giovedì 10 novembre 2011

La zuppa di Gordon


Quando parlando di cucina si fa il nome di Gordon, la mente va subito a Ramsay. Invece io vi voglio parlare del signor Hamersley, che con la moglie ha aperto un bistrò nel South End di Boston. Si da il caso che il suo sia il mio ristorante preferito visto che, dopo averlo provato, testato e riprovato, non mi ha mai delusa. Non sono la sola ad amarlo visto che dall'anno scorso ha guadagnato due punti nella classificazione Zagat. Non so se sapete che la guida Michelin ha recensito solo i ristoranti di New York, forse non ritenendo degni quelli sparsi su tutto il territorio statunitense. Lo spirito d'iniziativa non manca certo agli americani che senza perdersi d'animo, hanno iniziato a recensire i ristoranti per conto proprio. On line potete trovare diversi siti con review e consigli, può però succedere che il gusto degli oriundi, non coincida con quello delgli stranieri. Con le guide di Zagat, io mi sono sempre trovata bene, quindi mi sento di suggerirvele. Ecco cosa dice a proposito di Hamersley's bistro
" Bravo Gordon! cheer champions of this south end classic's terrific chef-owner, who's almost always visible in the open kitchen prepping extraordinary seasonal French bistro fare that includes the "to die for" signature roast chicken (famous for a reason") the country atmosphere is the epitome of grace and elegance, just like the charming low-key but efficient servers, and while the meal is expensive the outstanding wine list showcases many reasonable prices"
Aggiungerei solo che le materie prime sono local e organic. Questi due termini, fortunatamente, dal mio punto di vista, stanno diventando sempre più di moda da queste parti, denotando anche qui una crescente attenzione verso il biologico e il km zero.
Gordon cucina con un cappellino da baseball in testa e di tanto in tanto, passa fra i tavoli a salutare i propri ospiti. E' sempre gentile e sorridente e io trovo che sia davvero bravissimo tra i fornelli. 
Potete, quindi, immaginare quanto sono stata felice di trovare on line delle sue videoricette
Lui dice che se è autunno e sei nel New England devi cucinare la zucca e io potevo sottrarmi agli insegnamenti del maestro?

La ricetta l'ho "dedotta" da uno dei video sopra citati ed è entrata nel mio libricino di ricette vincenti da ormai da un anno.

Zuppa di zucca e mele


1 Kg circa di polpa di zucca
1 mela grande o 2 piccole
1 cipolla media
1 cucchiaino di paprika
1 cucchiaino di cumino
1/2 litro di brodo vegetale
sale e pepe


per guarnire
una manciata pinoli
mezza mela
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaio di burro
100gr di caprino
2 cucchiai di panna
prezzemolo


Preriscaldare il forno a 180º. Lavare la zucca e privarla dei semi interni, tagliarla a metà e metterla su di una teglia da forno, ricoperta con la carta oleata. Infornare per 30-40minuti. Nel frattempo sbucciare e tagliare a fettine sottili la cipolla e la mela e farle soffriggere in un filo d'olio, aggiungendo le spezie, il sale e il pepe.
Quando la buccia della zucca sarà completamente molle significa che è arrivato il momento di toglierla dal forno, a questo punto sarà facilissimo levare la polpa, aiutandosi con il cucchiaio.
Aggiunta la zucca nel soffritto far cuocere a fuoco medio, con il coperchio per circa una mezz'ora.
Trascorso il tempo necessario frullare con un mixer o un frullatore ad immersione.
La zuppa è pronta e ci si può sbizzarrire con le decorazioni e gli accostamenti.
In quest'occasione io ho messo una fettina di mela caramellata con burro e zucchero, dei pinoli tostati, una spuma di caprino e del prezzemolo tritato.



ps: la spuma di caprino l'ho ottenuta frullando il formaggio di capra con un goccio di panna, esperimento dell'ultimo minuto quando mi sono accorta di non avere creme fraiche,  piuttosto soddisfacente :)







14 commenti:

  1. ...mmm...quasi quasi....ci provo anch'io.

    RispondiElimina
  2. Buona, ma io non ci provo, troppo complessa per me...

    RispondiElimina
  3. @Guerrero Grazie, è buona davvero :)
    @Vai Cristina!
    @Destinazioneestero. è facilissima! se non vuoi perdere tempo con la decorazione, è buonissima anche in purezza. Certo ti deve piacere la zucca :)

    RispondiElimina
  4. Mi hanno appena regalato una fettona di zucca, mi sa che la faccio così ;-))

    RispondiElimina
  5. dai Oma Duck provala e dimmi come ti sembra :)

    RispondiElimina
  6. buona!!!! poi adoro la zucca! la provo senz'altro!
    benedetta

    RispondiElimina
  7. Hai detto Gordon? :) che bei ricordi! Sì, perché c'ero anch'io la prima volta che siete andati da lui! Domani vado in valle a recuperare un po' di organic zucca del mio babbo e poi rifaccio anch'io la zuppa come Gordon ci insegna!

    RispondiElimina
  8. @ Grazie Benedetta! spero tanto che ti piaccia!
    @Al domani ti scrivo che ho una proposta da farti

    RispondiElimina
  9. zucca zucca e ancora zucca questa ricetta la farò anch'io. Gordon:che bei ricordi

    RispondiElimina
  10. ...troppi bloggamici partecipano a questo contest, la tua zuppa è decisamente originale però, proverò sicuramente a farla ^^
    Barbara

    RispondiElimina
  11. incuriosita! la proverò presto!

    RispondiElimina
  12. Che goduria questa bella zuppa calda invernale! Mi viene già fame!

    RispondiElimina
  13. Grazie Daniela, è davvero buona :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...