dice che la globalizzazione è un bene!!
      mannaggia al fashion style internazionale :)

      Elimina
  28. hipster fu radical chic ? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse i radical chic erano un pochino meno ferrei sulle regole,
      ma il genere è un po' quello lì

      Elimina
  29. A me piacciono un sacco questi hipster!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hanno un fascino tutto loro, che colpisce quando non te l'aspetti :)

      Elimina
  30. Copionaaaaa!
    No ok... non hai mica copiato me, quindi che mi importa?
    Niente, appunto.
    ^_^

    No ecco era solo che giusto qualche giorno fa era stato sollevato altrove l'argomento Hipster, che grazie a dei geni del doppiaggio hanno fatto diventare hippy, e avevo risegnalato il post di palbi sui suddetti.
    Lo so, non ha certo l'esclusiva a parlare dell'argomento, mi ha solo fatto ridere la coincidenza nei tempi.

    O non era una coincidenza?
    ;-)
    Buona... domenica.

    RispondiElimina
  31. Rabb-it
    ad un certo punto credo di essermi persa
    non c'ho capito nulla
    chi?
    dove?
    come?
    e soprattutto perchè?
    dammi qualche riferimento, please :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Palbi è un blogger che seguo anche su twitter.
      E qualche giorno fa lo avevo obbligato a linkarmi un suo vecchio post sugli Hipster, dopo che nella versione in italiano di un telefilm che seguo avevano cannato il termine.
      Tutto lì.
      Coincidenze.

      Elimina
    2. Grazie Rabb-it adesso ho capito tutto e sono andata anche a leggermi il post
      molto carino, Pabli è proprio bravo
      :)

      Elimina
  32. Ma è fantastico, io sono a metà della strada per diventare hipster, mi mancano solo alcuni accorgimenti. Di sicuro e irrinunciabile ho gli occhiali vistosi e il basilico, mi dovrò esercitare con la vita sociale, visto che snobbo hipster e non hipster, ma se m'impegno..
    Ciao Donna, con estremo ritardo ricambio la visita, do la colpa al fuso orario (...) e poi son fusa anche io, e per di più vado a frugare un vecchio post, ma parto "dall'inizio" per affrontare il mondo newyorkese ;)

    RispondiElimina
  33. Tò, sono atterrata su questo blog non so come (le vie insondabili del web..) e scopro di essere a mia insaputa una quasi-hipster, io che pensavo di essere solo una stracciona quattrocchi in vetrina.... direi che la mia giornata volge decisamente in meglio! :-))) Continuo con l'esplorazione del tuo sito, sia mai che scopro di essere anche qualche cos'altro! :-) A presto, ciao!
    Ah, piacere Valeria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria, benvenuta!
      Hipster è bello :)

      Elimina
  34. Ufficiale sono un hipster!! Ci voglio credere anche se non sono magra ;)
    Ho scoperto il blog per caso e me ne sono innamorata.. complimenti!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...